Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Lettera ad un ladro di libri. La rabbia dell'associazione "Menti a piede libero"

Rutigliano. Menti a piede libero front

 

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta dell'associazione "Menti a piede libero". Buona lettura.


Lettera ad un ladro di libri

Caro ladro di libri,

i libri non fanno differenze: parlano di nobildonne e ubriaconi, gentiluomini e imbroglioni, assassini e cartomanti. Quanti lettori e quante lettrici, accaniti o sporadici, non si sono mai fatti appassionare da un condottiero, una usuraia, un tiranno che popolava una storia? Il bello dei libri è che hanno la loro storia da raccontare. E così come nella finzione, ognuno di noi ha una storia da raccontare sulla propria vita. C’è la nobildonna, l’ubriacone, il gentiluomo e il cartomante, l’assassino e l’imbroglione.

E c’è il ladro di libri e di postazioni di booksharing. Lui la parte nella storia l’ha fatta. Un libro non starebbe lì a dargli un suo giudizio. Girerebbe pagina e si chiederebbe:

E tu, che parte vuoi avere nella storia del booksharing?

La parte del polemico? Il disfattista? Il disilluso? Il realista? La nobildonna? L’ubriacone? Il gentiluomo? L’imbroglione?

Oppure….?

Oltre a chiederci chi sia stato, se ce lo aspettavamo e si poteva evitare, se sia il caso di chiuderla qui a Rutigliano, Putignano e in tanti altri paesi perché tanto si sa come vanno a finire queste cose… ogni persona dovrebbe chiedersi: e io, nella storia del booksharing, che parte voglio avere?

Vorremmo che questa domanda se la ponessero tutti.

Eravamo e siamo ben consapevoli delle dinamiche che avrebbe innescato e allo stesso tempo subito questa iniziativa, ma nonostante questo abbiamo deciso di osare perché vogliamo continuare ad avere un piccolo posto in questo racconto, ma soprattutto perché vogliamo dar spazio alle storie dei lettori e dei cittadini che vogliono camminare con noi.

Il giorno in cui tutte le postazioni saranno distrutte, noi saremo lì a farne altre cento; quando i televisori buttati finiranno (purtroppo mai) ne cercheremo altri; quando tutti i libri donati saranno rubati, noi, di nostro pugno e con inchiostro gentile, scriveremo i testi da inserire nelle postazioni.

Sappiamo, ladro, che tu non sei “la Ladra di libri” di Markus Zusak che salvava i libri dai roghi nazisti, ma non sei neanche uno stupido; sei un cittadino che percorre le nostre stesse strade e beve alle stesse fontane, vota lo stesso giorno in cui votiamo noi e va a prendersi il caffe come noi.

Vogliamo, che tu ladro, un giorno possa far parte di un grande racconto, di quel lieto fine che tra molto tempo scriveremo insieme: un libro scritto a mille mani che nasce da pagine di rispetto e condivisione perché le differenze non sono incolmabili, ma soprattutto non devono essere colmate per forza se ci si rispetta.

Per questo motivo, caro vandalo, non ti stiamo cercando e non cerchiamo di tirar fuori una confessione, non vogliamo puntare il dito su di te nelle piazze di tutta la regione, non vogliamo beccarti con le mani nel sacco, perché noi non vogliamo “punirne uno per educarne cento”.

Noi, ne vogliamo punire cento.

La punizione per quel centinaio sta nel continuare a sudare, lavorare, immaginare, progettare, vuol dire costruire insieme altre mille postazioni,  accogliere l’inciviltà e il “cittadino cattivo”, vuol dire fargli sporcare le mani in un laboratorio e farlo sudare fino a fargli fondare un’associazione.

Queste sono politiche culturali.

Non abbiamo mai creduto nelle telecamere, non crediamo nelle istallazioni militarizzate e picchettate, non crediamo nelle ronde e negli appostamenti, crediamo nei cittadini che rispettano i lavori fatti per la comunità e per questo motivo non faremo funerali per le postazioni scomparse, non intoneremo requiem e non organizzeremo manifestazione; faremo una cosa sola: resteremo vigili e attivi, resteremo Menti a piede libero.

Menti a piede libero

3 Settembre 2014    

Commenti  

 
#1 tristezza 2014-09-05 06:07
Provo solo una profonda tristezza per ciò che è successo. Bravi ragazzi, andate avanti così.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI