Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Donare il sangue, un atto di duplice bontà

Rutigliano-Fratres- Donazione- 21 giugno 2015 (3)

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Una domenica con la Fratres Rutigliano, in occasione della donazione del 21 giugno

 

Un gesto di solidarietà che si rinnova mensilmente e che, nella sua semplicità, è sinonimo di salute e  benessere verso se stessi, e di salvezza nei confronti di chi ha bisogno. É la donazione di sangue, che domenica 21 giugno ha coinvolto l'associazione Fratres di Rutigliano, reduce dal compimento del suo decimo anniversario di nascita sul territorio rutiglianese. Una presenza fondamentale, un circuito sociale e solidale che si fortifica sempre di più grazie ai tantissimi volontari che scelgono con coscienza e responsabilità di salvare la propria e l'altrui vita, donando un po' di se stessi.

C'è chi lo fa da anni, chi invece è ancora timoroso per via dell'ago, di quella piccola puntura che significa la vita. A popolare la sala d'aspetto, una domenica al mese, così come domenica 21 giugno, sono tantissimi, tra giovani e adulti: tra di loro, si scorgono i visi sorridenti di chi sacrifica con gioia gli impegni familiari e personali di una domenica mattina come un'altra, gli occhi felici di chi è consapevole di quanto grande sia il regalo che sta per fare, e di quanto importante sia la scelta di donare anche per farsi controllare. Un'esperienza che può davvero cambiare la vita, e che comincia con l'accoglienza del donatore e con la somministrazione di un apposito modulo: stato di salute, malattie allergiche o autoimmuni, terapie farmacologiche o ingestione di farmaci, stile di vita sano e regolare, ma anche gravidanze e viaggi all'estero, sono tutti requisiti che il donatore deve comunicare e specificare nella sua scheda per l'anamnesi della sua salute. Un passaggio necessario, a cui tutti i donatori devono sottoporsi prima di recarsi nella sala dei prelievi: ed è proprio qui che paura e timori, ansie da ago e agitazioni scompaiono perché lasciano il posto alla gioia della donazione, a quell'emozione forte e allo stesso tempo consapevole di voler fare qualcosa per il prossimo. Una grande famiglia allargata, quella del volontariato, che una volta al mese si ritrova per dare il proprio tempo, il proprio sostegno, la propria disponibilità per costruire insieme alla comunità dei volontari un percorso di crescita e di responsabilità sociale. Il calore umano e la familiarità si respirano non solo tra i donatori, ma anche tra i volontari della Fratres, tra soci e amici, parenti, vicini e lontani, colleghi e semplici sostenitori che però contribuiscono, ognuno a proprio modo, a rendere la donazione il gesto più bello. Un'azione che, tuttavia, non tutti possono fare: tra i requisiti fondamentali che i donatori devono avere, ci sono sia quello dell'età, che deve essere compresa tra i 18 e i 65 anni circa, sia quello del peso, che per le donne non deve essere inferiore a 50 kg. Importante, per chi vuole donare, è l'attenersi ad uno stile di vita sano, nonché ad una alimentazione controllata soprattutto nelle ore che precedono la donazione: è fondamentale, da questo punto di vista, evitare i cibi troppo pesanti, digiunare la mattina del prelievo e soprattutto bere molta acqua, sia prima che dopo la donazione. "Per il momento, ci stiamo avvalendo dei locali della palestra dell'ex Ospedale, qui a Rutigliano", ha affermato la presidente della Fratres Santina Leonetti, "nell'attesa che l'ASL ci comunichi l'autorizzazione per poter usufruire dei locali idonei per i prelievi, che sono stati adeguati alle normative vigenti." Dopo il primo prelievo per l'emocromo, effettuato dal medico, il donatore viene poi valutato e dichiarato idoneo a poter donare. Ma, così come per le regole da seguire prima della donazione, è importante altresì seguire alcuni consigli post donazione, come quello di non fumare e di non bere alcolici, di non consumare pasti abbondanti e di non fare attività fisica intensa. Semplici ed efficaci principi che aiutano il donatore a riprendere il suo normale stile di vita, che sarà rinforzato proprio dalla donazione: una delle risorse del prelievo sta proprio nella capacità di poter rigenerare il sangue e giovare così all'organismo e al suo funzionamento. Un beneficio davvero importante, soprattutto per i giovani, che tramite la donazione contribuirebbero anche alla prevenzione e al controllo verso determinate patologie, che con le analisi gratuite sarebbero subitamente individuate. I primi trasferimenti delle sacche di sangue raccolto avvengono già a metà mattinata, con il loro ritiro e il loro spostamento ad Acquaviva, dove saranno subito analizzate e opportunamente conservate. A coloro che terminano la donazione, non resta che approfittare della ricca e abbondante colazione preparata dalle volontarie, dalle socie e dalle sostenitrici della Fratres, a cui contribuisce anche Francesco Divella, uno degli sponsor dell'associazione, accanto a Legati, all'amministrazione comunale,  al dott. Domenico Divella e alla dott.ssa Maria Tateo.

Dieci anni e non sentirli, per la Fratres di Rutigliano, che continua nella sua costante attività di sensibilizzazione e di diffusione del valore della donazione: "per i prossimi mesi abbiamo in programma una serie di iniziative per far sì che questo decimo anno insieme non sia soltanto una delle mete che abbiamo raggiunto, ma anche un nuovo punto di partenza, per affrontare nuove sfide e nuovi stimoli ", ha affermato la presidente. "Stiamo perseguendo anche un altro percorso, oltre a quello della donazione di sangue: è quello che riguarda la donazione di midollo osseo, e presto ci organizzeremo con altre associazioni per portare all'attenzione di tutti e soprattutto dei giovani l'importanza di questi gesti. Abbiamo bisogno dei ragazzi, del loro entusiasmo e della loro voglia di mettersi in gioco per continuare a svolgere questa preziosissima attività sul nostro territorio. Solo così possiamo continuare a tessere tutti insieme quella rete di solidarietà e di volontariato che può contribuire a regalare una speranza a noi e agli altri."

. Rutigliano-Fratres- Donazione- 21 giugno 2015 . Rutigliano-Fratres- Donazione- 21 giugno 2015 (4)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI