Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Incontro di Città Futura per discutere del progresso

Schermata 2014-03-27 a 12.22.36

Domenica 23 Marzo 2014 Sala Mons. Didonna ha potuto ospitare l'associazione Città Futura che ha voluto porre all'attenzione della cittadinanza "la via del progresso per istruzione e cultura", evidenziando le lacune ed anche le potenzialità che Rutigliano presenta nell'ambito culturale. A presiedere l'incontro è l'ex preside della scuola media "A. Manzoni" Nicola Valenzano, Ciriello e Filippo Marzovilla. In realtà la cittadinanza presente sul posto non era molta, forse perchè preferiva godersi una bella giornata domenicale. La sala ha potuto godere della presenza del candidato sindaco Lanfranco Di Gioia, dell'ex sindaco Vito Antonicelli , dell'altro candidato sindaco Nicola Giampaolo e dell'arrivo, seppur con tre quarti d'ora di ritardo, dell'attuale sindaco Roberto Romagno e del suo Vice Pasquale Redavid. Insomma era la giornata dei sindaci.Tralasciando le premesse solite di presentazione, molto importante è stato l'intervento del prof. Nicola Valenzano che nostalgico ricorda i concorsi di poesia che caratterizzavano Rutigliano che col passare del tempo sono rimasti nell'oblio. Tante sono le proposte che l'ex preside vuole mettere in evidenza, fra queste l'apertura del Museo Civico che da tempo lotta per le norme necessarie alla sua idoneità, la realizzazione di aree archeologiche in maniera da far entrare Rutigliano tra i più importanti itinerari turistici della Provincia, la realizzazione concreta del Museo delle Arti e degli  Antichi Mestieri presso il mercato coperto rimproverando l'amministrazione all'epoca di Lanfranco Di Gioia sindaco, che nel 2008 aveva preparato il progetto senza nessun riscontro concreto. Il prof. Nicola Valenzano propone anche il recupero della Chiesa di San Lorenzo ,ormai fatiscente, lasciata al completo abbandono. Come ultimo oggetto Valenzano ha pensato anche alla costituzione di una consulta cittadina volta alla salvaguardia ambientale (non che a Rutigliano non ci siano, si veda il comitato Lama San Giorgio o il corpo della Guardie Ecozoofile). L'arrivo del sindaco Romagno è bastato a poter rispondere a quelle proposte suddette, scusandosi prima di tutto del suo ritardo (dovuto ad un altro impegno improrogabile).Il sindaco  inizia il suo discorso ponendo come prima questione l'accorpamento del Liceo Scientifico "I.Alpi" con l'I.T.C.S. "E. Montale" spiegando che la prima non ha una struttura idonea e non adatta per una scuola ,della seconda invece ribadisce che ci sono i presupposti per l'autonomia visto che tutt'oggi rappresenta la sede distaccata dell'I.T.C.S. "S.Pertini" di Turi. Sulla questione Museo Civico ,Romagno rassicura che l'apertura è imminente, si tratta di settimane poiché si è giunti ad un punto di incontro con il sovraintendente incaricato, che autorizza l'apertura del Museo solo se ci sono i presupposti per progetti perenni e non con lo scopo di aprire il museo per poi essere chiuso nuovamente. Buone notizie a livello economico: stando a quanto il Sindaco ha dichiarato sono in arrivo 700-800 mila euro per il turismo grazie al Patto Territoriale Polis , volti all'incremento del turismo ed altri 500 mila euro per la creazione del Museo del Fischietto. Terminato il discorso del sindaco viene aperto un dibattito che ha visto come protagonista Lanfranco Di Gioia in veste di portavoce dell'Istituto Tecnico Commerciale “E. Montale” di Rutigliano.Il candidato sindaco ha ribadito e spiegato la questione dell'accorpamento del Liceo con l'Istituto Commerciale, che egli ha voluto fortemente. Di Gioia ha spiegato come la Provincia ha preparato la mozione ,poi presentata alla Regione che avrebbe dato in definitiva  la decisione favorevole o contraria per l'accorpamento. Quest'ultimo non è avvenuto, lasciando Di Gioia rammaricato in quanto sarebbe stato un'occasione importante per Rutigliano e come egli stesso ha dichiarato “molto spesso quando passano treni come questi, o si prendono o non si può più tornare indietro”. Oltretutto l'evento ha posto questioni importanti per il paese, forse a lasciare perplessi è stato il fatto che si è detto COSA ha bisogno Rutigliano, ma non il COME, cosa ben più importante!

 

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI