Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

PRODOTTI FITOSANITARI IN CENTRO

prodotti_fitosanitari Considerate le numerose segnalazioni e commenti ricevuti in merito all'insalubrità dell'aria che avvolge il nostro comune, e certi dell'utilità di queste informazioni, pubblichiamo il doumento rilasciato dall'Ufficio Agricoltura del Comune di Rutigliano che regolamenta l'utilizzo di prodotti agricoli in prossimità del centro abitato.

 

image
2
3
4

Commenti  

 
#11 isa 2009-08-02 21:45
rutiglianoweb è un grande e importane servizio per noi cittadini, è bello apprendere certe informazioni, che vuoi per pigrizia o altro non siamo capaci di sapere in prima persona
 
 
#10 ho smesso 2009-08-01 21:47
siamo in Europa
 
 
#9 Teta 2009-08-01 19:19
...dimenticavo che bisogna affiggere intorno ai confini del terreno dei cartelli che informano che è in corso il trattamento, con quale principio attivo, il tempo di carenza (cioè dopo quanto tempo si puo' tornare all'interno dei campi senza pericolo per l'uomo).
 
 
#8 Teta 2009-08-01 19:15
Volete sapere quali documentazione viene richiesta?
- Nominativo degli operatori con eventuali assunzioni se dipendenti
- Patentini per l'utilizzo sostanze pericolose
- Contratto smaltimento contenitori fitofarmaci
- Quaderno di Campagna (elenco in ordine di data di tutti i trattamenti comprese le concimazioni effettuate per ogni singolo appezzamento)
- Piano della sicurezza per i lavoratori e l'ambiente con schede tecniche dei prodotti

E adesso commentata pure...
La vita del moderno e responsabile contadino NON è facile.
Sfido chiunque adesso a ripetere che siamo un popolo di sfruttatori della salute altrui senza rispetto dei concittadini e ddell'ambiente!!!!
 
 
#7 Teta 2009-08-01 18:54
Mi acclamate?????
Ho risposto del post de "l'aria irrespirabile...."
Guardate che le regole ci sono ma non da mo.... ufff
Rispettarle è un dovere di TUTTI.
Abbiamo aquisito i patentini dopo ore di lezioni.... non a chiacchiere!!
Tutti sappiamo quali sono le accortezze da usare.
... se c'è chi non le rispetta... be... che ci possiamo fare (come in tutti i settori le mele marce ci sono).... si deve vigilare e denunciare.
Se mi è consentito vorrei portare un esempio di situazione successa 3 anni fa nella mia azienda:
In un terreno agricolo confinante con una struttura ricettiva; l'operatore e chi prepara le miscele (correttamente assunti, con dispositivi di sicurezza appropriati, in orari idonei, con patentini per l'utilizzo delle sostanze)vennero richiamati dai vicini che chiamarono i carabinieri...
Perchè? Io ero in pienissima regola... eppure fui costretta a presentare TUTTE TUTTE le documentazioni necessarie....
Questo succede ogni volta adesso.
A voi i commenti...
 
 
#6 ho smesso 2009-08-01 18:33
ma Teta? ora dov'è?
 
 
#5 albert 2009-08-01 14:13
Mi domando:- Ma perchè ci affanniamo tanto nell'educazione dei nostri figli, richiamandoli al rispetto delle regole, se poi siamo noi grandi i primi a trasgredire?
Non facciamo altro che richiamarli al rispetto della natura e dell'ambiente e.....poi?:-Giuseppe, non gettare le carte per terra, la gomma da masticare, avvolgila nella cartina e buttala nel cestino, fai la raccolta differenziata adesso...poi quando sarai grande, potrai fare come papà, cioè potrai usare tutti i fitofarmaci che vorrai, per far diventare la tua uva più bella e più competitiva degli altri!
Sempre se, quell'ipotetico Giuseppe, diventerà grande!
 
 
#4 anonimo_ 2009-08-01 13:47
Le disposizioni ci sono, ma nessuno le rispetta a quanto pare, visto che l'odore del nostro paese è diventato una nostra caratteristica:anche un cieco, arrivando qui direbbe:-Ah, siamo arrivati a Rutigliano!-:cry:
 
 
#3 vivame 2009-08-01 13:33
ADESSO BISOGNA FAR RISPETTARE QUESTA ORDINANZA PUNENDO I TRASGRESSORI ANCHE INIMICANDOSI GLI AGRICOLTORI I QUALI PENSANO DI ESSERE I PADRONI DEL PAESE E DI CONSEGUENZA DELLA SALUTE DEGLI ABITANTI. LORO IRRORANO I VIGNETI UTILIZZANDO LE MASCHERE MA NOI IN CITTA' RESPIRIAMO IMPOTENTI I LORO VELENI. IL LORO GUADAGNO NON DEVE ESSERE MERCE DI SCAMBIO CON LA NOSTRA SALUTE. :sad:
 
 
#2 mazzinga 2009-08-01 01:35
gli organi di controllo ci sono, questo è il dramma
 
 
#1 paolo 2009-08-01 01:01
queste norme non le rispetta nessuno! ma nemmeno una!
e sapete perchè? uno perchè la stragrande maggioranza degli azzurri ha il terreno in testa...due...e soprattutto...perchè non c'è nessuno che vigila!!!
la soluzione è istituire un corpo di vigilanza apposito x i controlli in campo agricolo in ambito comunale, che giri per i tendoni a controllare...trattamenti non a norma, incendi di teloni...ecc ecc. nella situazione attuale gli agricoltori possono continuare a fare tutto senza problemi nelle campagne dove nessuno li controlla...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI