Sabato 18 Novembre 2017
   
Text Size

Le lapidi maltenute dei caduti in guerra. Ci siamo dimenticati di loro?

DSC_3540

 

La nostra redazione ha accolto le lamentele di alcuni cittadini che hanno fatto presente, nei commenti del nostro spazio web, lo stato di degrado in cui si trovano attualmente le lapidi dei caduti in guerra.

Dopo questa segnalazioni abbiamo verificato presso il mausoleo del cimitero di Rutigliano lo stato delle insegne funebri. Molte sono tutt’ora in uno stato dignitoso, provvisti di lume vegliante e di fiori in stato -più o meno- dignitoso. Altre, tuttavia, pur sempre in numero minore, presentano alcuni segni evidenti di una negligenza nella cura o abbandono. Le lapidi in questione appaiono sì provviste di portalume, peccato per la mancanza di lampade, con tanto di cavi in rame scoperti ed ormai invalidati dall’acqua piovana. Altre lastre commemorative peccano dell’assenza di un portafiori, fino ad arrivare alla più ingegnosa trovata per compensare a questa lacuna. la targa funebre del combattente Vito Valenzano, sprovvista di portafiori e luminaria, ha in compenso un segno eterno (o quasi) di omaggio:è stato affisso sulla lapide un pezzo carta probabilmente ritaglio di giornale raffigurante un vaso di fiori.

Ascoltando il verbo del sindaco, Dott. Roberto Romagno, delegato alla manutenzione del cimitero pubblico, dichiara che è stata prestata e verrà ancora prestata la massima attenzione attorno a questo problema, così come viene prestata la massima attenzione nel preservare lo stato decoroso del luogo della memoria non solo dei caduti in guerra ma di tutti i defunti. Conclude il sindaco: “Sarà nostra premura valutare il problema per affrontarlo con un celere intervento”. 

Commenti  

 
#2 sasso 2014-11-29 18:29
Onore ai caduti in guerra anche con lapidi decorose!
 
 
#1 argo 2014-11-25 22:51
40 anni fa sono venuto a rutigliano e le lepidi erano gia'cosi. con quale faccia tante amministrazioni sono passate il 4 novembre ,davanti a quei caduti ? bei discorsi e poco i fatti!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI