Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Raccomandazioni per migliorare la raccolta “porta a porta”

Differenziata

 

Il mese di Luglio, oltre alla “Menzione Speciale”, riconoscimento nazionale  attribuito da Legambiente ai cittadini di Rutigliano per l’impegno e i risultati raggiunti grazie all’introduzione della raccolta differenziata porta a porta”, ci lascia in dote un altro bel regalo: la percentuale dei rifiuti differenziati raccolti nel mese appena concluso è pari all’82%.

Eguagliato così il record stabilito a Maggio e confermato l’attuale primato in Puglia (ad oggi, nel 2012, la media di Rutigliano è del 78% circa, un dato che appare comunque in crescita; Monteparano, in provincia di Taranto, è stato premiato da Legambiente come miglior “Comune Riciclone” della Puglia per aver, nel 2011, avuto una media del 75% di raccolta differenziata, dato stabile anche nel 2012).

Intanto si riportano alcune raccomandazioni dell’azienda che gestisce il ciclo dei rifiuti in Rutigliano, la “Vito Gassi” di C. Esposito e c. s.a.s., nell’intento di migliorare ulteriormente la raccolta “porta a porta”:

“La raccolta differenziata della plastica riguarda solo gli imballaggi, cioè tutti gli oggetti in plastica che servono a contenere, trasportare, proteggere e presentare merci e alimenti. Di seguito riportiamo una lista di cosa è corretto inserire nel mastello giallo per quanto riguarda la plastica:

- Buste e sacchetti in cellophane contenenti pasta, pane, caramelle, merendine, latticini, pesce

- Bicchieri monouso in plastica

- Buste in plastica

Confezioni per alimenti tipo affettati

Confezioni delle uova in plastica

- Contenitori e blister per pillole e pastiglie

- Flaconi in plastica di bagnoschiuma, shampoo, sapone, detersivi

- Pellicole e film per alimenti e da imballaggio

- Piatti monouso in plastica

- Reti per frutta e verdura

- Sacchetti per congelare

- Tappi in plastica

- Vaschette di gelato e dessert

- Vasetti dello yogurt.

 

E’ di fondamentale importanza verificare che piatti e bicchieri monouso siano privi di qualsiasi residuo solido o liquido di cibo, per garantire una raccolta differenziata di qualità. Andranno, quindi, adeguatamente svuotati prima del conferimento.

Ciò che invece non va assolutamente inserito nella raccolta della plastica  sono: siringhe, sacche delle flebo, giocattoli, secchielli, palette, ciabatte, canotti, salvagente, palloni, occhiali, biro, pennarelli, grucce e tutti gli altri oggetti che non sono imballaggi (che invece vanno messi nel mastello grigio della raccolta indifferenziata).

Onde evitare che gli operatori si feriscano vi preghiamo di smaltire le siringhe con l'ago ben coperto.

 

Commenti  

 
#7 oscar 2012-08-14 14:27
la raccolta differenziata nn serve a nulla a rutigliano perckè nn c'è la mentalità di farla, ki ne ha tratto profitto è stata la *** ke ha gestito la gara d'appalto.....
 
 
#6 NOIANA INFURIATA!!! 2012-08-10 11:38
ORA BASTA!!!!NON POSSO PIU' TOLLERARE I COMPLIMENTI PER IL VS PAESE X LA RACCOLTA.VI INVITO A VENIRE IN VIA SAN FILIPPO NERI A NOICATTARO E VEDERE IL VIA VAI DELLE PERSONE CHE IN CONTINUAZIONE VENGONO A BUTTARE SACCHI ENORMI DI IMMONDIZIA!!!!! BASTAAAAAA!!! COSI' TUTTI SONO BRAVI!!!!!!!!!!
 
 
#5 Salvino-Bari 2012-08-10 09:18
Malgrado le ...lodi al Sindaco per il premio "Ricicloni 2012", nessuno si chiede perchè la ditta Gassi non ha risolto in tempo il problema delle buste per l'organico, esauritesi a giuggo. Io compro i sacchetti dal 1° luglio (prezzo medio 10 cent a busta), quando doveva essere la Ditta a informare la cittadinanza dell'inconveniente, specie se si pensa che i nuovi sacchi saranno distribuiti gratuitamente non prima di ottobre prossimo. Ora, considerato che la TARSU 2012 comprende un servizio all'utenza, chi rimborserà le spese di quanti provvedono privatamente ad acquistare i sacchetti? Nessuno, come logico. Spero che la ditta migliori la qualità del servizio e rimuova, a ogni modo, la spazzatura che purtroppo alcuni incivili (forse residenti non registrati nell'anagrafe) depositano agli angoli di stada o vicino i raccoglitori del vetro. Non è possibile che quest'immondizia debba restare sotto il sole perchè la ditta non la ritira: chi deve raccoglierla, forse i cittadini stessi???!!!!
 
 
#4 dj64 2012-08-09 20:33
l'amministrazione comunale deve premiare tutti i cittadini rutiglianesi che hanno contribuito al raggiungimento dell'obbiettivo. il ns sindaco ha inviato una lettera....non basta lo sconto del 5% rispetto all'anno precedente...ma deve cogliere l'attimo fuggente ...cioè applicare uno sconto maggiore in modo che tutti i cittadini onesti che pagano le tasse siano gratificati......
...visto che l'aumento irpef è comunque valido.
attenzione dunque a non buttare fumo negli occhi.
 
 
#3 dj64 2012-08-07 18:07
Addizionale ex eca sulla tarsu
il comune di rutigliano deve abolire il 5 %
ai contribuenti.
Va ribadita, pertanto, la piena legittimità dell’applicazione dell’addizionale ex-Eca che con l'art. 3, commi 24 ss., della legge n. 549/1995 è stata devoluta ai Comuni a copertura dei maggiori oneri sostenuti per lo smaltimento rifiuti a seguito della contestuale istituzione del tributo speciale per il conferimento in discarica.

E’ evidente che oggi – come peraltro deliberato da diverse Sezioni della Corte dei Conti delibera 146 del 24.4.2009 Lombardia; delibere n. 182 del 21.10.2010 e n. 274 del 7.6.2011 Campania; decisione n. 89 del 7.11.2011 Puglia -, l’addizionale ex-Eca ha perso la sua natura di tributo autonomo per “risolversi in una mera appendice della TARSU, di cui condivide ormai presupposti, funzione e limiti”.

A conferma della legittimità della riscossione dell’addizionale ex-Eca basti pensare poi che l’art. 14 del Decreto Salva Italia, nell’istituire la c.d. TARES prevede a decorrere dal 1° gennaio 2013 la soppressione “di tutti i prelievi relativi alla gestione dei rifiuti urbani, sia di natura patrimoniale sia di natura tributaria, compresa l’addizionale per l’integrazione dei bilanci degli enti comunali di assistenza” (leggasi ex-eca), confermando implicitamente l’esistenza della medesima fino a tutto il 2012 e comunque fino all’entrata in vigore della Tares.

Inoltre, va precisato che nel nostro Comune il costo del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti viene coperto con le entrate derivanti dalla TARSU e dall’addizionale ex-Eca ragion per cui una qualsiasi richiesta di rimborso dell’addizionale ex ECA è priva di un qualsiasi fondamento giuridico, esponendo il richiedente a un diniego da parte del Comune con ogni onere conseguente.
 
 
#2 Mastrangelo O. 2012-08-06 00:09
come cittadino di rutigliano che puntualmente paga le tasse, invito questo comune a rivedere il sistema di raccolta, perchè, è difficile parcheggiare in casa, in questo periodo frazioni di rifiuti altamente maleodoranti. Quindi non giustifico affatto chi se ne disafa in malo modo, ma diamo l'opportunita' di avere un servizio piu' vicino al cittadino.
 
 
#1 pippo 2012-08-05 16:46
Nulla da eccepire sulla raccolta porta a porta, ben organizzata, il problema è nelle periferie, lungo le strade vicinali e ai bordi dei terreni dove svogliati cittadini ogni giorno abbandonano sacchi di spazzatura. Girando per queste strade ci si imbatte ormai in cumuli di spazzatura mali odoranti. Bisogna che qualcuno intervenga al più presto e magari che l'amministrazione avvii un piano di pulizia e di educazione civica.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI