Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Festa della mamma: le problematiche di oggi

mamma

Quante canzoni, quante frasi, gesti, azioni quotidiane cominciano e finiscono con la parola "mamma". La prima parola che un bambino pronuncia e che racchiude la sua vita in un istante, quello stesso istante in cui si realizza il concetto della maternità. Difficile, quasi impossibile descriverlo a parole, così impossibile da racchiuderlo in un giorno solo, quello che ogni anno si dedica alla "festa della mamma" e che quest'anno è stata celebrata domenica 11 maggio. Difficile riuscire a comprendere a fondo l'importanza della maternità, oggi come ieri: la spending review, la crisi, la malasanità, le malattie rare, i tagli, la disoccupazione, le tasse e tutto diventa così impensabile. Mettere al mondo una nuova vita, sottoporlo alla costante e quotidiana lente d'ingrandimento della società, quella presuntuosa che pensa di potergli insegnare tutti e subito. Inutile parlare dei risvolti economici e commerciali di una tale ricorrenza, per cui non si smette mai di sfruttare il lato consumistico della situazione, la tendenza a riassumere l'affetto di un'esistenza in un oggetto di mero valore. Tante le problematiche che pertengono oggi all’ambito genitoriale che, si sa, è il mestiere più difficile del mondo, quello per cui non si finisce mai di imparare: gli errori, l’educazione, le scelte, i sensi di colpa e basta un attimo per mettere da parte la vita creata e agire in maniera egoistica per il proprio bene. Scelte che hanno inevitabilmente una ripercussione, spesso troppo negativa, su chi non ha scelto di venire al mondo. Festa della mamma non significa soltanto ricordarsi della propria e abbracciarla, ma viverla ogni giorno come lei ha vissuto i propri figli. Un giorno come un altro, è vero, ma è anche l’occasione per riflettere e prestare attenzione a tutte quelle situazioni che non consentono la crescita familiare, i cui diretti interessati vengono spesso lasciati soli nella propria difficoltà. Come ogni contesto che si rispetti, però, esistono associazioni valide che operano sia a livello nazionale sia a livello più propriamente locale, che si occupano della tutela dei diritti di chi rischia di diventare strumento di contestazione ma anche di chi, per un motivo o per un altro, vede violate le proprie libertà. Una di queste è l’associazione onlus “Mamme per sempre”, operante nel nostro territorio, che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. Fondata il 24 dicembre 2010 a Noicàttaro e presieduta oggi dalla sig.ra Prudenza Fallacara, nasce con lo scopo di promuovere e realizzare servizi assistenziali a favore di madri e/o padri e dei minori che si trovano in condizioni di disagio in ambiente economico, sociale, familiare nonché interventi in casi di separazione conflittuale tra coniugi per ristabilire rapporti equilibrati e continuativi tra genitori e figli. Tanti i progetti messi in cantiere dall’associazione e tanti quelli resi concreti e realizzati: oltre che impegnarsi nell’attività di informazione e sensibilizzazione verso la conoscenza della PAS (Sindrome di Alienazione Parentale), “Mamme per sempre” è attiva anche nel sostegno di progetti umanitari, tra cui quello di Padre Fulgenzio Cortesi, missionario in Africa e fondatore del “Villaggio della Gioia” ONLUS, che mira ad operare attraverso le adozioni a distanza e il  sostegno sociale in una zona della Tanzania. È un supporto importante quello dell’associazione, con uno sguardo rivolto sempre a chi vive il momento delicato della separazione, vissuto sia dalla parte dei genitori sia dalla parte dei bambini, questi ultimi quasi sempre vittime indifese su cui si ripercuotono responsabilità e malesseri. Al fianco di chi, insomma, ha bisogno anche soltanto di comunicare le difficoltà in cui si è coinvolti e per questo è alla ricerca di uno spazio in cui esprimere i propri stati d’animo con attività ludico - creative: per questo sono stati istituiti i “gruppi di parola”, luoghi di scambio e sostegno tra i bambini dai 6 ai 12 anni che attraversano un momento familiare più o meno problematico. Non solo laboratori interattivi ma anche sportelli informativi e consulenze a sostegno di coppie e adolescenti in crisi, donne in fase di separazione, famiglie multiproblematiche, anziani, nonché attività di mediazione familiare che puntano a ristabilire quell’equilibrio, minato spesso dall’interno per disagi e instabilità. Un aiuto davvero ampio che si concretizza a 360°, attraverso la cooperazione a livello psicologico, legale, giuridico, sociale, insomma umano. I contatti dell’associazione sono: www.mammepersempre.it, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI