IL PRESIDENTE DELLA CAMERA FINI A RUTIGLIANO

fini3_-_Copia

È stato accolto calorosamente il Presidente della Camera On. Gianfranco Fini, in visita quest’oggi a Rutigliano dopo  la mattinata trascorsa a  Mola di Bari.

In una sala consiliare gremita di rappresentanti istituzionali, cittadini ed estimatori (e chiaramente sorvegliata da ogni parte), la terza carica dello Stato è stata ricevuta dal Sindaco Roberto Romagno, il quale, dopo i consueti ringraziamenti, ha concentrato in un breve discorso il tema su cui è poi intervenuto l’On. Fini: “La Costituzione: fondamento della legalità e della vera libertà”.

In particolare, il primo cittadino di Rutigliano ha sottolineato l’importanza della cultura della legalità nella formazione delle giovani generazioni, sulle quali poggia effettivamente la responsabilità di innovare e governare la società. «Sono convinto che solo testimoniando la democrazia e la legalità con le parole e l'esempio riusciremo a dare un contributo costruttivo all'educazione dei giovani al rispetto delle regole e alla comprensione del loro immenso valore. E la Costituzione repubblicana rimane in Italia, l'architrave del rapporto tra democrazia e legalità».

La parola è così passata all’illustre ospite.

Il Presidente della Camera, che si è detto sinceramente colpito dall’accoglienza ricevuta, ha parlato ininterrottamente per circa quindici minuti, ricordando i festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia che hanno reso possibile l’approfondimento della storia e della cultura nazionale (a testimoniarlo c’erano alcune classi di bambini ed insegnanti che sventolavano allegramente la bandiera italiana).

L’Italia, infatti, nonostante i suoi “giovani 150 anni”, gode di un patrimonio storico- artistico antichissimo ed invidiato da tutto il mondo: per questo, essere cittadini italiani, oltre che un dovere spesso difficile da sostenere, rappresenta “un piccolo privilegio” di cui essere orgogliosi.

Prima di allontanarsi e tornare ai suoi impegni istituzionali, l’Onorevole Fini ha celebrato la Carta Costituzionale come fondamento della legalità e della vera libertà, libertà che si realizza nel rispetto delle differenze e delle diversità, perché “ognuno di noi rappresenta il tassello di un unico grande mosaico”.

A conclusione della visita, il Sindaco Romagno ha consegnato al Presidente della Camera i simboli del nostro paese, tra cui un’opera del maestro Dino Valentini e, immancabile, il fischietto in terracotta dell’artista Pietro Leone, realizzato, chiaramente, “a sua immagine e somiglianza”.