Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

IN SALA CONSILIARE INCONTRO-DIBATTITO: EMERGENZA RIFIUTI

palermo_emergenza_rifiuti_all_orizzonte

 

Federconsumatori-Puglia Rutigliano

in occasione del 2° Anniversario di costituzione del locale sportello,

in collaborazione

con il Comune, il Comando di Polizia Municipale e Rutigliano Web

presenta

EMERGENZA RIFIUTI

dall’abbandono degli speciali alla gestione dei rifiuti urbani

-          2° appuntamento -

Venerdì 29 ottobre 2010, 0re 18.30

Sala Consiliare del Comune di Rutigliano

Diretta web della manifestazione su www.rutiglianoweb.it

In un momento di forte attenzione dell’opinione pubblica ai temi della raccolta e smaltimento dei rifiuti a livello nazionale ed anche locale, l’occasione sarà utile per fare il punto non solo sulle tematiche strettamente attinenti al territorio di Rutigliano ma anche sulla attuale situazione della discarica Martucci, che raccoglie i rifiuti di 21 paesi dell’A.T.O. BarI 5. “
Il dibattito a cui parteciperanno scuole, associazioni e privati cittadini offrirà spunti di riflessione per una gestione dei rifiuti che non comprometta il diritto alla salute e ad un ambiente sano ma rappresenti addirittura una risorsa per il territorio.

Si invitano i lettori di Rutiglianoweb ad inviare le loro domande e proposte che saranno poi lette in sala dai relatori.

PROGRAMMA

Apertura

proiezione di un reportage  sull’emergenza rifiuti

a cura di Gianni Nicastro

Coordinatore del Comitato Salute e Ambiente del Sud-Est barese

Saluti

Avv. Tino Sorino, Responsabile Sportello- Federconsumatori di Rutigliano.

Dott. Matteo Colamussi, Presidente del Consiglio comunale;

Interventi

Sindaco di Rutigliano dott. Roberto Romagno

Vice Presidente della Provincia di Bari dott. Nuccio Altieri

Esponente del Comitato “Riprendiamoci il futuro”

avv. Pasquale Loiacono

Dibattito

Chiusura

Dott. Luigi D’Oronzo, Presidente Federconsumatori

Regione Puglia

Moderatore

Gianni Nicastro

La  S.V. è invitata

Federconsumatori-Puglia- Rutigliano

Avv.Tino Sorino


Commenti  

 
#7 cobras 2010-10-30 21:28
concordo in parte con patata,
essendo io un esercente, dico che non è proprio cosi, e mi spiego,
gli "esercenti" non sono tutti uguali,difatti la maggior parte cerca di mettere i cartoni o altro materiale di scarto la dove gli viene imposto di metterlo, c'è da dire poi che questa categoria (se patata non lo sa', lo aggiorno io) è quella che paga la fascia piu' esosa della TARSU, cioè un sacco di soldi, il ridicolo è che viene servita malissimo e spesso se i cartoni giacciono per tanto tempo vicino agli esercizi commerciali , è colpa di chi non li raccoglie.
Sono daccordissimo sul fatto che bisognerebbe insegnare ai nostri figli, prima che la matematica , l'educazione civica , il problema è che il pesce puzza dalla testa! e di conseguenza se non impariamo a valutare bene quando andiamo a votare, per mandare la gente giusta e non i venditori di fumo che ci stanno rovinando in maniera irrimediabile!
le istituzioni devono impartire le regole! e i cittadini devono rispettarle!!!
 
 
#6 patata 2010-10-30 16:01
vorrei far presente che ci sono ancora esercenti che con i loro bei e pieni carrelli di scarti di ogni genere, rifiuti, carte e cartoni , buste stracolme e a qualsiasi orario del giorno contribuiscono a migliorare il nostro arredo urbano creando montagne che trabordano dai cassonetti. che schifo!!
che schifezza incredibile...
gia' 11 anni fa' nel comune dove abitavo prima si faceva raccolta porta a porta e il riciclo funzionava lasciando strade pulite e libere.
insegnamo ai nostri figli e a noi che qualsiasi cosa va' gettata dove serve e non per terra e' questione di civilta'.
facciamo crescere uomini e non porci.
proponiamola come materia scolastica puo' essere molto utile.
spero che non sia come al solito un appello gettato nel vuoto questo!
in fondo ci sono cose piu' inutili di cui occuparsi!
 
 
#5 tnt 2010-10-29 17:48
lo so' e' compreso nel prezzo. quindi visto che paghiamo la tassa sui rifiuti solidi urbani ci sentiamo autorizzati a gettare la spazzatura dalle finestre e sporcare ogni angolo di rutigliano, mentalita' da meridionale ottuso e menefreghista. a questo punto ha ragione la lega nord......:sad:
 
 
#4 ....... 2010-10-29 13:25
Penso che il costo della pulizia del post mercato settimanale sia a carico del comune perchè compreso nel prezzo dello spazio pagato dal mercante.
 
 
#3 ... 2010-10-28 22:48
peccato, un gran bel tema, un tema attuale, un bel dibattito e non è stato pubblicizzato, nemmeno sul sito del Comune di Rutigliano.......
 
 
#2 richiesta 2010-10-28 17:43
Vorrei conoscere le varie associazioni di categoria presenti sul territorio, le loro iniziative, le loro proposte, i loro progetti.
credo che possano mobilitare e creare informazione molto di più loro (gratuitamente tra l'altro) che gli amministratori a volte (molto spesso) impegnati con i soliti problemi.
grazie
 
 
#1 tnt 2010-10-21 23:35
domanda: imponiamo a rutigliano la raccolta differenziata, eliminiamo i vecchi cassonetti e sostituiamoli con cassonetti plastica, vetro, lattine, cartoni, umido. ogni quartiere deve avere un punto di raccolta fisso.
il mercato settimanale: piu' che un mercato mi sembra una discarica a cielo aperto, quando i commercianti vanno via lasciano un casino tremendo. imporre a questa "nobile" gente di riordinare la loro immondizia conferendola in appositi spazi istituiti ad ok magari nei pressi del mercato coperto pena la revoca del posto assegnato accompagnato da un bel verbalino.
prima di parlare di tenere pulito il mondo iniziamo a tener pulita la nostra casa, senza fare serate di sfilate politiche completamente inutili.
grazie.........
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI