Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

Wind infostrada tutto incluso: continuano i disagi

images

Se qualcuno pensa che si può vivere senza telefonia, il 13 giugno 2014 ha dimostrato l'esatto contrario. Venerdì infatti il 25% della popolazione è entrata in crisi vedendo il proprio cellulare senza segnale ed assenza di servizio internet sia da rete fissa che mobile. Le cause sono da ricercare in un guasto tecnico che Wind Infostrada ha spiegato tramite i social network. Queste sono le parole: "L’anomalia è stata causata dal blocco progressivo, per problemi di configurazione, degli apparati (router IP) dell’esteso backbone internet di collegamento tra i nodi delle reti fissa e mobile: si tratta di un evento unico ed irripetibile. L’azienda si è immediatamente messa in moto, grazie all’intervento tempestivo della propria macchina operativa e dei propri tecnici di rete che hanno individuato l’anomalia, ne hanno verificato gli impatti sulle tratte geografiche della rete per bloccarne la diffusione. Solo a quel punto, si è potuto procedere alla graduale, ma veloce, eliminazione del problema ed al ripristino della piena funzionalità del servizio nelle diverse aree territoriali. Queste azioni, unitamente al fatto di disporre di tecnologie sofisticate e all’avanguardia, hanno consentito di ridurre il tempo del guasto solo a poche ore. Per incidenti di simile natura, verificatisi su reti di telecomunicazioni che hanno dimensioni analoghe nel mondo, i tempi di risoluzione sono stati molto più lunghi con impatti decisamente più pesanti. Nei confronti di questa eccezionale anomalia sono state poi intraprese tutte le azioni necessarie per prevenire l’eventuale ripetersi di casi simili."

Il disservizio è durato circa dalle ore 11:00 alle ore 15:00 di Venerdì. Gli utenti sono andati su tutte le furie dato che c'è chi lavora utilizzando prevalentemente internet e il cellulare in generale. Il disagio creato ha avuto un impatto così grande da essere discusso addirittura in Parlamento in cui si è parlato dell'intervento dell'Antitrust. A quanto pare però le scuse da parte dell'azienda di telefonia non bastano; il Codacon (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) infatti, ha aperto un'inchiesta contro Wind Infostrada chiedendo un Maxi Risarcimento per i disagi creati agli utenti dell'azienda di telefonia.

Certo, i centri Wind autorizzati, sono esenti da questi disservizi.

Bisogna piuttosto riflettere su quanto i mezzi di telecomunicazioni moderni e tecnologici influiscano sulla popolazione, che si è dimostrata paralizzata di fronte ad un inconveniente come questo. Sembra quasi che per il guasto di una lavatrice non si possano lavare più i panni. Da questo punto di vista, forse, tutti siamo incapaci di trovare altrettante alternative utili a mezzi di telecomunicazione che rendono la nostra vita troppo veloce per i nostri passi.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI