Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

'La vera rivoluzione è ricominciare': la presentazione del nuovo libro di Silvia Avallone

DSCN1290

Un nuovo appuntamento con la grande letteratura volto ad intrattenere i lettori Rutiglianesi. La cartolibreria Barcadoro in collaborazione con Libreria Culture Club Cafè di Mola di Bari ed il caffè artistico - letterario Torre Belvedere presentano “Marina Bellezza”, il nuovo romanzo di Silvia Avallone. In un incontro a tu per tu con l’autrice, la suggestiva location in Contrada Belvedere offre un’ottima occasione di fruizione di nuovi stimoli ed idee senza rinunciare alla frescura della sera estiva del 9 luglio. La serie di eventi ad ingresso gratuito gode del patrocinato della Regione Puglia, dell’Associazione Presidi del Libro e di ForLand. Intervengono nella serata del 9 luglio: l’autrice Silvia Avallone e la giornalista Antonella Rondinone. Gli intermezzi musicali sono affidati alla chitarra di Matteo Ottomano.

Marina Bellezza (Rizzoli Editore) racconta la storia dell’omonima protagonista. “Marina ha vent’anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l’affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno vuole credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini per tornare all’antica occupazione del suo predecessore: la pastorizia. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla.” Un romanzo molto descrittivo, le pagine scivolano via con molta facilità pur trattando di argomenti complessi e di emozioni molto intense. Questa è stata la sintetica introduzione della giornalista Antonella Rondinone.

Il primo capitolo de “Marina Bellezza” è intitolato Far West. Un chiaro riferimento ai protagonisti. Due italiani. Dopo il fenomeno della “fuga dei cervelli” la nostra nazione è stata svuotata dalle nuove proposte, ha perso le forze rinnovatrici a tal punto da essere tornata, in un certo senso, una terra vergine, una terra da essere riconquistata. I protagonisti sono i nuovi pionieri che vogliono restare. “È un romanzo arrabbiato. È scritto d’istinto,in genere non ragiono molto mentre scrivo. Le mie parole nascono in risposta diretta all’Italia che vedo. È un’Italia paralizzata, incapace di rinnovarsi ed andare avanti, l’ho notato nei miei coetanei, molti di loro sono emigrati in cerca di un futuro migliore. È vero, siamo il paese dell’arte, ma contemporaneamente siamo il paese che cade a pezzi, basti pensare a Pompei. Questo romanzo è dedicato a chi dice no, a chi ha il coraggio di restare, di chi accetta l’eredità lasciata dai propri genitori e decide con orgoglio di cambiarla.”

Un romanzo ambientato in provincia: “L’Italia è fatta da province”. Costituiscono il campione più completo dei campioni e la migliore ambientazione dato che “la provincia fa venir fame, è una speranza di un orizzonte più grande, in provincia ti viene voglia di guardar fuori. È una mamma, ma bisogna allontanarsene prima o poi”.

Come congedo, la relatrice Antonella Rondinone cita un aforisma tratto dal romanzo della Avallone: “La vera rivoluzione è cominciare”. L’autrice della “Marina Bellezza” specifica che il contesto vede l’opposizione delle due scelte possibili. Cominciare e Restaurare. “Chi va via non sbaglia, ma chi resta decide di costruire qualcosa per il proprio paese. In entrambi i casi bisogna avere molto coraggio. In ogni caso bisogna essere degli eroi”.

Commenti  

 
#1 Caterina 2014-07-17 21:36
Ciao a tutti ringrazio ancora il presidio del libro per la grande opportunità che ci offre.Vorrei condividere e riflettere due frasi dette dalla scrittrice Silvia Avallone stasera durante la presentazione del suo libro "Marina Bellezza": "il destino non è già segnato e la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra". Ciò è vero perché dobbiamo lottare e credere nelle nostre idee e capacità, dobbiamo lottare perché non tutto si ottiene facilmente, lottare nel nostro paese che ci offre tanto ma non viene utilizzato nella giusta maniera. Seconda frase: "bisogna leggere perché la lettura è riflessione, comprensione e lotta .Un pensiero questo che ho sempre condiviso in cui credo fermamente perché se una persona legge vuol dire che conosce e la conoscenza è anche libertà di espressione ,di opposizione alle false verità.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI