Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

L’associazione Arcobaleno pioniera nella raccolta dell’olio esausto domestico

testata associazione_arcobaleno

 

 

Rutigliano - Bilancio assolutamente lusinghiero quello della raccolta differenziata degli oli vegetali esausti da produzione domestica

Ad appena otto mesi dalla stipula della convenzione tra L’Associazione Arcobaleno e la RaccOlio Srl si possono considerare ottimi i risultati ottenuti.

 «Il risultato è incredibile  hanno spiegato il presidente dell’associazione Arcobaleno Giuseppe Valenzano e la responsabile della RaccOlio Ramona Cucci  è la dimostrazione, senza alcuna ombra di dubbio, che quando i cittadini vengono messi nelle condizioni idonee per una proficua cooperazione non si tirano certo indietro, anzi, collaborano in maniera fattiva a migliorare l’ambiente. Basti pensare alla quantità di olio che va a finire negli scarichi fognari, che è uno dei peggiori inquinanti di origine antropica »

Solo un dato per capire l’importanza dell’argomento. Ad oggi, in soli otto mesi, sono stati differenziati circa 350 litri di olio vegetale che, e bene ribadirlo, è altamente inquinante e che altrimenti sarebbe finito negli scarichi fognari con grave danno ai filtri depuranti degli impianti.

«Ogni goccia recuperata conta! -  ha ribadito Valenzano - Voglio quindi ringraziare tutti i cittadini che hanno reso possibile questa progettualità. L’associazione Arcobaleno intende continuare con convinzione ad adottare queste significative azioni finalizzate alla sensibilizzazione, alle buone pratiche di tutela e qualità dell’ambiente, per un territorio sempre più pulito e sicuro ma, consapevole dell’importanza del progetto e della necessità che questo servizio di raccolta venga esteso a tutta la cittadinanza rutiglianese, per puntare in maniera tangibile alla salvaguardia dell’ambiente, chiediamo all’Amministrazione di Rutigliano la dislocazione sull’intero territorio comunale di contenitori stradali da posizionare nei punti più nevralgici della città.»

Intanto, in attesa della risposta che l’Amministrazione comunale di Rutigliano vorrà dare, la raccolta continua! 

Commenti  

 
#5 Informazioni utili 2012-05-29 15:56
Gli oli vegetali esausti sono quei residui che provengono prevalentemente da oli e grassi di frittura, dalle conserve dei cibi sotto’olio (es. tonno in scatola) e sono definiti esausti in quanto hanno esaurito il loro ciclo di vita; Vengono indicati con il codice europeo dei rifiuti 20.01.25 “Oli e grassi commestibili”, e rientrano nella sommatoria dei rifiuti raccolti in maniera differenziata aumentando le rese percentuale delle raccolte attive in ambito urbano.
La raccolta di tale rifiuto comporta numerosi vantaggi, migliora la qualità dell’ambiente, principalmente a livello fognario ed idrico -l’olio disperso in fognatura nel tempo favorisce l’ostruzione delle condotte di scarico obbligando le utenze all’uso di prodotti chimici molto corrosivi e inquinanti-.
Se disperso nei corsi d’acqua superficiali, l’olio esausto determina gravi danni alla ossigenazione, compromettendo la sopravvivenza di flora e fauna: si pensi che 1 kg di olio usato è sufficiente per coprire con una pellicola una superficie di 1.000 mq di acqua.
Infine, l'olio versato nel terreno si deposita come un film sottilissimo formando una barriera tra le particelle, l’acqua e le radici capillari delle piante, impedendone conseguentemente l’assunzione delle sostanze nutritive.
Nella realizzazione di un progetto di raccolta differenziata è importante che i cittadini siano sensibilizzati ed informati sulla corretta gestione dell’olio vegetale esausto al pari di ogni rifiuto prodotto in ambito urbano, apprendendone i danni provocati all’ambiente in cui viviamo per un errato smaltimento. Conoscere il bilancio costi/ricavi dell’azienda che effettua il servizio al servizio dei cittadini non incentiva l’utenza a migliorare le proprie abitudini e la raccolta differenziata dei propri rifiuti raccolti in casa
Nello specifico caso l’espletamento del servizio svolto nel comune di Rutigliano non ha alcun onere per l’Amministrazione né tantomeno per l’Associazione. L’Olio vegetale esausto conferito dai cittadini presso il contenitore stradale sito c/o l’Associazione Arcobaleno, viene raccolto dalla scrivente (autorizzata ed iscritta al consorzio obbligatorio di categoria) e, trasportato all’impianto di stoccaggio finale convenzionato CONOE, per poi essere sottoposto a diversi processi di trattamento prima di diventare materia prima secondaria per usi industriali. Durante il trasporto, il rifiuto è accompagnato (in regime di proroga SISTRI) da un documento identificato come “formulario di identificazione rifiuto” in cui vengono menzionati, produttore, trasportatore, impianto di destinazione, data ed ora inizio e fine trasporto, instradamento, tipologia e quantità rifiuto. Ancor prima che i cittadini, l’informazione e tracciabilità è un obbligo che ogni azienda assolve pena sanzioni amministrative e pregiudicazione dell’esercizio della propria attività.
Per qualsiasi ulteriori informazioni si rimane a disposizione.
 
 
#4 informazioni 2012-04-13 17:35
@ oliocombusto

1)L'associazione Arcobaleno ha sottoscritto una convenzione senza fini di lucro, ma con il solo fine di sensibilizzare la cittadinanza sul corretto smaltimento dell'olio esausto di origine vegetale. L'associazione da questa iniziativa non guadagna nulla in termini di remunerazione. Ci guadagna l'ambiente!
2) Gli oli e grassi alimentari esausti hanno una grande potenzialità in quanto, dopo essere stati trattati e rigenerati, si possono utilizzare come “materia prima secondaria” per la produzione di: Grasso per edilizia; Glicerina ed estere metilico; Olio lubrificante vegetale; Saponette; Biodiesel; Energia elettrica.
Se ritieni che la Raccolio srl faccia un uso diverso rispetto a quanto indicato, puoi chiedere spiegazioni a questo numero 800–999531
 
 
#3 oliocombusto? 2012-04-12 20:14
Per completezza d'informazione sarebbe opportuno far conoscere ai cittadini:
1) il bilancio economico dell'iniziativa ( costi e ricavi dalla vendita dell'olio esausto )e le iniziative sociali finanziate con gli utili ( visto che nessuno regala niente );
2) La destinazione finale dell'olio con indicazione dei vari passaggi ( tracciabilità ) sino all'impianto di finale trattamento ( es. centrale termica con produzione di energia elettrica a tariffe incentivate ).
Grazie.
 
 
#2 dj 2012-04-12 19:36
la raccolta viene effettuata presso la sede dell'arcobaleno.
sei di rutigliano? allora recati in via dante c/o la sede è potrai vedere con i tuoi occhi che la gente comune contribuisce alla raccolta.
porta l'olio domestico usato.
 
 
#1 disinformato 2012-04-12 08:16
Potete spiegare come avviene questa raccolta. Mi sono accorto di non essere l'unico a non sapere. Grazie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI