Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

PIÙ CONTROLLI E PIÙ DIFFERENZIATA. Video

Disegni_conferenza


Grande partecipazione alla conferenza sui rifiuti organizzata dal locale sportello della  Federconsumatori tenuto dall’avv. Tino Sorino, iniziativa che si è svolta venerdì scorso nell’aula consiliare del comune di Rutigliano.
Importante è stata anche la presenza delle scuole. Gli alunni e le maestre della scuola elementare “Settanni” e della scuola media “Manzoni” hanno segnato la loro presenza con disegni e interventi sul problema in discussione. E’ intervenuta anche una nutrita delegazione dell’Associazione “Il prato fiorito” che, attraverso le domande poste da tre suoi componenti, è entrata nel vivo del tema della serata.

91
Era presente anche l’UTE per la quale la direttrice è intervenuta ponendo con decisione l’accento sulla  necessità di potenziare la raccolta differenziata, perchè, ha detto, la sensibilità c’è, finanche negli anziani, i quali vorrebbero praticarla meglio. Bisogna, quindi, mettere i cittadini nelle condizioni di poterla fare la raccolta differenziata e farla nel migliore dei modi.

Il tema dunque o, se volete, il problema, di cui si è discusso è stato quello dei rifiuti, dall’abbandono sul suolo pubblico alla gestione di quelli urbani.
Il via alla discussione lo ha dato un reportage (qui sotto pubblicato) sullo scempio che il nostro territorio subisce a causa dell’abbandono, prevalentemente, di rifiuti speciali come teloni di plastica (polietilene), amianto e ingombranti. Molto spesso queste discariche abusive vengono incendiate, un po’ per nascondere alla vista quello che si butta, un po’ anche per ridurre il volume dei rifiuti e avere sempre spazio a portata di mano per abbandonarne altri.

29Nel reportage c’è anche l’intervista a un cittadino che abita a due passi dalla discarica abusiva di contrada Bigetti, il quale -disperato- chiede al comune di ripulire quell’indecoroso spettacolo che pone anche problemi di igiene pubblica.

Come in contrada Bigetti, e ancora peggio, succede sotto il ponte della circonvallazione che si trova andando verso Capurso, un centinaio di metri prima dello stabilimento che produce asfalto. A quell’altezza, sulla destra, c’è una stradina presa la quale si arriva sotto un ponte completamente annerito, cotto, dal calore del fuoco dei rifiuti, praticamente un inceneritore a cielo aperto. Ci si trova di fronte a un mare di cenere nera fusa tipica dei materiali plastici bruciati, ai soliti teloni e copertoni esausti.
Più avanti, a Monte Nuovo, nell’area ex cava di creta dell’Italcementi, c’è una discarica di inerti di ogni tipo, compresi grandi manufatti di cemento armato.

Dalla denuncia dello stesso tipo fatta ad aprile scorso, in una analoga iniziativa, poco è cambiato. In sei mesi solo tre siti sono stati bonificati, due dal comune e uno dal privato. 39All’Annunziata la catasta di teloni e di amianto è stata pulita ad aprile scorso in occasione della pasquetta. La discarica che c’era davanti la storica chiesa di San Lorenzo è stata ripulita e il luogo recintato. Subito dopo, però, quello stesso luogo è stato preso d’assalto dai soliti ignoti incivili che vi hanno scaricato decine di copertoni esausti. Insomma non si fa in tempo a pulire che subito si ricomincia da capo.

L’altro sito ripulito è la discarica abusiva di inerti improvvisata su un fondo in piena zona archeologica a Castiello, una discarica da rutiglianoweb denunciata a novembre del ’09 e subito dopo sequestrata dalla Procura della Repubblica di Bari. Il proprietario è stato costretto a rimuovere i rifiuti e a ripristinare, in qualche modo, lo stato dei luoghi.

Infine, dagli interventi del pubblico sono emerse due cose di cui si chiede conto. Il controllo: manca del tutto, quindi, chiunque può indisturbato trattare il territorio come una enorme pattumiera personale.
La raccolta differenziata: se ne chiede una migliore organizzazione anche perchè il nostro comune è all’ultimo posto tra i ventuno del bacino BA/5  per quel che riguarda le percentuali di differenziazione: 7,3 % ad agosto 2010.

Secondo la legge (152/2006) dovremmo, invece, chiudere l’anno in corso con una differenziata tra il 45 e il 65%. Il Piano regionale dei rifiuti per l’anno 2010 è ancora più preciso: dovremmo aver praticato il 55% minimo di raccolta differenziata.
Questi obiettivi non sono impossibili, tutto dipende dal sistema che si adotta per differenziare i rifiuti.
A breve una sintesi video della conferenza
Buona visione



 

Commenti  

 
#9 menico 2010-11-05 21:10
la raccolta porta a porta obbligatoria è l' unica soluzione. si può anche migliorare con l' aggiunta di incentivi (tipo pagare solo l' umido in base al peso) e disincentivi per migliorare la qualità del differenziato (tipo multare chi mette nei bidoni della differenzia altra roba..). al comune dico che il tempo è quasi scaduto! MUOVETEVI!
 
 
#8 antonio fortunato 2010-11-05 09:50
solo una integrazione al commento di Ciani.

... non è necessario andare troppo lontano! anche nel sud salento (dove ho una abitazione) viene fatta la differenziata porta a porta e funziona alla grande.
il lunedì, il mercoledì, il venerdì ed il sabato: solo l'umido
il martedì: plastica e carta
il giovedì: il vetro.
ogni abitante ha tre raccoglitori per le tre raccolte e non esistono i cassonetti - se sbagli ...non raccolgono e ti lasciano il contenitore pieno.
In quasi tutti i comuni c'è un centro raccolta (isola ecologica) dove sino ad una certa ora e nei medesimi giorni puoi portare le buste della raccolta differenziata e depositare gli ingombranti.
Ho già detto in altri commenti che "vincente" per la differenziata è la raccolta porta a porta, "perdente" è la raccolta che vogliono fare a Rutigliano, lasciando per il resto del paese (raccolta porta a porta solo per il vecchio centro storico) i cassonetti; continueremo a vedere cassonetti pieni e rifiuti di ogni genere nei pressi.
 
 
#7 ENDRIUS 2010-11-04 17:46
Ragazzi vedo che siamo tutti daccordo che la differenziata si deve fare. Secondo me anche le istituzioni ci devono mettere in condizione di farla perchè ognuno butta quello che ha nei bidoni della spazzatura (ferro, umido,plastica e carta) perchè non sa dove metterla. Dopo applicherei sanzioni salatissime a chi (delinquenti) bruciano teloni in campagna abbandonano elettrodomestici ecc. con gravi coseguenze all'ambiente (A NOI!!!). Nel mio post me la prendo con le persone irresponsabili, sono sicuro che se ci mettono in condizione la differenziata a Rutigliano la fa più dell'70%. Buon giorno a tutti.
 
 
#6 AMICO 2010-11-03 05:20
Redazione, anzicchè fare foto e riprese a posteriori, perchè non cercate di fotografare o riprendere qualche furbetto mentre compie l'atto osceno.
Sono d'accordo con ENDRIUS e tnt: guardiamoci allo specchio.
Chissà che non sia proprio il primo che denuncia a dover essere denunciato.
Se qualcosa non và, dobbiamo ringraziare noi stessi ed il nostro amore per la natura e la mancanza di rispetto per gli altri.
Sono stanco di vedere questi filmati che fanno solo male a chi li guarda.
Fanno insorgere un senso di disprezzo verso chi li compie (tutti noi).
IPOCRITI TUTTI. Anch'io.
A Ciani.
Nei paesi d'Europa che ci circondano, non servono premi ai cittadini. Loro lo fanno e basta, perchè se non lo facessero si sentirebbero incivili.
Io ci sono stato, e non ci sono premi per nessuno. Ci sono sanzioni pesantissime per chi non rispetta le semplici regole che contraddistinguono un paese civile.
Noi purtroppo non siamo un paese civile, ecco perchè invochiamo futili benefici economici per rispettare le regole di civilità.
Vergognamoci quando diciamo o chiediamo certe cose, perchè è segno di immaturità.
 
 
#5 vito da torino rutiglianese doc 2010-11-03 03:22
che siete bravi complimenti ci lamentiamo di napoli ma vedo che non ce diferenza forza continiuamo cosi che avremo la coppa.
 
 
#4 ciani 2010-11-03 00:57
Volevo segnalare agli amici e alla redazione la distanza anni luce che c'e' fra noi e certe realta' del nord italia e di alcune nazioni estere tipo Olanda e Belgio Germania e Lussemburgo dove i rifiuti differenziati si raccolgono casa per casa con tanto di bidoni appositi forniti dalle imprese della nettezza urbana che da un premio a chi differenzia di piu in euro in meno da pagare sulla tassa per lo smaltimento stesso. I bidoni sono grandi e capienti in modo che la raccolta viene fatta 2 volte la settimana e quando succede tutti mettono fuori i contenitori. Poi i rifiuti speciali vengono portati in appositi luoghi di raccolta dove ci sono dei grandi container uno per ogni tipicita' di rifiuto e senza pagare nulla. E non esistono discariche a cielo aperto. Qui stiamo a fare l'opposizione ai camion della monnezza che si deve scaricare da tutte le parti tranne nei dintorni delle nostre case.... riflettiamo... siamo in comunita' con questi marziani !!
 
 
#3 futuromigliore 2010-11-03 00:16
SONO D'ACCORDISSIMO!l 'unico modo per incrementare la Differenziata a Rutigliano è la RACCOLTA PORTA A PORTA!Quando si deciderà il Comune a prendere questi provvedimenti?Non si stava lavorando al nuovo piano sulla raccolta dei rifiuti??Perchè non si tiene mai conto delle richieste che i cittadini rutiglianesi pongono DA TEMPO???A che servono questi incontri, se poi non si attuano e proposte?
 
 
#2 tnt 2010-11-02 23:28
perfetto endrius! a parlare tutti bravi e poi buttano rifiuti ovunque. tutti carichi a chiacchiere, ha propio ragione la lega nord.
 
 
#1 ENDRIUS 2010-11-02 21:11
I cittadini chiedono più controlli ??? Ma se sono proprio i cittadini a non fare la differenziata !!!! Bisognerebbe denunciare chi abbandona rifiuti a cielo aperto.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI