Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

IN ASCOLTO DEL MONDO DEI GIOVANI FASE 2.

GIOVINCITTA

“In ascolto del mondo dei giovani fase due”. È questo il nome del progetto centrato sul rapporto fra giovani e territorio realizzato dalla Caritas Conversano Monopoli discusso e analizzato venerdì 25 settembre presso Sala Mons. Di Donna. Il progetto si è basato sulla importanza dell’ascolto-osservazione e ha offerto ai giovani l’opportunità di esprimersi liberamente sulla propria città e di fare proposte concrete per il bene comune attraverso sia una cassetta delle proposte presente sul camper Giovincittà sia una piattaforma informatica .

Innanzitutto la sociologa Antonella Sisto ha valutato il livello di percezione della povertà a Rutigliano, sulla base della rielaborazione dei dati di questionari compilati dagli adulti e dagli studenti. È emerso un dato incontrovertibile considerato unanimemente come urgente: la mancanza di lavoro.

Il dibattito è poi proseguito con  lo psicologo Gianvito Schiavone che ha analizzato i commenti scritti dai giovani sul sito www.caritasconversanomonopoli.it riferiti ad alcuni luoghi della città.

Si tratta di annotazioni propositive, creative e progettuali come il riferimento alla costruzione di lampioni ad energia solare ad illuminare la villa comunale oppure la rivitalizzazione di questo luogo pubblico con concerti e spettacoli più assidui.

Disservizi sono stati evidenziati in relazione al Liceo Scientifico e riguardano la presenza di una palestra troppo “risicata”, di una via pericolosa e del malfunzionamento dei termosifoni. Circa la stazione è stata invece lamentata la mancanza di un punto di ristoro. Critiche copiose anche su Piazza Colamussi: una su tutte è stata la segnalazione delle sbagliate pendenze. Proposte interessanti sono state mosse sul Mercato Coperto, un’area quasi completamente abbandonata ma che può essere riutilizzata come centro conferenze o centro di aggregazione per tutte le età.

Uno strumento importantissimo in questo progetto è stato il Centro di ascolto, il cui compito è quello di orientare e accompagnare le persone in difficoltà verso le soluzioni più indicate e verso i servizi più adeguati attivando tutte le risorse possibili presenti sul territorio.

La responsabile del CdA Isa Anelli e Antonio Antonelli, Rilevatore dati, Osservatorio Caritas hanno messo in risalto situazioni a rischio provenienti da redditi bassi derivanti molto spesso dalle sole invalidità civili, hanno evidenziato la presenza sul nostro territorio di molti lavoratori precari, stagionali e a nero. Uno dei problemi principali riguarda la casa: ora perché sotto minaccia di sfratto, ora per un mutuo troppo alto da pagare. Problema acuito ulteriormente per la nuova legge sulla clandestinità. Difficoltà importanti sono dovuti anche alle povertà post materiali come la solitudine, la mancanza di punto di riferimento, la dipendenza da alcool, droga e videogiochi

Il dibattito si è concluso con “proposte per la città” dello psicologo Nicola Perta il quale ha evidenziato la possibilità di alcuni effettivi e piccoli miglioramenti come la realizzazione di aree verdi comprensive di area da gioco e divertimento e di un impianto sportivo.

 

Commenti  

 
#2 Carlo Monsone 2009-10-19 18:18
davvero!
 
 
#1 Carrisi 2009-10-18 18:57
nn voglio fare polemiche..ma stanno commenti sull'articolo dell'emergenza amuchina che è finita a rutigliano e qui nn c'è neanche un post? ragà svegliatevi.. se no rutigliano rischia seriamente di affondare..oltre x le piogge di questi giorni anche x questo menefreghismo..
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI