Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Trovate siringhe sporche e usate vicino alla posta

Siringhe

 

 

2012-06-05-11.49.10Rutigliano - Sono state rinvenute siringhe usate in una delle aiuole situate davanti all’ufficio postale, che come ben sappiamo è frequentato da ogni tipo di persone. E’ lecito chiedersi: cosa c’era all’interno di quei piccoli cilindri? Se fossero state, ad esempio, siringhe da diabetici, dubiteremmo fortemente che sarebbero state buttate nell’aiuola di turno visto che nel nostro paese abbiamo la raccolta differenziata porta a porta. Siam propensi a credere, quindi, che il liquido al loro interno sia stata una sostanza illegale?

«E’ allarmante, allucinante e sconcertante», afferma un passante di una cinquantina d’anni, «se vogliamo riflettere sul problema tutto ciò non si dovrebbe verificare. Se fosse rimasto un briciolo di coscienza, che lo si vada a fare altrove, perché il posto, situato nelle vicinanze di una scuola elementare, è frequentato da bambini e anche anziani. Nell’eventualità che questi “disadattati sociali” leggessero questo articolo, usassero un minimo di intelligenza e responsabilità andando altrove.»

Alla domanda: «Come potrebbero intervenire le forze dell’ordine?» L’interlocutore, un po’ rattristato, risponde: «Con i tagli economici orizzontali che ci sono stati, grazie ai quali si ritrovano sotto organico, a malapena riescono a svolgere lavori di ordinaria amministrazione, si figuri se dovessero intervenire per debellare questo problema.»

La questione numero uno non è ghettizzare il drogato di turno, perché l’illecito si andrebbe a consumare comunque. Bisognerebbe intervenire alla base, educando i ragazzi sin dalla prima adolescenza; visto che non ci sono la forza, volontà e disponibilità necessarie a recuperare chi ormai ha scelto la strada sbagliata, che almeno diano delle disposizioni per evitare che altri individui ricadano nell’errore.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI