Sabato 18 Novembre 2017
   
Text Size

L'I.T.C.S. "Montale": bilancio di fine anno

itc-montale

E' terminato un altro anno scolastico, per alcuni interminabile per altri volato con leggerezza, ma per tutti molto impegnativo. Analizzando l'I.T.C. Eugenio Montale, si è giunti alla conclusione che non è stato un anno così negativo, come quello degli anni passati. L'istituto commerciale rutiglianese infatti, ha avuto un netto calo delle iscrizioni, a favore del Liceo Scientifico "Ilaria Alpi" che al contrario ha avuto un boom di iscrizioni. Questo calo di studenti ha fatto sì che l'I.T.C. "E.Montale" perdesse l'autonomia che due anni prima aveva riacquistato con sudore. Ad oggi infatti la scuola di Via Falcone è una succursale dell' I.T.C. "Sandro Pertini" di Turi. Molti non pensano che sia una cosa positiva in quanto l'I.T.C. rutiglianese sia un po' troppo trascurata dato che il Preside Erminio Deleonardis deve dividersi in due scuole concentrandosi perlopiù sulla sede principale. Tuttavia le note positive di questo anno scolastico hanno visto un leggero calo di quei studenti che spacciano droga all'interno dell'istituto. Molti ricorderanno infatti che negli anni passati i controlli cinofili della Guardia di Finanza abbiano fatto strage dei baby-pusher che spacciavano quantità di fumo ed erba in quantità non trascurabili. Questi sono dati che vanno a discapito dell'immagine di un Istituto Superiore, come quello dell'I.T.C.S. di Rutigliano, che possiede una struttura da far invidia a molti istituti della Provincia. L'I.T.C. Montale infatti, presenta strutture all'avanguardia quali lavagne elettroniche, due aule multimediali, stage in aziende importanti, corso serale per conseguire il diploma, un campetto da calcio in erba sintetica completamente nuovo, un auditorium che può accogliere circa 200 persone, una palestra nella quale molte associazioni sportive svolgono i loro allenamenti ed infine un Bar a disposizione di tutti gli studenti e professori. Tutto ciò però non può essere sfruttato al 100%, per questo si è pensato di accorparlo con il Liceo di Rutigliano che non possiede una struttura a norma per una scuola. Tuttavia questa manovra non è andata a buon fine. Per alcuni, il calo di iscrizioni sia dovuto alla brutta immagine che l'Istituto Superiore ha dato di sé in questi anni, ma come suddetto, molto si sta facendo per portare sulla retta via un scuola bella come l'I.T.C.S.

Dal punto di vista di rendimento invece, molti credono che ci sia una leggera ripresa della media dei voti. Se questo alzamento della media non è netto, per alcuni professori la ragione appartiene ad un fatto esclusivamente generazionale, in quanto i giovani studenti di oggi sono più disinteressati e distratti dagli smartphone e dai social network. Certo, se si continua così, la scuola di Ragioneria potrà tornare ad essere un vero e proprio splendore.

Si cerca sempre di ingranare la marcia per ripartire, come l'organizzazione della giornata dell'arte che ha cercato, come gli anni passati, di risvegliare l'interesse di tutti gli studenti ad approcciarsi in maniera personale dato che si ha molto spesso il capo abbassato sulla tecnologia piuttosto che avere la testa alzata per vedere almeno chi ci circonda.

Una nota negativa invece, e che tutti gli studenti, compresi anche quelli del Liceo Scientifico sentono profondamente, appartiene all'interruzione di una tradizione che sembrava dovesse durare a lungo. Si parla della partita di calcio a 11 presso lo Stadio Comunale tra i due Istituti Superiori, che ha visto tutti questi anni un agonismo ed una rivalità tipica delle squadre di Serie A. Pare che i motivi di questa interruzione di tradizione, risiedano nel fatto che i due presidi degli Istituti siano d'accordo sul fatto che non vogliono che la Scuola si prenda grosse responsabilità derivanti da un incontro di calcio, quindi infortuni eccetera.

Importante invece è stato il corso che si è svolto dalle 14:00 alle 19:00 riguardante la formazione sui prodotti agroalimentari a livello aziendale. Un corso organizzato e finanziato dall'Unione Europea e che ha visto la partecipazione di persone giovani ed adulte. Ogni ora di lezione veniva retribuita al costo di 1,5 euro, quindi tutti i partecipanti oltre che ad imparare e ricevere un importante attestato hanno potuto guadagnare qualcosina.

Mentre, rispetto all'anno 2012-2013 il corso serale per conseguire il diploma, ha visto la riduzione da tre a due classi, dato che non c'è stata la formazione della terza classe.

 

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI