Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

ARTE, MESTIERI E SUONI LOCALI NEL BORGO ANTICO DI RUTIGLIANO

sponsor

Ieri 18 settembre ha avuto inizio l’appuntamento di rilievo del settembre rutiglianese: la 45° Sagra dell’Uva, tra le più antiche Sagre di Puglia.

L’edizione enogastronomica 2009 presenta un ricco programma: il cabaret di Pino Campagna, Dolcenera e la Jazz studio orchestra di Paolo Lepore in concerto, l’interessante dibattito sulla qualità dell’uva da tavola, la premiazione dei concorsi “Grappolo Gigante” e “Qualità” e del concorso “Vetrine, Composizione, Qualità, Uva Dolce Uva” e la 2° edizione “Grappoli di Giochi”.

Ma tra le indubbie novità di quest’anno vi è “Arte, Mestieri e Suoni Locali”, ossia l’allestimento di  stand e chioschi delle diciotto realtà associative locali eccezionalmente realizzato nella suggestiva atmosfera del borgo antico.

Ambientare gli stand nel borgo antico e realizzare qui per l’occasione una trascinante atmosfera di festa collettiva, è un’iniziativa fortemente voluta dall’assessore al turismo Gianvito Defilippis e dall’assessore allo sviluppo economico e alle attività produttive Michele Martire, iniziativa mirante alla riqualificazione, rivitalizzazione e valorizzazione storico-monumentale del borgo antico anche attraverso la concentrazione di eventi e di spettacoli che stimoleranno l’afflusso di turisti, cittadini e ospiti.

Per l’occasione infatti le viuzze del centro storico, sabato 19 e domenica 20 settembre,  si animeranno con le compagnie di artisti di strada: gli estrosi e surreali personaggi che strabilieranno i più piccoli e divertiranno i grandi con le loro sfilate, le loro clownerie  e le loro comicità, miscela esplosiva di coinvolgimento.

L’itinerario permetterà ai turisti non solo di assistere alle performance itineranti di giocolieri e clown, non solo di conoscere la vasta rete di associazioni culturali, artistiche, turistiche, di volontariato, ricreative di Rutigliano, ma anche di passeggiare nel dedalo di scorci, piazze, viuzze e palazzi signorili del borgo antico, ammirare gli antichi luoghi per l’occasione addobbati a festa, ammirare i torrioni, la loggia  e gli archi di palazzo De Franceschis, il monumento-simbolo della città, la Torre Normanna, gli eleganti portali di Palazzo Antonelli e Palazzo Pappalepore, i balconi in ferro battuto di Palazzo De Laurentis, la maestosa mole della Collegiata Santa Maria della Colonna, il maiolicato orologio in Piazza Colamussi.

Commenti  

 
#3 AIZ 2009-09-22 05:06
si bella scelta, ma quando un ospite internazionale?
 
 
#2 Martina 2009-09-21 20:09
Per quest'anno solo complimenti a chi ha organizzato la Sagra dell'Uva. Avete fatto davvero un ottimo lavoro, tre ospiti degni di animare le nostre serate di festa(e non come gli altri anni che si son spesi tanti solti per invitare chi???).
Grazie.
 
 
#1 Teta 2009-09-20 02:19
Bella cosa quella del centro storico.
Le associazioni stanno meglio nel borgo antico perchè nel viale della stazione c'è troppa confusione e va a finire che non vedi niente.
Comunque ho notato un certo sottotono della serata... o sbaglio? Se è vero che è stata organizzata in 10 giorni... si sono dati da fare parecchio perchè tutto sommato non era male.
Ho sentito di qualche manifestazione contro la sagra che si doveva svolgere... ma non so se la cosa è veritiera. La redazione ne sa qualcosa?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI