Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Pratiche di parcheggio non - convenzionale a Rutigliano

foto 3

Come tutti sanno, per poter circolare con una vettura, è necessario della cosiddetta patente e come tutti sanno per poter conseguire la patente è necessario che si frequenti il corso specifico presso un auto-scuola. Dopo aver passato l'esame scritto, bisogna superare la prova pratica. A questo punto il gioco è fatto, siamo abilitati a guidare un’auto.

Tuttavia, sembra che a Rutigliano ci siano dei conducenti un po' estrosi che decidono di non rispettare le regole del parcheggio così come la scuola-guida insegna, per poter sperimentare nuovi stili di parcheggio, del tutto fuori dal comune.

Questi conducenti, che potrebbero essere definiti "artisti", sembra che si divertano a lasciare la propria auto in posti assurdi, superando le leggi della geometria e della matematica. La Voce del Paese ha potuto osservare tutto ciò intorno alle ore 11:00 di una semplice giornata lavorativa. Veicoli lasciati perpendicolarmente a un marciapiede dove il parcheggio deve essere effettuato lasciando l'auto in posizione parallela, veicoli lasciati su strade con divieto di sosta e fermata, auto in doppia fila; insomma nell'ora di punta (e non solo), Rutigliano cessa di essere un paese e si trasforma in una vera e propria giungla. Ma ciò che rende colpevoli questi "artisti" è il fatto che lascino le cosiddette quattro frecce accese come a dire "aspettate qualche minuto, arrivo subito" ed è così che la macchina può rimanere lì ferma ore ed ore.

Ed è proprio questo il punto: l'auto può rimanere lì per ore senza ricevere una multa.

In questi mesi è sorto un altro problema: il nuovo progetto di rinnovamento edile a cui Rutigliano è stato sottoposto, ha eliminato molti parcheggi, ne è esempio Corso Cairoli dove molti commercianti ed abitanti hanno messo in evidenza la difficoltà di circolazione delle auto a causa dei parcheggi fatti erroneamente. I punti del paese dove la situazione è diventata insostenibile sono principalmente tre: Via Lorenzo Cardassi o comunemente chiamata "Sott a fracass", Corso Cairoli come è stato detto precedentemente e l'incrocio situato in Via Mola. Quest'ultimo in particolare, vede la presenza di auto parcheggiate in prossimità della Piazzetta, i cui conducenti nel frattempo sono in farmacia, dal fioraio, dall'ottico o dal caseificio.

Tutto ciò non fa altro che rendere invivibile il paese e soprattutto educa in maniera sbagliata i neo patentati che seguiranno cattivi esempi così come mostrano le foto.

 

 

Commenti  

 
#5 Lettore attento 2014-07-17 14:39
Articolo scritto molto bene e con cose sensate. La situazione è veramente insostenibile! Arriveremo a parcheggiare in terza fila!
 
 
#4 Ambiente 64 2014-07-13 21:15
E i vigili urbani cosa fanno ? Li paghiamo con le nostre tasse per far cosa ? L'educazione si insegna con le buone maniere ma con certa gente che a Rutigliano commette questo tipo di infrazione ci vuole il bastone senza la carota.
 
 
#3 cittadino 2014-07-12 07:15
Chi ha scritto l'articolo è stato corretto concettualmente, ridicolo al punto giusto e, spiegato in italiano. Il punto che ha dimenticato una cosa piccola piccola che vorrei aggiungere: il guaio della nostra epoca è il non rispetto non delle regole ( che dovrebbero essere veicolati da politici e giudici) ma semplicemente verso l'altro individuo e, mi permetto anche verso piante e animali che dimentichiamo che ci accompagnano su questa barca chiamata terra. Se non inpariamo a rispettare il prossimo vicino a noi (anche le pietre) non potremo mai accarezzare l'idea di percorrere la nostra esistenza un po' meglio ! Un po' di rispetto verso la società ed è fatta! grazie
 
 
#2 Rutiglianese indigna 2014-07-11 23:33
Innanzi tutto partiamo dal presupposto che chi parcheggia in quel modo sul corso ha torto , ma mi spiegate chi deve andare sul corso per qualche minuto dove deve andare a parcheggiare?
A proposito di una di quelle vie precisate nell'articolo, ma sarà che le macchine sono sempre le stesse (meglio non far nomi dei proprietari, anche se lo so) chissà perché non succede mai nulla.
Oppure di vigili che parlano al cellulare mentre guidano con l'auto di servizio e a momenti vengono a dosso......
C'è chi dovrebbe dare l'esempio ma non lo da.
SI PREDICA BENE MA SI BAZZICA MALE
 
 
#1 cormorano11 2014-07-11 19:48
volevo ringraziarvi per l'interessamento avuto all'educazione e all'esempio per i giovani, ma vi consiglio di concentrare il vostro interesse sulla lentezza dei lavori post-votazioni, causando seri problemi di circolazione a chi lavora guidando un auto... grazie
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI