Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Interazione e integrazione attraverso le esperienze audio-video: adesioni per il festival "Malati di cinema" in scadenza in 10 maggio

Festival-Raduno

Scade il 10 maggio il bando di partecipazione alla seconda edizione del festival “Malati di cinema”, promosso dal progetto “L’arte di aiutare”, dal gruppo Phoenix di Rutigliano e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità. L’iniziativa, sostenuta anche dalla Asl Bari, dal Comune di Rutigliano, dalle Confcooperative Bari - Bat, da “Occhi Verdi”,  “Ventidue.Tv” e  da “Su due Pedali”, si svolgerà nei giorni 30 e 31 Maggio e 1 Giugno 2014 nell’ex convento di Madonna del Palazzo a Rutigliano (Ba). Tutte le fasi del progetto sono pensate e vogliono essere realizzate in luoghi detti “residenze”, uniti dalla stessa filosofia operativa: tutti i lavori devono essere realizzati dall’interazione partecipata tra utenti e volontari in piccoli gruppi di lavoro e la condivisione, la partecipazione e il dialogo devono costituire gli elementi fondativi di tutte le azioni previste. Il diverso deve essere inteso come risorsa, soddisfacendo il bisogno di riconoscere e di essere riconosciuti. Le arti espressive e, in questo specifico caso, il linguaggio audio-video, vengono considerati strumenti di coinvolgimento e partecipazione diretta, che fanno del singolo una parte essenziale del tutto, strumenti della catena creativa di produzione, ponendo l’accendo su altri due principi fondamentali: l’interazione e l’integrazione. Il progetto è concettualizzato come incubatore di esperienze audio-video vissute da persone che possiedono una particolare sensibilità emotiva nei confronti della sofferenza esistenziale, plasmata in forme psichiatriche o tossicomaniache, vissute direttamente o in maniera tangenziale. I cortometraggi da presentare possono essere di produzione nazionale e internazionale e dovranno avere una durata massima di 30 minuti. La partecipazione è aperta a tutti i generi purchél’opera sia nata in ambiente riabilitativo ed il coinvolgimento dei pazienti abbia riguardato tutto il processo realizzativo: soggetto, sceneggiatura,riprese,montaggio, e l’opera tratti le tematiche riguardanti la parità di opportunità per tutti i cittadini: uomini, donne, immigrati, etc. Anche i format delle web-tv possono essere di produzione nazionale e internazionale. Le puntate da presentare dovranno avere una durata massima di 10 minuti. La partecipazione è aperta a tutti i generi di format, quindi quiz,news,web-fiction,ecc. Possono presentare domanda di partecipazione Centri Riabilitativi, Comunità, Associazioni, Enti o privati che abbiano compiuto la maggiore età.Un’apposita commissione, composta da studenti di scuola media secondaria ed universitari, selezionerà a suo insindacabile giudizio le opere a cui assegnare il premio finale. L'elenco delle opere finaliste sarà pubblicato entro il 20 maggio sul sito www.ventidue.tv.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI