Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Stato di calamità: sì alla grandine, no alla peronospora

IMG-20140718-WA0011

Lo scorso venerdì si è tenuto un incontro fra l’Assessorato all’Agricoltura di Rutigliano ed un funzionario della Regione Puglia per verificare la sussistenza dei presupposti della domanda di calamità presentata dal Comune nei giorni scorsi, in seguito alla forti piogge e grandinate che hanno colpito in maniera anche massiccia i produttori di ortofrutta locali.

Non potevamo mancare all’appuntamento per meglio conoscere la situazione. Prima di tutto va sottolineata la massiccia presenza di agricoltori locali accorsi per alcune delucidazioni, invitatati proprio dal comunicato del Comune; va quindi poi annotata una certa delusione fra di loro, principalmente per due punti: il primo, che non vi è stato un tipico“incontro” come ci si aspettava, in quanto il funzionario era giunto per alcuni sopralluoghi nelle zone più colpite con alcuni esponenti politici, più precisamente l’assessore con delega all’agricoltura Pinuccio Valenzano (che provvederemo presto a contattare per approfondimenti) , il vicepresidente del Consiglio Comunale Vanni Pavone e la consigliera Donatella Lamparelli; quindi, perché per la stragrande maggioranza dei presenti il problema principale non era l’effetto diretto del maltempo, ma quello indiretto dell’esplosione della peronospora, una delle più pericolose malattie causate dal diffondersi di un fungo, che sta decimando i raccolti dei produttori, nonché mettendo a rischio le colture che verranno.

Poco prima di partire per il tragitto convenuto, abbiamo scambiato due parole con il tecnico agronomo della Regione, Vito Denise, che ci ha confidato: “Il presupposto per il riconoscimento della calamità naturale è il danneggiamento fino al 30% della produzione lorda; il punto è che si parla di danni causati solo direttamente dal maltempo e dalla grandine, mentre la peronospora non rientra nella nostra competenza: per le procedure collegate a questa e a tutte le malattie in genere si fa riferimento direttamente al Ministero, con un iter differenziato”.

Successivamente, al ritorno dal sopralluogo, abbiamo parlato con Vanni Pavone, che oltre a passarci gentilmente delle foto scattate durante la perlustrazione, ci ha raccontato l’esito della giornata: “Siamo stati in giro per le zone più colpite, fornendo materiale per la perizia della Regione sulla situazione legata alla nostra richiesta del contributo per la calamità naturale; inoltre abbiamo preso l’impegno di raccogliere tutte le segnalazioni a riguardo e di comunicarle prontamente, in modo da stabilire meglio l’entità dei danni e la gravità della situazione . Riguardo la peronospora, abbiamo fatto presente all’ispettore il grave danno che sta comportando , anche se non si tratta di una competenza della Regione, e vedremo comunque nel futuro sul da farsi”.

Staremo a vedere come si svilupperà la situazione, con particolare attenzione proprio alla faccenda della peronospora vista la grande preoccupazione dei nostri agricoltori: segnaleremo prontamente ogni eventuale passo avanti nei prossimi numeri.

 

Commenti  

 
#7 pinco 2014-07-23 15:29
agricoltori state tranquilli dormite sui7 cuscini,lass.valenzano con il sindaco vi daranno una mano anzi due,ovvero sara' come nei decorsi anni non avrete una beata mazza.siete individualisti e non diversificate le culture, siete solo produttori di reddito ma per tutti meno per voi.bravi,continuate cosi'.
 
 
#6 veritas 2014-07-23 12:44
MI FATE RIDERE PINUCCIO VALENZANO IN DIECI ANNI NON HA FATTO NESSUNA PROPOSTA SERIA PER L'AGRICOLTURA....!STAREMO A VEDERE POI VORREI RICORDARE CHE L SIGNOR SINDACO NEI 5 ANNI PRECEDENTI HA DORMITO E NOI AGRICOLTORI A FARNE LE SPESE!
 
 
#5 Moderato 2014-07-22 13:35
Io credo che questa volta i nuovi consiglieri e assessori riusciranno a fare tante belle cose x Rutigliano, basta solo che il NCD non rompa le uova nel paniere, con le loro tante stupidaggini su diffide che a noi sinceramente non ci riempiono le tasche!! Ora basta abbiamo bisogno di crescere e non di infangare persone e riprendere problemi vecchi!!! Dobbiamo pensare al domani non al passato.... Capito Valentini, martire e tutti coloro che stanno alle vs spalle, il dente avvelenato fatevelo curare dal dentista, noi siamo stanchi di accettare i vostri innumerevoli capricci politici, i soldi comunali servono a noi non a voi x pagare le spese legale, ne abbiamo pagate già tante!!! ORA BASTA
 
 
#4 n.p. 2014-07-22 07:46
Bisogna prestare molta attenzione all'agricoltura che è la nostra principale fonte di reddito. La nostra economia si basa principalmente su questo comparto ed è dovere degli organi amministrativi ed istituzionali prenderne parte in questo momento difficile e di crisi per tutti noi. La presenza di Pinuccio Valenzano, Donatella Lamparelli e Vanni Pavone fa si che la nuova amministrazione comincia ad essere presente ed insieme a noi agricoltori. Contiamo molto su Pinuccio assessore all'agricoltura, speriamo che dimostri quanto veramente tiene a cuore questo settore. Anch'io mi associo ai complimenti fatti per la loro disponibilità e sopratutto per aver ascoltato le nostre lamentele e sfoghi.
 
 
#3 gianni v 2014-07-21 20:21
Le istituzioni sopratutto in questo periodo di difficoltà del nostro settore, devono far sentire la loro presenza. Apprezzo che i neo consiglieri insieme all'assessore hanno mostrato sensibilità verso la categoria. Con l'augurio che possano davvero collaborare con le nostre aziende, cosa purtroppo che non è accaduta in passato.
 
 
#2 agricoltore n°2 2014-07-21 17:35
ma in poche parole avremo un risarcimento anche se minimo dei danni e se si come fare domanda di risarcimento?grazie
 
 
#1 Agricoltore 2014-07-21 09:52
Ero presente in quella visita ispettiva, sono stato deluso dal fatto che il problema principale alla nostra uva, ovvero la peronospera non è riconosciuta come danno da calamità naturale, contento e soddisfatto invece della presenza al nostro fianco delle istituzioni,che hanno fatto sentire la propria voce in nostra difesa. Grazie assessore e consiglieri.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI