Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Misure anti-rapine per i tabaccai: come difendersi dai malfattori

rapine_11_original-2

 

 Negli ultimi anni si è visto  un notevole cambiamento che i Tabaccai rutiglianesi hanno attuato dal punto di vista di sicurezza. Si parla delle precauzioni che i titolari dei rivenditori di sigarette    e quindi di coloro che posseggono la licenza del Monopolio dello Stato, hanno voluto attuare nel loro posto di lavoro. Nell'ultimo anno infatti, si è potuto assistere alla costruzioni di vetri anti-proiettili dietro ai quali i tabaccai si ubicano per essere protetti.

Tutto questo perché, numerose sono state le rapine che ci sono state, ai danni dei Tabaccai che come è noto, rappresentato una grande risorsa economica e detengono giornalmente ingenti guadagni. Non c'è da meravigliarsi quindi se i malfattori prendano di mira questo tipo di attività.

A distanza di due anni si sono contate all'incirca quindici rapine delle quali i malfattori individuati ed arrestati, sono soltatno quattro o cinque. Un problema grosso quindi, che costringe tutte le tabaccherie a munirsi di vetri anti-proiettili e di telecamere di video-sorveglianza; addirittura un tabacchino rutiglianese ha disposto il portone della propria attività di un citofono al quale suonare per poi farsi aprire ed accedere, misure, tutte queste, quasi estremiste, ma comprensibili in quanto non è facile psicologicamente vivere con il terrore che qualcuno entri in negozi e vedersi una pistola puntata contro.

"La Voce del Paese" ha intervistato tre titolari dei sette Tabaccai presenti a Rutigliano. Tutti hanno voluto tenere la propria identità nascosta per paura di avere delle ripercussioni.

Al primo intervistato abbiamo chiesto :

Come giudica il livello di sicurezza in cui vive Rutigliano?

Considerando che la mia Tabaccheria è situata in un punto particolare di Rutgliano, ovvero in un punto di raccordo fra due paesi ho notato che gli autori delle rapine che abbiamo ricevuto (ne abbiamo sino ad ora ricevute tre in totale) nessuno era di Rutigliano, sia perché non erano volti conosciuti sia perché alcuni di essi, che poi sono stati arrestati , sono di paesi a noi vicini. Il problema è che questi malfattori sono per la maggior parte incensurati e che quindi dopo un pò di tempo è possibile vederli nuovamente per strada.

Quali sono secondo lei i rimedi a tutto questo?

Siccome dalla nostra posizione è quasi impossibile cambiare la legge, non ci resta che essere sempre allertati munendo il nostro locale di vetri anti-proiettili, di telecamere ed essere "protetti" dalla vigilanza. Per il resto non possiamo fare altro. Questo, ci tengo a precisare, è un problema non soltanto delle tabaccherie, anche se da questo punto di vista siamo i "privilegiati, bensì tutte le attività commerciali, ne è esempio la rapina a quell' attivitá  che vende prodotti per la casa.

Con quale dinamica avvengono le rapine?

Dipende da caso a caso, c'è chi punta la pistola chiedendo di svuotare la cassa e chi entra rubando direttamente i soldi.

Un altro tabaccaio alla domanda scherzosa "Ci sono rapinatori che rubano anche le sigarette?" risponde:

Certo e le scelgono pure a loro piacimento, secondo me arriveremo anche ad offrire loro anche l'accendino.

Aldilà di tutto il pericolo che le proprie attività vengano rapinate è un problema esistente e diffuso in tutto il paese ed ancora più grande è il fatto che spesso questi malfattori non ricevono la giusta pena ed è possibile vederli in strada nuovamente, dato che nella maggior parte dei casi il lupo perde il pelo ma non il vizio!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI