Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

PARTECIPATA L’ASSEMBLEA DEL COMITATO

assemblea_comitato



I residenti della parte antica della città si sono organizzarti in comitato. Nasce, dunque, il primo comitato cittadino del centro storico.
C’è stata grande partecipazione all’assemblea che si è tenuta nella Sala parrocchiale della Chiesa Madre giovedì scorso, organizzata da alcuni residenti promotori dell’iniziativa. Si sono visti signori e signore anziani, giovani e anche bambini.

Non vuole “valorizzare” il centro storico così come farebbe associazione. Questo è, invece, «un comitato temporaneo che vuole affrontare i problemi», vuole interloquire con l’unica realtà organizzata esistente nel borgo antico, l’associazione Porta Nuova. Così ha esordito Franco Lombardo, che ha aperto i lavori.
E’ andato poi subito al sodo toccando il problema dei problemi: la viabilità. Il centro storico ha, sostanzialmente, due accessi carrabili, Porta nuova e via Marconi. «Per entrare da via Marconi bisogna chiamare i vigili» ha detto Lombardo. Ci si trova davanti alla solita auto ferma proprio in mezzo alla strada tra l’angolo di Verna e quello della Banca. A volte ce n’è più d’una, è una battaglia continua.
Comitato_1
E' cominciata la discussione e ognuno ha detto la propria. Qualcuno si è soffermato su problemi piuttosto particolari, come ha fatto una signora, la quale ha esordito chiedendosi se «piazza Colamussi è una piazza o un cortile». Si è lamentata delle feste che lasciano sporcizia e puzza quando smobilitano, dei bambini che fanno chiasso e martellano col pallone ad ogni ora e che, addirittura, salgono dalla grondaia per recuperarlo quando finisce sul suo terrazzo. «A scendere, poi, li faccio passare da dentro casa perché ho paura che si facciano male», ha detto la signora.

Don Peppino si è lamentato della mancanza dei marciapiedi e del parcheggio selvaggio. «A volte -ha redarguito- non si può neanche uscire di casa a causa delle auto parcheggiate».
Francesco Paolo Valenzano si è chiesto qual è l’idea di centro storico che ha l’amministrazione comunale, se un’idea ce l’ha. «Ci vuole una fase progettuale», quindi, «dobbiamo trovare delle idee e proporle all’amministrazione».

C’era anche una commerciante, ha posto il problema dell’assenza di attività commerciali, un problema che tutte le amministrazioni dicono di voler affrontare, ma sul quale fin ora nessuno ha mai fatto nulla. Anche «i forestieri si lamentano di questa mancanza», ha detto la signora suggerendo incentivi economici, la riduzione o l’esenzione dei tributi per tutte le attività che vogliano insediarsi nella città vecchia. «Non è possibile -ha aggiunto- che a pulire il centro storico ci sia solo un netturbino».

Si è parlato del chiasso che fanno alcuni locali -soprattutto nelle ore notturne- e di “emergenza” igienica (strada e angoli usati come orinatoi) che si ha dopo ogni assembramento festaiolo. Perlomeno «il sabato e la domenica -ha detto un altro residente- bisogna tenere chiuso alla circolazione il centro storico». Problematico è anche l’accesso ai mezzi dell’emergenza (ambulanze, pompieri) e la raccolta dei rifiuti, che una giovane donna chiede sia praticata porta a porta e in modo differenziato, una richiesta ribadita in più interventi.

comitato_2Ha parlato anche il presidente dell’Associazione Porta Nuova, Pietro Poli, il quale ha ricordato un questionario che l’amministrazione comunale fece recapitare a tutti i residenti due anni fa, su cui segnalare i problemi di vivibilità del centro storico, da restituire in forma anonima. «Ne sono stati distribuiti in 550 copie -ha detto- ma solo il 20% è tornato indietro compilato». Si è persa, dunque, l’opportunità di segnalare i problemi, di essere coinvolti come residenti in un confronto con l’amministrazione già da allora.
Il presidente di “Porta Nuova” ha poi lanciato una provocazione: «Piazza Colamussi e altri luoghi del centro storico devono essere puliti dopo ogni feste così come si fa il lunedì col mercato».

Era presente anche Don Emilio, il nuovo arciprete, che ha fatto gli onori di casa. Ha plaudito l’iniziativa, un momento di incontro e confronto positivo. Lui viene da Conversano dove il centro storico è più vivo per la presenza di numerose attività non solo commerciali. Anche Don Emilio è d’accordo a limitare il più possibile la circolazione delle auto. «Si potrebbe anche solo in via sperimentale chiudere al traffico il sabato e la domenica» ha detto prima di lasciare l’incontro per altri impegni.

C’è un problema che quella sera è stato solo nominato ma che merita una particolare attenzione: l’amianto. Il centro storico è pieno di amianto sottoforma di vecchie coperture di eternit e canne fumarie deteriorate dal tempo, quindi, pericolose per la salute. Il crollo di un’ala del palazzo Pappalepore (più noto come palazzo Gilda) avvenuto l’anno scorso poteva trasformarsi in una vera e propria emergenza sanitarie per l’intera città se i solai crollati fossero stati di amianto; su quell’edificio, comunque, ce n’è parecchio.

Di interventi, tornando al comitato, giovedì ce ne sono stati tanti e tutti, grosso modo, hanno posto le stesse questioni.
Ora, se dovessimo sintetizzare -sulla base della priorità- in una scaletta i problemi che più sono emersi in quella assemblea, questa sarebbe così articolata: viabilità, parcheggi, igiene, quiete pubblica, controllo e sicurezza, rifiuti, spopolamento.
Riuscirà il nascente comitato cittadino a discuterci su e, cosa più importante, a trovare soluzioni condivise il più largamente possibile? E’ un compito difficile. Quand’anche si riesca a trovare la sintesi c’è poi la fase di confronto con l’amministrazione comunale la cui sensibilità e disponibilità sull’argomento va testata.

L’assemblea si è conclusa con l’impegno di rivedersi ancora una volta prima delle feste natalizie e con la disponibilità di una decina di persone a formare un gruppo che nel frattempo approfondisca le questioni ed elabori una serie di proposte sulle quali lavorare.

Per cominciare si potrebbe da subito chiedere due cose.
Un regolamento del centro storico che disciplini qualsiasi attività vi si svolga, dalle feste alle iniziative culturali, dai concerti alle manifestazioni in generale. Fare di Piazza Gesù Bambino di Praga (su corso Garibaldi) un’area a parcheggio riservata ai residenti del centro storico, questo contribuirebbe a “lenire” uno dei più grandi disagi che affliggono quella parte di città.

Commenti  

 
#36 cobras 2010-11-29 20:17
per libero-n
condivido tutto quello che hai scritto,non sono d'accordo sul fatto che bisognerebbe puntare sui controlli dei vigili o forze dell'ordine che dir si voglia, per far si che i cittadini rispettino le regole, fermo restando che intanto c'è da augurarsi, che le forze "dell'ordine", facciano il loro dovere; io , invece sono convinto che sia tutta questione di CIVILTA', è quella che manca nel nostro paese Italia, nella nostra cittadina poi!!!!
Comunque, noi tutti ,dovremmo farci un bel esame di coscienza, e iniziare a darci lezioni di , CIVILTA'.
 
 
#35 libero_n 2010-11-29 14:23
Non volevo più scrivere, visto che alcuni miei post precedenti sono stati ingiustamente censurati...ma sig. Fortunato, lo sa che i primi che non rispettano i divieti di sosta nel CS sono proprio alcuni abitanti dello stesso e che ora si ergono a paladini della giustizia?
Qui il problema non è solo degli abitanti del CS, strade o sporche o incivili che portano a spasso i loro cani vicino alle case degli altri, per meglio fargli fare i bisognini, Rutigliano è piena di questa gente e spesso sono forze dell'ordine in borghese che dimenticano la paletta a casa(come previsto dalla legge). Io ogni mattina sono costretto a disinfettare gli angoli di casa.
Il fatto è che per una questione puramente politica, qualcuno ha sollevato una polemica che coinvolge le associazioni di Rutigliano che lavorano e si impegnano per rutigliano. Mi vien da ridere vedere la partecipazione di taluni personaggi al costituendo comitato: i primi a non rispettare i segnali posizionati anche nel CS.
Forse su di una sola cosa qualcuno ha ragione: la necessità di maggiori controlli da parte di vigili e carabinieri. Vigili devono multare quanti parcheggiano dove è vietato, devono multare coloro che circolano nel CS senza averne diritto ...e poi vediamo se qualcuno non si pentirà di aver sollevato questa inutile polemica. E tutto questo non vale solo per il CS ma per tutto il paese: basta vedere macchine parcheggiate nei modi più impensati o circolare in senso contrario. Multate e se è necessario e previsto sequestrate i mezzi!!!
Volete attività commerciali nel CS? ma quali possono trovare una giusta collocazione? ve lo siete chiesto? forse pub o pizzeria? paninoteche o cosa? oggi sono queste le attività che ti animano il territorio...ma voi abitanti del CS saresti contenti di queste collocazioni? o volete solo gioiellerie e macellerie?
...basta con le polemiche stupide, invece di nascondervi dietro comitati o manifesti anonimi, se volete far politica fatela! se ricoprite ruoli politici svolgete il vostro compito senza sotterfugi "sarete apprezzati e premiati"!
PS: possibilmente una politica costruttiva fatta di confronti e proposizioni!
Saluti a tutti...a Dolores in particolare ;-)
 
 
#34 Rocco 2010-11-29 00:29
Cara Dolores,
che ci siano tante cose da fare nessuno lo mette in dubbio e certamente ci sarà bisogno del contributo di tutti, ma ribadisco il concetto che la mancanza di sicurezza non aiuta l'innescarsi di quel circuito virtuoso che può portare a rivitalizzare il nostro meraviglioso centro storico.
 
 
#33 MASSI 2010-11-28 18:10
PORTANUOVA LUNEDI' 6 DICEMBRE ORGANIZZA 4à EDIZIONE BAMBINI ARRIVA BABBO NATALE RISERVATA AI BAMBINI DA ZERO A DIECI ANNI ORE 16 CORTILE CASTELLO.HA BISOGNO DI TUTTI PER DARE UN IMMAGINE DI UN CENTRO STORICO CHE VUOLE CRESCERE ANCHE SE LENTAMENTE MA UN PASSO IN AVANTI E' MOLTO PER NOI. GRAZIE
 
 
#32 dolores 2010-11-28 16:12
carissimo zoticman se non comprendi il mio italiano o la sostanza del mio commento vorrà dire: o che devi ancora ancora e ancora e altro ancora studiare più di me oppure come dice rocco comunicare via web per alcuni :-* diventa difficile comprendere....felice domenica

ps:
 
 
#31 ZoticMan 2010-11-28 13:39
Scusa Dolores, ma qual è il senso di ciò che hai scritto? A me sembra che tu abbia scritto un sacco di roba ma che in sostanza abbia detto davvero poco. Ascolta uno che ha studiato molti anni più di te, prima di postare un commento, annota su un figlio di carta i punti che vuoi analizzare, e poi affrontali singolarmente. Se poi questi punti hanno un filo conduttore, molto meglio!
 
 
#30 dolores 2010-11-28 10:41
....gent.mo rocco oltre a far campagna elettorale contro chi ci governa mi spieghi di propositivo cosa c'è nel tuo post verso chi con "coraggio" ha messo in piazza le proprie esigenze per risovere i problemi del CS? "presidiare" il centro storico da parte delle forze dell'ordine limitare il traffico sono per te misure sufficienti a riqualificare il nostro centro storico? per ogni paese che si rispetti il centro storico è il suo biglietto da visita ...si è parlato tanto di decoro e di igiene del CS a parte qualche proprietario (non bisogna mai fare dell'erba tutto un fascio) altri si sono mai preoccupati di ripulire sistemare locali abbandonati che sono habitat e rifugio di molti "animali"? il CS ha un senso solo se vi è vivibilità e per far questo secondo te oltre a chi vi risiede non si ha bisogno di uffici luoghi di aggregazioni e attività commerciali? logicamente a quest'ultimi bisogna garantirgli di poter lavorare in condizioni migliori (scarico merce,agevolazioni etc etc)... si è puntato il dito contro le associazioni e i comitati ritengo ancora una volta che queste iniziative svolte all'interno del CS siano motivo di crescita culturale e sociale...per risolvere questi problemi giustamente elencati dal comitato dei cittadini del CS si ha bisogno di più collaborazione e tolleranza...c'è la necessità di coinvolgere abitanti associazioni operatori culturali forze dell'ordine e spetta logicamente alla nostra amministrazione coordinare e stilare un progetto di condivisione e confronto....."presidiare" o controllare caro rocco è indispensabile certo ma limitarsi a ciò diventa troppo facile....buona giornata
 
 
#29 Rocco 2010-11-27 11:29
Certo comunicare via web è difficile ma ho la sensazione che ci sono persone (riceventi) che tendono a ostinarsi all'osservazione della forma del messaggio e non della sostanza.

Ho usato il termine "presidiare" e qualcuno ha subito pensato alla militarizzazione del centro storico, ma con un pò di buon senso avrebbe potuto capire che mi riferivo alla necessità espressa dai cittadini del centro storico di avere un'azione più efficace (attualmente assente) da parte delle forze dell'ordine.

La tendenza dei politici di farci concentrare l'attenzione sulla forma per distrarci dal contenuto vedo che ha attecchito.

Così passiamo giorni a discutere se Ruby è o non è nipote ad un personaggio importante, se è o non è maggiorenne e così via. Ma nessuno si chiede se può, chi fa uso a pagamento di donne (tali personaggi si definiscono Don Giovanni :lol: ) o chi ha evaso le tasse, governare un paese e rappresentare un popolo.

Allora mi chiedo se non sarebbe il caso di essere più attenti alla sostanza delle cose, cercando di essere propositivi, dando risposte concrete a chi ha il coraggio di mettere in piazza le proprie esigenze.

Hasta la vista
 
 
#28 MASSI 2010-11-25 13:24
caro JACK ANCHE PER TE LE PORTE SONO APERTE E FORSE L'ASSOCIAZIONE PORTANUOVA HA BISOGNO DELLE TUE IDEE. SEI INVITATO SENZA NESSUNA DIFFICOLTA'
 
 
#27 dolores 2010-11-25 11:53
oh perbacco!!!!!!!!! sig antonio fortunato :-* ha fatto la "scoperta dell'America"......... buona giornata
 
 
#26 antonio fortunato 2010-11-25 09:56
Oh parbleu! Ho l’impressione di aver incrociato il mio fioretto con una “associazionista”.
Dolores, mi sembra che stiamo girando intorno ai problemi . Quello che io difendo è il “DIRITTO” di ogni persona ad avere – nell’incontro con altre persone – rispetto, correttezza ed educazione; ed è quello che chiedono anche gli abitanti del centro storico.
Quello che io chiedo all’Amministrazione Comunale è di prestare attenzione alle legittime aspettative del cittadino, al sociale, alla vivibilità dell’ambiente, al diritto alla salute e di effettuare controlli per far rispettare leggi e regolamenti; ed è quello che richiedono anche gli abitanti del centro storico.
Di conseguenza non posso non essere in sintonia con loro!
Questa vicenda ricorda da vicino un’altra questione più e più volte trattata – paradossale e kafkiana – quella dell’utilizzo fitofarmaci nei pressi delle abitazioni, dove il mio DIRITTO –costituzionalmente tutelato - alla salute e ad un ambiente salubre, viene “compresso e limitato ” dalle esigenze dei produttori agricoli ad irrorare le loro produzioni.
… giuro che non replicherò più.
 
 
#25 dolores 2010-11-24 20:31
.....antonio non si può gestire il centro storico come proprietà privata.....ma vi chiedo: nessuno più si ricorda come ci si divertiva nel centro storico? quanti negozi vi lavoravano? la macelleria il fruttivendolo la farmacia la merceria l'oreficeria i tabaccai e tanti altri ancora? erano altri tempi o erano altre persone? piazza colamussi era la piazza del pesce e di urla uff quante se ne sentivano...ora invece per quelle tre quattro manifestazioni che si tengono durante l'anno(ribadisco meno male che ci sono)non si riescono a tollerare ma signori miei..... poi vorrei fare una domanda agli abitanti del CS: quando uscite dalle vostre mura vi comportate nella maniera corretta che chiedete a chi occasionalmente transita per le vie del centro storico? non vi è mai capitato di buttare che so un carta per terra? parcheggiare in seconda fila? assistere ad un concerto sino a tardi presso un altra piazza? buttare le bucce delle noccioline acquistate da "stroppecchino"? in paese ci conosciamo un pò tutti 8) ..... sono la prima a sostenere che bisogna difendere il centro storico cosi come bisogna difendere anche altre parti del paese perchè i diritti caro antonio ce li ha sia l'abitante che abita in centro e sia quello che abita in periferia :roll: felice serata
 
 
#24 antonio fortunato 2010-11-24 17:56
Mi ripeto. Nulla in contrario contro le manifestazioni nel centro storico se ben organizzate e rispettose dell'ambiente circostante!
Bisogna, però, rispettare il diritto e le esigenze degli abitanti - che amano davvero il loro centro storico - ad avere una vita "ordinata" , "regolata" e "rispettosa" del loro habitat.
Non credo che questo diritto e queste esigenze debbano trovare un limite ed essere "compresse" da quelle "manifestazioni", non sempre ben organizzate, un po caciarone e maleducate che lasciano lo sporco in ogni dove e portano i disagi lamentati dagli abitanti.
Da come si sta sviluppando questo dibattito, sembra quasi che non tutti vogliano riconoscere diritti agli abitanti del "borgo" ... che devono stare zitti e tollerare maleducazione, mancanza di parcheggi, difficoltà di viabilità, scarsi controlli, scarsa igiene e .... pipì agli angoli delle loro abitazioni.
 
 
#23 dolores 2010-11-24 13:38
....appunto caro antonio f. quell'altro ci manca "la garitta con all'interno il vigile urbano armato" :lol: ..... chi non vorrebbe e desidererebbe nel proprio paese più rispetto per il decoro urbano? ma prima bisogna risolvere i problemi alla base attraverso l'impiego di fondi e piani di riqualificazione urbana più consoni e mirati da parte dell'amministrazione e solo dopo aver fatto questo ci si deve occupare anche del decoro urbano come la classica ciliegina sulla torta..... eppoi caro antonio e cari abitanti del CS non ci sono solo coloro che sporcano imbrattano urlano si ubricano fanno i loro bisogni fisologici in ogni angolo del centro storico ma ci siamo anche NOI gente a modo che pur non abitando nel CS sa apprezzare e rispettare quello che è il luogo più antico è importante del nostro paese...... ;-) saluti
 
 
#22 libero_n 2010-11-24 13:13
Cara Redazione...credo che i miei interventi erano civili e pertinenti. Avete concesso la possibilità a "Diamante" di avere il suo messaggio offensivo per una intera giornata, senza pubblicare alcun contradditorio, nel momento in cui ho risposto in modo pacato e soprattutto non volgare, avete censurato il mio messaggio.
Liberi di comportarvi come credete, del resto la proprietà del sito è vostra. Ma siete stati poco democratici e molto di parte.
Buon lavoro
 
 
#21 La redazione 2010-11-24 12:09
«☺libero_n 2010-11-24 09:34
X la redazione: ...sbaglio o avete eliminato un mio intervento?»

Non sbaglia. Abbiamo eliminato il suo e altri commenti a causa di un eccesso di polemica.

Discutete nel merito delle questioni, senza inutili eccessi verbali, con toni ed espressioni civili e i vostri commenti saranno pubblicati
 
 
#20 antonio fortunato 2010-11-24 09:46
... e dai dolores! "presidiare" non inteso come: "mettiamo una garitta con guardia armata nel centro storico" ma .. protezione, controllo, maggior presenza delle forze di polizia.
... maggior presenza per il controllo ed il rispetto di leggi e regolamenti che, sono sicuro, tutti noi vorremmo ci fosse non solo nel centro storico ma in tutta Rutigliano!
Nessuno vuole che "il centro storico diventi come la classica stanza del salotto delle nostre nonne...." ... ma una richiesta degli abitanti di educazione, attenzione e rispetto per il "decoro urbano", questo si!
 
 
#19 libero_n 2010-11-24 09:34
X la redazione: ...sbaglio o avete eliminato un mio intervento?
 
 
#18 dolores 2010-11-24 08:13
PRESIDIARE il centro storico? ....
 
 
#17 Rocco Gagliardi 2010-11-23 20:29
Negli interventi ascoltati durante l'assemblea tra le esigenze evidenziate dai partecipanti ho potuto rilevare un denominatore comune: la mancata presenza delle forze dell'ordine.
Personalmente penso che fino a quando il centro storico non sarà ben presidiato e vigilato, qualsiasi progetto rimarrà solo sulla carta.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI