Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

IL NO DELLA REGIONE ALLE PROPOSTE DELL'ITC

itc_montale

Per l’Istituto Tecnico Commerciale “E. Montale” di Rutigliano, l’Ufficio Scolastico Regionale ha dato parere negativo alla proposta di attivazione dell’indirizzo Turismo nell'ambito del Settore Economico e dell’indirizzo Grafica e Comunicazione nell'ambito del Settore Tecnologico.

La risposta è pervenuta per mezzo di delibera di Giunta Regionale n. 2954 del 28 dicembre 2010 con la quale la Giunta della Regione Puglia ha approvato il “Piano regionale di riordino della rete delle istituzioni scolastiche e di programmazione dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2011/12”.

La motivazione a tale responso deriva dalla presenza, come si legge nell’allegato ‘B’, dell’indirizzo richiesto in comuni limitrofi, mentre, per quanto attiene all’indirizzo di Grafica e Comunicazione, non è stato possibile approvare la proposta in mancanza di una formale assunzione degli oneri da parte dell'Amministrazione Provinciale.

Con riferimento alle Scuole secondarie di 2° grado, dopo la fase della confluenza prevista dal nuovo ordinamento, la Giunta Regionale ha proceduto ad attribuire nuovi indirizzi al fine di ampliare l’offerta formativa, rispondendo ad obiettivi quali la Coerenza con gli indirizzi preesistenti nell’ambito dello stesso ordinamento o complementarità con indirizzi di diverso ordinamento nell’ambito degli Istituti superiori. Equilibrio nella distribuzione territoriale degli indirizzi, evitando il più possibile duplicazioni e sovrapposizioni rispetto agli stessi indirizzi già funzionanti presso istituti statali nel medesimo ambito territoriale. Anche al fine di evitare deleteri effetti di concorrenzialità tra più scuole, tenendo conto di situazioni di sovradimensionamento di molti istituti.

Ha Accolto la richiesta dell’opzione “scienze applicate” sia nei Licei scientifici sia negli Istituti tecnici, ritenendola finalizzata ad un approfondimento culturale della scienza e della padronanza dei suoi metodi.

Con lo stesso ‘piano di riordino’, saranno cancellati gli indirizzi che negli anni precedenti hanno registrato classi a 0 alunni. Infine, dalle proposte di dimensionamento per l’anno 2011/2012 deriva una contrazione del numero complessivo di autonomie scolastiche pugliesi, che passa da 914 a 895, per effetto della revoca di n. 12 autonomie scolastiche di 1° grado e n. 7 autonomie scolastiche di 2° grado.

Commenti  

 
#3 vitobastiano 2011-01-04 23:22
Sono d'accordo con la regione Puglia perchè alcune materie con un indirizzo astratto e non utile devono essere cancellate. Inutile aggiungere altre materie e indirizzi scolastici
 
 
#2 michele didonna 2011-01-04 23:13
tnt... quant'è brutta l'ignoranza. Ringrazia Mariastella e rivotala, se hai coraggio.
 
 
#1 tnt 2011-01-04 20:17
bravo vendola!
la prossima volta votatelo ancor di +.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI