Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Auguri: i primi 100 anni di Francesca

Rutigliano-Auguri i primi 100 anni di Francesca-Il  suo matrimonio con quasi tutta la famiglia

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

A Rutigliano ci sono ancora gli abiti da sposa cuciti a mano

La sig.ra Giuliano Francesca classe 1915, che martedì 22 settembre ha festeggiato i 100 anni di età, è l’unica vivente dei 7 figli (3 fratelli e 4 sorelle) di mio nonno materno;

è la sorella di mia mamma.

Da signorina è stata dedita, insieme alle altre tre sorelle, ai lavori di cucito, ricamo e tessitura della lana. Due dei fratelli sono stati finanzieri, l’altro ferroviere; la sorella più piccola, trasferitasi a Capurso era abbastanza conosciuta per l’arte di imbalsamare uccelli, rapaci e rettili.

A Rutigliano credo che vivano ancora signore oggi settantacinquenni/ottantenni che conservano l’abito da sposa cucito a mano da mia zia Francesca.

Sposata nel 1952 con Pierri Pasquale classe 1909, sono vissuti insieme senza figli dopo averne perso a poco più di un anno di vita dalla nascita avuto subito dopo il matrimonio.

La forte cristianità che ha sempre contraddistinto questa mia zia, gli ha permesso nonostante tutto di condividere con una serenità e pazienza invidiabile ben 58 anni di matrimonio con l’unico marito, che è vissuto 101 anni compiuti.

Naturalmente 100 anni sono 100 anni ma, a parte un pò di problemi di cataratta, posso dirvi che la zia sta sostanzialmente bene sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista della lucidità mentale; ovviamente comincia a non ricordare le cose recentissime ma, credetemi, racconta i vecchi eventi e avvenimenti familiari così nei minimi particolari, da rendere vera la scena del racconto.

Nonostante sia autonoma per i suoi 100 anni, vive nella sua casa di sempre in via Trieste con una sig.ra Georgiana che l’aiuta, le fa compagnia e soprattutto l’asseconda

nella volontà di partecipare alle Messe Patronali,

in quella di vedere il passaggio delle Processioni, ma soprattutto in quella di rispettare il menù settimanale e di non fargli mancare un bicchiere di buon primitivo ad ogni pasto. Per questo

, tutti noi nipoti siamo convinti che il segreto della longevità di questa coppia di zii sia dovuta al bicchiere di vino ai pasti e dopo il dolce, al bicchierino di limoncello o di amaro. 

Permettetemi di esprimere la mia personale gioia per il traguardo raggiunto da questa zia che per me è stata una seconda mamma; non potrei mai dimenticare la dedizione e la dolcezza con cui, quando aveva 82 anni, ha assistito nei suoi ultimi mesi di vita sua sorella (mia madre) malata; mia madre è nata lo stesso giorno e mese dell’anno 1923.

 

Nicola Gallone

Rutigliano-Auguri i primi 100 anni di Francesca-Da giovane Rutigliano-Auguri i primi 100 anni di Francesca (3) Rutigliano-Auguri i primi 100 anni di Francesca (2) Rutigliano-Auguri i primi 100 anni di Francesca (1)

Commenti  

 
#1 Nicola Gallone 2015-10-01 14:22
A nome di tutti i nipoti e parenti, vi ringrazio ulteriormente per aver dato risalto a questo "evento" e fatto davvero contenta la zia.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI