Rutigliano “Città d’Arte” a 360°

defilippis-fiera-fischietto

Si è conclusa domenica 26 gennaio la tradizionale “Fiera del Fischietto” che, in concomitanza con il “Concorso Nazionale del Fischietto in Terracotta” e la “Festa di Sant’Antonio Abbate”, ogni anno richiama a Rutigliano migliaia di turisti provenienti da ogni angolo d’Italia. Il programma cittadino, come da manifesto, ha avuto inizio il 16 gennaio con la cerimonio di presentazione e inaugurazione della “26° Mostra, con tema “Fischietti Benemeriti: Carabinieri nel cinema e nella storia d’Italia”, in occasione del bicentenario della nascita del corpo dei Carabinieri (fondato nel 1814), rimasta aperta al pubblico fino a domenica 26. In queste giornate, Rutigliano ha dato ad ogni forma di arte  il suo spazio, dai Fischietti del Concorso in mostra, ai dipinti esposti a Palazzo san Domenico, dalle danze ai canti popolari, alla musica della Banda, confermandosi ancora una volta “Città d’Arte” a 360°.

Ce ne parla con orgoglio di rutiglianese l’ Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Rutigliano, Gianvito Defilippis, sottolineando il grande impegno dell’Amministrazione Comunale a promuovere e sostenere iniziative artistiche di qualunque genere: “Nei nostri eventi noi non diamo spazio solo ai figuli, ma anche a tanti altri artisti, il dialogo con questi artisti è continuo e cerchiamo di aiutarli cercando di trovare dei locali per fare le esposizioni, cercando di dare una mano attraverso le pubblicità, attraverso le brochure turistiche del paese, promuovendo anche chi è meno conosciuto da questo punto di vista. Proprio all’interno del Progetto S.A.C., Sistema Ambiente e Cultura, che abbiamo creato con altri paesi, abbiamo creato un percorso e una serie di itinerari turistici, nella quale sono inglobati, questi artisti, tra virgolette, meno conosciuti sul territorio. Quindi per noi è importante valorizzare tutti.”

Questa amministrazione sta volgendo al termine. Pensa che sia stato fatto un buon lavoro dal punto di vista artistico e culturale? “Io penso di si. Sicuramente si può fare sempre meglio, anzi bisogna dare un’accelerata sempre. Se effettivamente questo S.A.C., che io credo sia il motore di tutto questo sistema, partirà subito, in collaborazione con gli altri tre comuni, sicuramente il nostro paese ne beneficerà dal punto di vista turistico e quindi creerà effettivamente un flusso turistico di una certa importanza”.

Ricordiamo che il “Sistema Ambiente Cultura (Sac) «Mari tra le Mura: nel blu dipinto di Puglia»”, che coinvolge anche i Comuni di Conversano, Mola di Bari, Polignano a Mare, è un progetto che nasce nel 2012 e che punta a creare un sistema di valorizzazione del patrimonio ambientale e storico-culturale con percorsi turistici di sviluppo e cooperazione tra istituzioni e territorio.

Altro progetto imminente di questa amministrazione, per cui sono stati stanziati circa 22.000 euro, è quello di allestire una Mostra Archeologica presso il locale Museo Civico “G.e P. Didonna”, con i reperti presenti sia a Rutigliano che a Taranto, gigantografie con la cronistica e laboratori pratici per tutta la durata della mostra. Il tutto si dovrà svolgere in accordo con la Sovraintendenza, l’Assessorato e l’Archeoclub, con l’obiettivo di arrivare ad aprire un vero e proprio museo e consentire a tutti di godere dell’inestimabile patrimonio archeologico del territorio.