Federconsumatori: 3277 no ai disservizi del digitale da Rutigliano

Digitale-terrestre-rutigliano

 

 

07.10.2012-005Rutigliano - Da luglio del 2012 tutte le Regioni italiane hanno completato il passaggio definitivo al digitale terrestre. Ciò significa che la tradizionale televisione analogica è inutilizzabile su tutto il territorio nazionale. Tale radicale cambiamento è stato dettato dalla Commissione dell’Unione Europea preposta che ha stabilito come termine ultimo per tutti i paesi dell’Unione proprio la fine del 2012. L’Italia, con una tempistica non proprio da record, ha cominciato il passaggio dall’analogico al digitale nel 2008 e lo ha completato in quattro anni. Il digitale terrestre ha portato nelle case di tutti gli italiani una serie di servizi, ad esempio una più vasta gamma di canali da visualizzare, una migliore qualità dell’audio e delle immagini, per alcuni canali anche una certa interattività attuabile attraverso l’uso del telecomando. Ma digitale terrestre per gli italiani è diventato sinonimo di altrettanti disservizi. Molto spesso infatti acquistare un decoder per adattare la vecchia televisione al digitale non è bastato a risolvere il problema perché gli impianti di molte abitazioni sono obsoleti. Pertanto molti cittadini hanno dovuto constatare che questo sistema di comunicazione audio/vidio tanto atteso li stava privando di un diritto di rango costituzionale come quello della libertà di informazione. Di questo si è fatta portavoce la Federconsumatori Italia avviando una raccolta firme finalizzata a dimostrare che molti italiani si sentono privati di un diritto e che sarebbero lieti se lo Stato provvedesse ad eliminare gli ostacoli che sono nati tra i cittadini e il loro diritto di informazione. La stessa Costituzione Italiana infatti recita all’articolo 3 comma 2: “È compito della Repubblica Italiana rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana […]”.

Anche lo Sportello Federconsumatori di Rutigliano  (via Scesciola n. 68) si è fatto portavoce della campagna contro i disservizi causati dal digitale terrestre raccogliendo solo a Rutigliano ben 3277 firme attraverso diverse attività come l’installazione di uno stand informativo in Piazza XX settembre durante il tradizionale Mercatino dell’Antiquariato di domenica 7 ottobre 2012. “Un risultato atteso che dimostra quanto il caso sia vicino a molte famiglie rutiglianesi” ha riferito l’Avv. Tino Sorino Responsabile dello Sportello Federconsumatori di Rutigliano.