Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

DISCARICA LOMBARDI CHIUDE, HA DECISO TAR PUGLIA

Contro_discarica


Il Comune di Conversano ha vinto il ricorso al TAR contro il sopralzo deciso dalla Provincia e contro il decreto del 30 dicembre 2009 col quale Nichi Vendola ha  dato altri 180 giorni di vita alla discarica  privata della Lombardi Ecologia.
Un fatto tanto straordinario quanto inaspettato. Quello che avrebbe dovuto fare il Commissario Vendola e il Presidente Schittulli, l’hanno fatto i giudici amministrativi: la chiusura del terzo lotto e del suo panettone.

Infatti, questa mattina è stata emessa la sentenza con cui il TAR Puglia ha posto fine allo sversamento dei rifiuti in contrada Martucci, creando un vero precedente giurisprudenziale, trattandosi della prima volta in cui un ricorso contro decisioni afferenti gestione rifiuti, decreti commissariali e ordinanze provinciali viene accolto – tra l’altro  in tempi piuttosto rapidi rispetto ai canonici. Avremo modo di entrare nel vivo della sentenza non appena l’avremo nelle mani.

Quali sono gli scenari che si aprono, in parte, lo ha già anticipato l’assessore Lorenzo Nicastro nell’intervista che ci ha rilasciato due giorni fa: i rifiuti dei 21 comuni dell’ATO BA/5 saranno trasferiti fuori bacino.
È facile prevedere un aumento dei costi di smaltimento che, secondo quanto detto da Vendola a Conversano, potranno anche triplicarsi. L’emergenza che, fino a ieri l’Assessore regionale all’Ambiente ha sostenuto non ci fosse, potrebbe far seriamente capolino nel bacino che raggruppa tutti i comuni del Sud-Est barese.

Una situazione difficile e paradossale. Il Bari 5 è l’unico ATO ad aver realizzato gli impianti imposti dal Piano regionale, impianti osannati, di cui la Regione è andata decantando le virtù circa la loro capacità di risolvere in via definitiva il problema dello smaltimento dei rifiuti. Ora questo ATO si trova con una discarica stracolma all’inverosimile, con i “miracolosi” impianti che non funzionano così come dovrebbero, con le imprese titolari della gestione degli stessi che da nove mesi comunque introitano profitti e con i cittadini dei 21 Comuni che oggi si ritrovano a scegliere tra portare fuori bacino i loro rifiuti o tenerseli nei cassonetti per strada.

Chi sono i responsabili di una siffatta situazione? Chi si accollerà i maggiori costi dello smaltimento dei rifiuti dovuti a questa situazione?

Siamo di fronte a un servizio impiantistico di pubblica utilità la cui costruzione e gestione il pubblico ha affidato ai privati. Possibile che la Progetto Ambiente Bacinio Bari Cinque S.r.l. da tutta questa storia ci debba comunque  guadagnare e a rimetterci debba essere solo chi obbligatoriamente paga la TARSU?

Commenti  

 
#3 AMICO 2010-10-09 12:01
Poesie, poesie, poesie .... parole, parole, parole.
E dietro le poesie e le parole del politicante, si prevede e si nasconde una triste verità. I costi per lo smaltimento dei rifiuti che i 21 comuni dovranno sostenere, aumenteranno vertiginosamente. I rifiuti rimarrano tali e continueranno ad esistere. Le discariche continueranno ad esistere. Il CdP (prodotto dagli imbianti di biostabilizzazione) sarà destinato ai termovalorizzatori (con successivo ed ulteriore inquinamento).
Gli stessi Enti comunali, senza alcuna colpa, riverseranno tali maggiori costi sui cittadini attraverso la TARSU o TIA che sia. I cittadini parleranno di "ingiustificati" aumenti. Ma la verità dov'è veramente? Negli errori dei poeti, che anzicchè pensare all'utopia dovrebbero essere più realisti e non essere collaboratori degli imprenditori del "rifiuto".
Con un servizio di raccolta differenziata (in cui si differenzia anche l'organico), e gli impianti a digestione anaerobica, che con un processo completamente ecologico trasformano in concime la parte organica del rifiuto (quella parte cioè, che produce percolato nelle tradizionali discariche, risolveremmo definitivamente ed in modo completamente ecologico il problema dei rifiuti urbani.
Ma questo purtroppo non avviene, perchè c'è la mafia dei rifiuti che lo impedisce.
Svegliamoci, e chiediamo questo alle nostre amministrazioni, se vogliamo bene al nostro pianeta ed alle future generazioni.
Questo significerebbe "sviluppo ecosostenibile".
 
 
#2 menico 2010-10-08 23:57
sentenza sacrosanta! ora vendola passi dalle poesie ai fatti e lo faccia velocemente. triplicheranno la tarsu? chissenefrega noi non paghiamo e portiamo tutti i rifiuti a gioia del colle! ahahha
 
 
#1 cobras 2010-10-08 14:31
a Gianni Nicastro,
puoi stare tranquillo , è cosi' che andra' a finire, noi cittadini saremo ulteriormente penalizzati!
Comunque, la storia dei rifiuti,è diventata veramente una gatta da pelare,solo che io penso, che un poco la colpa sia nostra!
Nessuno vuole i rifiuti nel proprio territorio, a mio modesto parere , ogni regione dovrebbe individure dei siti , e smaltirsi i propri rifiuti!
Questa non è utopia , ci sono in Italia, delle realta in cui cio' accade da un bel po'!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI