Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

La Pasqua è più buona con le uova dell'AIL

Le responsabili AIL di Rutigliano

Una giornata all’insegna della solidarietà, quella del 6 Aprile 2014, in Piazza XX Settembre. Una domenica coronata di emozioni, cosi come ce l’aspettavamo.
Si è svolta cosi la Giornata Nazionale dell’ AIL, l’ Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e i mielomi. Un momento di grande interesse, che ha visto la partecipazione dei volontari dell’Associazione AIL della sezione di Bari, che hanno allestito uno stand promuovendo la vendita di uova di Pasqua come contributo simbolico, a favore di una raccolta fondi da destinare alla ricerca.
Una felicità condivisa ma soprattutto trasmessa dalle responsabili AIL della sezione di Bari, che hanno presieduto lo stand e che hanno concesso ai nostri microfoni di ascoltare la voce di chi ha visto con i propri occhi la sofferenza e gli strazi di tanti bambini malati di leucemia.
E’ proprio da qui, dalle stanze di ospedale, che nasce la forza portante dei tanti volontari AIL, la voglia di poter fare qualcosa per aiutare un ammalato, il sentire dentro di se la necessità di fare qualcosa per sostenere la ricerca.
Una raccolta fondi fondamentale, quella tenutasi domenica mattina, che, come ci spiega la signora Maria Creatore, viene destinata direttamente alle ricerche da parte degli esperti degli Ospedali pugliesi.
Già tantissime le realizzazioni da parte dell’ AIL Bari grazie ai fondi per la ricerca: nel corso degli anni è stato istituito l’Ambulatorio e Day Hospital per il Policlinico di Bari, assieme a diversi allestimenti di stanze visita ambulatoriali, camere sterili, sale d’attesa, case AIL. Importanti anche le forniture di diverse apparecchiature scientifiche per i nuovi laboratori medici, realizzati grazie al sostegno e ai fondi dell’ Associazione.
Nel 2012, inoltre, è stata attivata una convenzione con l’Azienda Ospedaliera Consorzio Policlinico che ha permesso all’ AIL Bari di supportare con li nuovo personale il reparto dell’ U.O. di Ematologia con Trapianto; nello stesso anno è stato bandito un avviso per un assegno di ricerca nel campo della ricerca ematologica e nel 2013 questo ha permesso ulteriori passi avanti nella lotta contro la leucemia.
Insomma, tante le realizzazioni grazie al sostegno dell’ AIL e ancora tanti progetti in cantiere. Solo con un reale sostegno saranno possibili tante di queste opere di beneficienza. Ci auguriamo che sempre più gente possa collaborare con i tanti volontari AIL, affinché la ricerca possa produrre sempre più risultati positivi.

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI