Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

In via di potenziamento il circuito di videosorveglianza

Qualche settimana fa sul nostro giornale abbiamo delineato le novità sul processo di informatizzazione di alcuni servizi che il Comune di Rutigliano sta perseguendo, con l'obiettivo di migliorare il flusso della comunicazione a livello comunale ed attuare alcune procedure informatiche innovative. Proprio nell'ambito del miglioramento della vivibilità del nostro paese, rientra l'ampliamento dei sistemi di sorveglianza, a cui abbiamo soltanto accennato nelle righe del nostro precedente articolo, e che in queste settimane sta vedendo la sua ultimazione grazie all'attività del dott. Pasqualicchio, responsabile dell'area informatica, al sign. Gazmend Ajdini e alla collaborazione del vicesindaco Redavid. Ponendo una particolare attenzione ad assicurare la tranquillità civica nonché misure cautelative per il presentarsi di reati di qualunque genere, il Comune ha deciso di installare nuove telecamere in primo luogo per proseguire un progetto interprovinciale già avviato tempo fa, che in passato aveva permesso l'installazione di cinque telecamere nei punti più sensibili del paese, quali il Comune, il Tribunale, il centro storico e la villa comunale, e la cui integrazione è possibile adesso grazie ad alcuni fondi europei. Tuttavia, i recenti episodi di vandalismo perpetratisi nell'area cimiteriale con il danneggiamento di alcune tombe, hanno spinto l'amministrazione ad intervenire ancora più tempestivamente e rimettere mano al progetto di videosorveglianza, potenziandolo e incrementando altresì il numero di telecamere, anche su richiesta degli ordini di vigilanza, ed in particolare dei Carabinieri, per cui era necessario un maggiore controllo a livello cittadino. Le telecamere, ad oggi funzionanti, sono ancora in via di miglioramento, dal momento che si sta completando l'iter burocratico per l'adozione di un regolamento per assicurare il corretto utilizzo delle immagini che perverranno. Alle 13 telecamere già presenti ed attive, nei prossimi giorni verranno aggiunte altre 7 con le quali si completerà l'intero progetto e si realizzerà il miglioramento della funzionalità del sistema e della conservazione dei dati. L'ubicazione dei sistemi di controllo, inoltre, in accordo con l'amministrazione e con gli organi competenti, è stata stabilita considerando la maggiore esposizione di alcune zone quali l'ufficio postale, le scuole e le aree di accesso all'abitato, che potrebbero essere facile bersaglio di malintenzionati. Un ulteriore passo in avanti, dunque, per venire incontro alle esigenze di una qualunque realtà cittadina, che purtroppo deve fare i conti con chi non si fa scrupoli nel creare disordini di ogni genere, lievi o piuttosto gravi, per i quali il sistema di videosorveglianza costituisce un importante ed efficace strumento di prevenzione e controllo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI