Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Come rilanciare l'uva e i prodotti della nostra terra

david-hughes-uva-rutigliano-premio

 

Convegno Grape Passion. Consegnato il "Grappolo d'Argento - Città di Rutigliano" al Gruppo Norba

Il prof. Hughes: "L'uva da tavola sia più presentabile. Solo pochi conoscono la storia del territorio"


 

Filiera corta e vendita diretta. Questo l’imperativo per uscire dalla crisi che attanaglia il comparto agroalimentare. Il Convegno “Grapes Passion”, organizzato in occasione del XIV Premio Internazionale “Grappolo d’Argento – Città di Rutigliano”, segna un punto di svolta per il Sud Est Barese.

Intanto, per la qualità degli interventi. Soprattutto, per la relazione del prof. David Hughes, esperto in Marketing al College di Londra. Un istrione scatenato, un comunicatore convinto e convincente; Mister Hughes ha intrattenuto la platea con dei consigli utili e ben argomentati. Consigli, rivolti ai nostri operatori del settore agricolo, a supporto dei quali ha illustrato alcuni dati statistici allarmanti circa l’invecchiamento costante della popolazione e la concorrenza spietata del mercato globale.

Con l'uva da tavola... non c'è storia - L’uva da tavola, così com’è, è impresentabile, la conoscono in pochi, ha una storia che vale un segreto. “Voglio conoscerla questa storia!” – ha osservato Hughes. Le parole del Professor ci fanno prendere coscienza della realtà, ossia che il prodotto più rappresentativo della Terra di Bari e della Puglia è l’uva da tavola. Che lo sappiamo solo noi, e che la storia del nostro territorio e dei prodotti della nostra terra è il "terzo segreto di Fatima".

Dobbiamo uscire dal “campanile” dentro cui siamo stretti... di vedute: l’uva ha bisogno di una presentazione, di una cornice, ha bisogno di un abito nuovo per presentarsi più bella e accattivante all’appuntamento del mercato sempre più globale e spietato, un mercato altamente concorrenziale, che non fa sconti a nessuno. Proprio quei paesi in via di sviluppo sono i principali concorrenti e i migliori alleati del futuro, ha spiegato Hughes. (continua dopo la galleria foto...)


Tra gli altri relatori: Arcangelo Cirone (direttore tecnico Gal Sud Est Barese); Antonio De Concilio (Coldiretti); Franco Caruso (Direttore CIA Bari-BT); Gianni Porcelli (Confagricoltura); Tommaso Battista (Direttore regionale Copagri); Tommaso Loiodice (Presidente Provinciale ACLI Terra); Salvatore Messina (Rettore dell’Università Europea per il Turismo); Pierfederico La Notte (Centro Ricerca “Basilea Caramia Costantino Silvio Pirolo”).

Prima della consegna del Premio “Grappolo d’Argento” al Gruppo Norba, per la costante informazione e la visibilità data ai prodotti della nostra meravigliosa terra, si segnalano altri interventi.

GAL in Tour. “E’ importante fare squadra, fare rete tra enti e associazioni”. Questo l’invito del sindaco di casa, Roberto Romagno, prima di introdurre gli ospiti. “Più coesione tra i tanti Gal (gruppi locali)”, per – spiegano Girone e Caruso – promuovere la filiera corta e la vendita di diretta in tutte le possibilità di declinazioni: formazione del consumatore e dell’imprenditore (Come si fa la vendita diretta?); sensibilizzazione nei confronti della pubblica amministrazione, mense scolastiche, rete di ristoratori e strutture commerciali, spazi cooperativi, CRAL, valorizzazione e sviluppo delle aree rurali in Puglia.

I GAL, ne è convinto anche Pasquale Redavid, alto esponente del Gal-Seb, deve favorire la promozione e creazione di microimprese“I Gal, insieme, stanno mettendo in piedi dei progetti di realizzazione della filiera corta, per evitare troppi passaggi dal produttore al consumatore”. “Troppi soggetti “mangiano” – ha osservato Antonio De Concilio (Coldiretti) – troppi soggetti partecipano alla suddivisione di una torta che diventa sempre più piccola. Pensate che, la Francia ha meno biodiversità rispetto a all’Italia, eppure ha fatto tanto nella filiera corta e nella vendita diretta”.


L'APPROFONDIMENTO - Circa gli interventi e la lezione del prof. Hughes, seguiranno approfondimenti sulle edizioni cartacee e web del nostro network "La Voce del Paese", nei tanti comuni in cui siamo presenti. 

 

Commenti  

 
#3 gianni n 2012-04-16 23:17
Hai ragione apricena, finalmente la vera informazione. Vorrei far presente che ho scritto un post sull'altro giornale on line dove si invitava a dare informazione sui contenuti dell'evento e segnalavo questo aricolo. Ovviamente non è stato pubblicato. CENSURATO!!!!! Ma non è stato neanche pubblicato nulla sui contenuti degli interventi. Chissà a cosa pensavano i giornalisti della testata....
 
 
#2 apricena 2012-04-15 22:17
bravi, anzi bravissimi. Finalmente abbiamo informazioni. Questo è il vero giornalismo non le chiacchiere di qualche altro giornale on line - se così si può definire. Continuate così.
 
 
#1 la parola del papa 2012-04-15 17:04
non è andata affatto bene! periodo,ora,tutto sbagliato.buttati soldi dei cittadini
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI