Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

Il Parco Urbano si fa attendere. E aspettano anche le varianti

parco urbano via conversano

Lo spazio verde a Rutigliano dovrà attendere ancora qualche settimana. Ebbene sì, coloro che non vedevano l'ora di portare i bambini nel Parco Urbano di via Conversano dovranno pazientare ancora fino a dicembre, perché il termine dei lavori di realizzazione, previsto per il 6 settembre, è stato dilazionato. Si badi bene, però, che non si sono mai interrotti: ancora in corso d'opera, tuttavia, ai lavori come da progetto, per i quali era stato previsto un tempo di esecuzione di 150 giorni, se ne sono aggiunti altri, che non comportano però ulteriori costi aggiuntivi rispetto all'importo di contratto di € 236.496, 10. Questo grazie al criterio di gara adottato dal Responsabile dell'Area Lavori Pubblici, l'Ing. Carlo Ottomano, basato sull'offerta economicamente più vantaggiosa, in virtù della quale l'impresa dovrà realizzare alcuni lavori aggiuntivi: si tratta del parcheggio su via A. Moro, dell'intero impianto di pubblica illuminazione completo di linea di alimentazione e di 42 corpi illuminanti. Oltre a queste opere, si vanno ad aggiungere anche altri 68 alberi che sono già stati messi a dimora.

Ad oggi, d'altra parte, è in corso anche l'approvazione di una variante tesa al miglioramento del progetto, che consiste nel recupero e nell'utilizzo di tutte le basole lapidee utilizzabili, laddove il progetto aveva previsto l'utilizzo soltanto parziale delle stesse, che erano depositate nel parco. Nella variante da approvare è compreso anche il lavoro necessario per il posizionamento delle tre statue che in passato furono rimosse da piazza Colamussi e che adesso troveranno nel Parco Urbano una nuova - e si spera adeguata - collocazione. Tutte attività, insomma, che hanno comportato lo slittamento dei lavori, senza però tralasciare anche la specificità di alcune piante che saranno poste nel parco: si tratta della Lippia repens, la cui piantumazione, assieme alla posa in opera di tappeto erboso, è consigliabile che avvenga nel periodo autunnale. Motivo per cui il termine di ultimazione dei lavori è stato prorogato di 90 di giorni rispetto all'iniziale scadenza del 6 settembre.

Commenti  

 
#5 un cittadino 2014-09-16 11:23
Perché non si è pensato anche alla recinzione di tutta l'area?
Non vorremmo certamente che di notte il nostro Parco diventi un luogo ideale per i tossicodipendenti agevolati anche dalla posizione non centrale dello stesso.
 
 
#4 Cittadino 2014-09-14 11:04
Obbligo Almeno a mettere il di divieto di far entrare i cani come in pineta :sigh:
 
 
#3 urban 2014-09-11 11:12
cara cittadina non si deve preoccupare degli escrementi dei cani che dovrebbero intervenire i loro padroni , ma dovrebbe preoccuparsi di ben altre problematiche più gravi che influiranno il futuro dei vostri figli. Vedete gli avvelenamenti dell'aria ....ecc ecc e per il pavimento quando siamo stati noi fanciulli quante cadute e quante bucciature ma quanto eravamo felici di rotolore anche nel terreno sporco. Preoccupiamoci di problemi seri che ce ne sono tanti !
 
 
#2 beppepalmino 2014-09-10 17:37
Mi permetto di far notare che la lippia necessita di abbondanti annaffiature durante l'estate ed è abbastanza sensibile al freddo, tanto che consigliano temperature superiori ai 5 gradi.
Non so se è stata una buona scelta.
Dopo tutto la sua area di origine è l'america del sud, ben diversa per clima e precipitazioni al mediterraneo. Saluti
 
 
#1 cittadina 2014-09-10 08:28
Prevedere una pavimentazione ( magari in gomma) nell'area del parco giochi in modo da evitare ciò che già accade in pineta?E recintare tutto il parco installando cartelli di divieto di accesso per i cani di modo che i bambini non debbano giocare tra i loro escrementi? Queste varianti sono state prese in considerazione?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI