Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

La Fondazione ANT di Rutigliano: Dieci anni tra volontariato e sensibilizzazione

ANT Rutigliano

 

La Fondazione ANT di Rutigliano, intitolata a Graziano Cardascia compie il decimo anno di attività continua e costante sul territorio rutiglianese.

  Sin dal 2004 a Rutigliano è operativa la Delegazione di Fondazione ANT, nata su iniziativa di un gruppo di volontari.

L’Associazione Nazionale Tumori è stata fondata nel 1978 dal professor Franco Pannuti. La Fondazione ANT opera in nome della causa dell’Eubosia, parola greca per esprimere “vita dignitosa”, ed è proprio questo che cercando di garantire a coloro che fanno affidamento nella Fondazione o, più semplicemente, la sostengono e la considerano un punto di riferimento.

L’ANT rappresenta la realtà la più ampia realtà no-profit in Italia per quanto riguarda l’assistenza socio-sanitaria domiciliare gratuita ai sofferenti a causa di tumore.

Ad aumentare l’impegno e la passione dei volontari di Rutigliano e a  rafforzare il loro desiderio di continuare è il riconoscimento, da parte degli utenti, della validità di un servizio offerto con amore grazie al prezioso lavoro dell’ équipe medico-infermieristica e di sostegno dell’intera popolazione.

  Venerdì 3 ottobre, alle ore 18.00, la fondazione ANT “Graziano Cardascia” ha festeggiato i dieci anni di servizio costante sul territorio rutiglianese con un incontro presso l’Aula Magna “Aldo Moro” del I Circolo Didattico “G.Settanni”.

Hanno partecipato all’incontro: la professoressa Maria Melpignano, dirigente della struttura che ha ospitato l’incontro; prof. Margherita Sorino, delegata ANT di Rutigliano; Sig.ra Rosa Vanda Triggiani, delegata regionale ANT; Dott. Gennaro Palmiotti, oncologo e responsabile dell’ Unità Operativa di Oncologia del Di Venere a Bari; la Prof.ssa Anna Lasorella, cittadina nojana e ricercatrice presso la Columbia University di New York; la Dott.ssa Antonietta Pignatelli, medico dell’ANT e l’Assessore Anna Ancona, per rappresentare l’Assessorato ai Servizi Sociali.

  Gli ospiti della Delegazione ANT di Rutigliano hanno parlato a proposito dell’argomento “Tumori”, ognuno secondo la propria mansione in materia.

  Il Dott. Palmiotti ha tenuto un discorso dimostrando come molte scorrette abitudini alimentari e stili di vita inadeguati predispongano alla manifestazione di cellule cancerogene, dando preziosi consigli sulla prevenzione attraverso un corretto vivere.

  La Signore Anna Vanda Triggiani, delegata regionale ANT, ha illustrato le diverse iniziative che portano il nome della Fondazione raccontando la storia delle attività svolte dall’Associazione.

  La Prof.ssa Anna Lasorella, ospite speciale in questo incontro è una Neuro-oncologa pediatra. Si occupa di tumori cerebrali infantili presso la Columbia University di New York.

Come ogni compleanno che si rispetti, è giunto da un privato cittadino un aspettato regalo. L’artista Rutiglianese Michele Dipalma ha donato un suo dipinto all’Associazione Nazionale Tumori di Rutigliano. L’opera del noto artista ha un valore monetario non indifferente. Di comune accordo, il dipinto verrà destinato alla causa primaria dell’associazione. Verrà destinato alla preziosa raccolta fondi per continuare a garantire servizi a chi ne ha un estremo bisogno.

  Margherita Sorino, delegata per l’Associazione Nazionale Tumori di Rutigliano ha risposto a qualche nostra domanda:

Quali sono i progetti futuri della Fondazione?

Il nostro progetto nonché la nostra prima ambizione è quella di continuare a raccogliere fondi per poter garantire l’assistenza domiciliare gratuita. Un progetto che vorremmo sviluppare è presentare un progetto per la sensibilizzazione per la prevenzione del Melanoma. Quest’ultimo è un progetto già attuato da altre Fondazioni in Italia. Abbiamo intenzione di collaborare con queste altre fondazioni per poterci confrontare a proposito di quelle che sono state le diverse risposte ed esperienze raccolte.

Attraverso quali attività è possibili sostenere la Fondazione?

Sia nome di ANT  “Graziano Cardascia”, sia in cooperazione con la Fondazione Nazionale ANT, organizziamo diverse attività volte alla raccolta fondi, ad esempio la “Campagna Nazionale dei Ciclamini” nella quale vendiamo questi fiori per finanziare i nostri servizi. O la vendita, a seconda dei periodi dell’anno di pandori a Natale, uova di Pasqua, vendita di gelati in estate fuori dagli edifici scolastici. Tra le iniziative appartenenti alla nostra delegazione, organizziamo spesso viaggi, tornei di burraco o qualsiasi cosa ci possa venire in mente, tutte con lo scopo di raccogliere fondi.

 

Fondi destinati a…

Alla retribuzione di professionisti. L’ANT si fonda sui volontari ma affiancati da figure professionali quali oncologi, medici, infermieri e psicologi. Una équipe affidata al paziente che chiede il nostro aiuto. Ovviamente il servizio è gratuito per chi lo richiede ma i professionisti vengono normalmente retribuiti da noi

Quali attività attuerete per delle prossime raccolte fondi?

Abbiamo in programma un pranzo di beneficenza presso la sala “Plenilunio alla Fortezza” di Mola di Bari. Oltre a questo continuiamo con la campagna nazionale dei ciclamini. Abbiamo in cantiere un viaggio a Roma con udienza dal Papa e visita a Palazzo Montecitorio, senza contare le altre iniziative da attuare in concomitanza con l’ ANT Nazionale.

Ci sono punti sui quali vorreste insistere in futuro?

Vorremmo puntare sulla sensibilizzazione a questa tematica coinvolgendo anche le fasce giovani della popolazione. Non riusciamo a capire come un tema così attuale venga percepito in maniera così distante dalle nuove generazioni. Se solo i ragazzi ci dedicassero anche solo un’ora del loro tempo… ma non solo per quanto riguarda il volontariato, anche solo un piccolo aiuto per la campagna si sensibilizzazione rappresenterebbe un grande traguardo per la nostra fondazione. I ragazzi volontari potrebbero in cambio avere un ritorno rappresentato da crediti formativi utilizzabili nel loro percorso scolastico. Abbiamo avanzato questa proposta nei due licei rutiglianesi ma non abbiamo avuto alcuna risposta. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI