Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Tra sacro e profano: i preparativi per la Via Crucis del 2014

Il 12 aprile avrà luogo XXII Edizione della Manifestazione “Via Crucis Vivente”, organizzata dall’Associazione “Via Crucis Vivente”.  Sono iniziati i preparativi che prevedono il montaggio di sei palchi di diverse dimensione da posizionare in sei diverse piazze del paese. Ma chi finanzia questa manifestazione? Parte della risposta la si può trovare sul sito del Comune, nella sezione Albo Pretorio, in cui due delibere precisano la posizione dell’Ente e a quanto ammonta la cifra erogata per questo evento. Si legge su questi documenti che in data 7 marzo il Presidente dell’Associazione, l’ing. Antonio Giordano chiede un contributo al Comune di Rutigliano e la partecipazione alle spese per la realizzazione della processione. Il Comune accetta tale richiesta e ne motiva la scelta, puntando soprattutto sul fatto che tale iniziativa costituisca ormai un evento di importanza culturale e turistica per Rutigliano: “tale appuntamento da molti anni viene pubblicizzato anche sui materiali a carattere turistico culturale che il Comune di Rutigliano provvede a stampare in occasione di varie manifestazioni quali la partecipazione alla Bit di Milano, la Fiera del Fischietto in Terracotta ed altre iniziative a carattere turistico culturale cui il Comune di Rutigliano partecipa; che, quindi, alla luce delle considerazioni e motivazioni precedentemente esposte, l’iniziativa merita di essere presa in considerazione per la valenza culturale, turistica e religiosa assunta dalla stessa e che si estende anche fuori dal territorio rutiglianese tenuto conto anche dei risultati delle trascorse edizioni”. Si sottolinea anche il grande valore di questa attività, quale momento di aggregazione sociale, con la conseguente valorizzazione delle esperienze locali e quindi la fruizione da parte di turisti e cittadini di iniziative di qualità. L’Amministrazione comunale decide dunque di concedere un contributo finanziario nella misura di €. 2.500,00. Nella richiesta dell’ing. Giordano, viene presentata anche un’ipotesi di piano di spesa, in cui rientrerebbero costi relativi ad audio e luci, alla realizzazione di scenografie, alla stampa dei manifesti e di brochures, all’acquisto di materiale vario, per una somma presunta complessiva di 12 mila euro. Nel frattempo, la Provincia di Bari invia una circolare avente per oggetto “Programmazione Culturale anno 2014”, specificando che i Comuni possono inoltrare richiesta di contributo per iniziative che ne esaltino la vocazione territoriale, nonché siano in grado di generare risvolti turistici, culturali e occupazionali; secondo l’Ente comunale, l’iniziativa di “Via Crucis Vivente” può essere, senza ombra di dubbio e a pieno titolo, annoverata tra quest’ultime; Il Comune, pertanto, alla luce di tale circolare, si impegna ad inoltrare richiesta di contributo alla Provincia di Bari per la realizzazione di tale importante evento culturale, religioso e turistico. In vista di questo contributo, sempre il Comune, decide di finanziare l’iniziativa, provvedendo alla fornitura dei sei palchi, per un importo complessivo di 4000 euro.Di certo la Via Crucis di Gesù fu tutta un’altra storia.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI