Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Anna Falchi a passeggio... tocca e assaggia tutto

IMG_0530

Sala Consiliare, sono circa le 21,00. Si attende il grande arrivo. Nel frattempo alcuni artisti si esibiscono, le autorità definiscono gli ultimi dettagli, i giornalisti controllano le macchine fotografiche e qualche bambino, incuriosito da tutto questo fare strano e misterioso, si affaccia alle vetrate, cercando di captare qualche informazione. Improvvisamente tutti si voltano, gli sguardi rivolti verso la porta della Sala, ed eccola scendere le scale, top model in passerella; la musica accelera, i flash impazzano come fuochi d’artificio, le mani applaudono, la gente parla, qualcuno grida “Anna sei bellissima”.

Poi ci si ricompone un attimo, la Falchi saluta le autorità, accetta regali, posa per qualche foto con i nostri cittadini, firma qualche autografo. Arriva il momento di visitare Rutigliano. Come in processione, la gente si avvia: i fotografi e un cameraman avanti, poi Anna, il compagno Andrea Ruggeri, il Sindaco Roberto Romagno, il Vice Presidente Nuccio Altieri, e altre autorità cittadine che si alternano ad accompagnare la star, proprio come si fa con le statue dei Santi: i tacchi troppo alti, infatti, le rendono il passeggio un po’ pericoloso; così, solo sottobraccio ad uno, poi a braccetto con un altro, può proseguire la bella camminata. A seguire un piccolo gruppo di persone e qualche bambino. Due di questi si fermano, uno chiede all’altro: “ma è una famosa?”, “boh!”.

La bella Anna non si lascia scoraggiare nemmeno dal freddo e dalla pioggia e, ogni tre metri si ferma, o per visitare un negozio, o per stringere una mano, o per fare una foto, o per ammirare i bellissimi fischietti adagiati sui banconi delle bancarelle. Più volte si presta anche a fischiarli, un po’ imbarazzata ma divertita, e i rutiglianesi presenti sorridono, scattano foto, un gesto così deve essere immortalato! Poi assaggia tutto ciò che si può assaggiare, apprezza ogni sapore! Un cameraman presente ha fretta, chiede se si può accelerare la passeggiata, deve montare il servizio per il giorno dopo, ma ad Anna non interessa, lei vuole vedere tutto, conoscere tutto, sorridere a tutti.

Nel frattempo il gruppetto che la accompagna si è fatto un po’ più grande, una ragazza dice al fidanzato: “è proprio bella”; ironicamente un’anziana signora all’amica “ora che ho visto Anna Falchi posso pure andare a dormire!”. E per circa un’oretta le strade del centro rutiglianese risuonano di un impercettibile ticchettio di tacchi altissimi, sovrastato dalla musica dell’ “Anonima Pattumiera” che diventa via via sempre più forte, segno che ci si sta avvicinando a piazza XX Settembre. Qui il piccolo corteo si ferma, si unisce a chi aspetta davanti al palchetto e, tra applausi, risate e tante chiacchiere si attende l’inizio della cerimonia.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI