Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Dr. GIULIANO: FITOFARMACI, TUMORI E POLIAMBULATORIO

OSPEDALE_RUTIGLIANO


Sul rapporto tra fitofarmaci, tumori e malattie neurodegenerative a Rutigliano abbiamo intervistato il dr. Marino Giuliano, neurologo e responsabile dei poliambulatori del Distretto socio-sanitario 11 della Asl/Ba (Mola di Bari, Rutigliano e Noicattaro).

Il dr. Giuliano a marzo del ’07 pubblicò una sua intervista -su un mensile- che suscitò polemiche e la reazione risentita degli operatori agricoli locali.

Abbiamo colto l’occasione anche per chiedere conto, dato il suo ruolo di responsabile,  dell’assenza di importanti specialistiche mediche nei due poliambulatori del Distretto e della diversa distribuzione delle specialistiche offerte che penalizza il poliambulatorio di Rutigliano rispetto a quello di Mola di Bari.

 

Commenti  

 
#23 Teta 2009-10-21 11:40
Grazie Agricoltore. I bandi li avevo già visti pubblicati da quanche giorno...
Chiedevo di non commentare i PRS sotto questo articolo perchè non pertinente.
Qualora la Redazione non dedichi uno spazio all'affrondiento dei PRS (il che dispiacerebbe perchè si farebbe della bella informazione) allora chiederò il numero di cellulare al Sig. Nicastro se necessario.
Grazie.
Saluti.
 
 
#22 AGRICOLTORE 2009-10-21 00:39
ECCOTI SERVITA, TETA.
PRIMO INSEDIAMENTO GIOVANI
http://[censored]regione.puglia.it/web/files/agricoltura/bando_pacchetto_multimisura.pdf
PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA
http://[censored]regione.puglia.it/web/files/agricoltura/avviso_progetti_filiera.pdf
 
 
#21 AGRICOLTORE 2009-10-21 00:07
Stiamo ancora a studiarlo, un altro casotto dei tecnici regionali. Se vuoi, chiedi a Nicastro il mio cell e mettiamoci d'accordo
 
 
#20 Teta 2009-10-20 23:18
Agricoltore... non se sia giusto commentare in post articolo i PSR. Aspettiamo che la Redazione pubblichi il I° bando (spero lo faccia ;-).
 
 
#19 apuliatrade 2009-10-20 06:10
X agricoltore mettiamoci in contatto,per novità sui psr. Oppure puoi accennare qualcosa?
 
 
#18 grà 2009-10-18 14:02
grazie AGRICOLTORE!
 
 
#17 AGRICOLTORE 2009-10-17 22:36
E' una delle tante aziende, sicuramente non la più vantaggiosa. Ci sono tante. Non sò se posso far nomi qua. Non è pubblicità, son consigli. Andate sul sito della Provincia di bari. Ci sono varie informazioni all'indirizzo: http://s2ew.provincia.ba.it/pls/provinciaba/v3_s2ew_consultazione.mostra_pagina?id_pagina=1653

Invece, qui trovate tutto l'elenco delle ditte. Per par condicio.

http://s2ew.provincia.ba.it/provinciaba/s2magazine/css/0/Centri di conferimento_def.pdf

Qualsiasi altra info vi serva, non esitate a chiedere. Sono qua per qualcosa di costruttivo e non per fare polemiche inutili. Per quelle ci sono già i nostri politici.
 
 
#16 Teta 2009-10-17 21:02
Credo che a Rutigliano ci sia solo una quale quella azienda via Conversano vicino alla grande rotatoria Conversano/Capurso cha fa anche altri tipi di recupero rifiuti.
Vero Agricoltore?
 
 
#15 grà 2009-10-17 16:57
AGRICOLTORE sono pienamente d'accordo con te, in tutto quello che dici.....
....una cortesia, potresti dare specifiche notizie per lo smaltimento dei contenitori, con ritiro presso l'azienda, magari con i nomi (se è permesso in questo blog).
Ciao grazie!
 
 
#14 AGRICOLTORE 2009-10-17 13:02
Non sono d'accordo con quello che dicono alcuni medici Tuttologi. Il problema dei fitofarmaci esiste. Di sicuro non è l'unica causa. Ormai i fitofarmaci sono controllatissimi da enti nazionali e comunitari. Solo l'anno scorso hanno eliminato 800 principi attivi dal commercio. Ragazzi, prima di parlare sempre contro l'agricoltura, informatevi. L'uva per essere commercializzata, oggi, deve superare tanti controlli. Pensate che, molte piattaforme richiedono l'uso di soli quattro principi attivi. E, sapete che i prodotti che si utilizzano, per prima cosa vengono testati sui bombi, api e altri insetti impollinatori?? Molti prodotti devono preservare la sopravvivenza di questi insetti utili ed antagonisti di molti parassiti nocivi. Morale della favola: se non fanno nulla ai bombi, figuriamoci all'uomo. Il problema grave è, invece, l'uso non razionale o scorretto. I Signori agricoltori non sono formati ed i controlli mancano. Le rivendite di fitofarmaci o prodotti fitosanitari (come si chiamano ora) vendono anche a chi non è in possesso dell'autorizzazione all'acquisto uso e detenzione dei prodotti fitosanitari. Se ci fossero piu controlli, questo non succederebbe. Potete comprare una pistola, da l'armeria, senza porto d'armi? Altro punto, importante, è il corretto smaltimento dei contenitori esausti. La legge dà la responsabilità dello smaltimento all' acquirente del prodotto fitosanitario. Smettetela di dare la colpa ai Comuni o alle rivendite. Loro,anche volendo, non possono ritirarli o se lo fanno commettono infrazione grave. Non avete idea, cosa costa realizzare ed autorizzare un'area di recupero di contenitori esausti. Costa molto meno, fare un contratto di smaltimento. Le ditte vengono direttamente in azienda a recuperare i contenitori al costo di 150 euro l'anno. Inoltre, ormai, con la pubblicazione delle norme di condizionalità è obbligatorio avere un contratto di smaltimento se si vuol ottenere un contributo PAC o il carburante agricolo o finanziamenti comunitari.
Il problema grave, invece, stà nell'uso della benzina verde per le auto non catalittiche. Ormai, da anni, è stato eliminato il piombo sostituendolo con benzene. Il benzene è altamente cancverogeno e viene trattenuto dalla marmitta catalittica. Avete idea di quanto benzene c'è in giro, visto che abbiamo un parco auto vecchissimo e senza marmitta catalittica(Euro-5)?? Pensate a quanti vecchi ape piaggio o motozappe o motoseghe o ciclomotori (datati) si devono fare la miscela in casa con la benzina verde. Povero contadino che, mentre ara con la motozappa, respira cancro a pieni polmoni. Altro che i fitofarmaci.
 
 
#13 Teta 2009-10-17 11:40
Dimenticavo...
Ci sono da anni controlli a tappetto nei supermercati, nelle piattaforme organizzate ecc. sui residui dei fitofarmaci. Si fanno analisi prima della partenza, all'arrivo da parte del cliente e alcune volte Greenpeace fà delle incursioni per stanare gli imbroglioni.
Se tutti gli acquirenti della nostra uva si sentissero male per averla ingerita (bagno, vomito, avvelenamenti vari) credi che qui venderemmo ancora uva? Con questo per dirti che i controlli ci sono e come.
 
 
#12 Teta 2009-10-17 11:31
Giuseppe ho detto che sono d'accordo sulla riduzione dei fitofarmaci e sul monitoraggio dei dati. Hai letto i miei post sparsi qua e la?
Sul fatto del bagno... pure io quando mangio alcuni alimenti....
Gli ormoni di cui parlava il Dott. Giuliano sono ampiamente usati su altre coltivazioni da anni perchè sono prodotti autorizzati in molti paesi e anche in Italia. Per l'uva ancora (e dico ancora) no: ma presto vedrai!
Sul Kiwi per esempio è ammesso. E sapessi alle banane e alle fragole quello che gli fanno....
 
 
#11 giuseppe 2009-10-17 11:10
attenzione ragazzi? nn cadete come al solito nella trappola,il dott.giukiano
ha parlato anche di ormoni.io penso che per vere una buona qualità bisogna misurarsi nell'inpiegare certa roba chimica.perchè quanto una persona mangia certi prodotti dopo 5' và in bagno? vuol dire che l'organismo nn accetta quel prodotto che ha ingerito.che i tumori qui a rutigliano fanno quasi da padrone cara teta bisogna come dicevo al mio predente post,bisogna capire da dove provengano è nn sono sui numeri che bisogna fermarsi,ma si dovrebbe approfondire la sittuazione seriamente.noi dobbiamo solo dire all'amministazione di moversi ad coivolgere il distreto asl di mola, che potrebbe fare molto,e fare intervenire gl'organi di controllo. saluti giuseppe
 
 
#10 Teta 2009-10-17 10:47
No su questo Apuliatrade non sono d'accordo.
Noi dobbiamo fare in modo di usare COMUNQUE meno fitofarmaci...
E poi non è detto che i dati dei tumori siano in crescita solo per l'uso dei fitofarmaci; sicuramente ci saranno altre cause altrimenti non si spiegherebbero i malati degli stessi mali in montagna, al lago in riva al mare... insomma lontani a Rutigliano.
Se fosse così semplice dichiarare questo allora si sarebbero trovate senza ombra di dubbio le cause di tutti i tumori della terra.
I fitofarmaci vanno diminuiti a prescindere.
 
 
#9 apuliatrade 2009-10-17 03:48
Mi chiedo dopo la conferma dei dati sull'incidenza dei tumori,che si farà? Sospendiamo tutto e andiamo al mare! Nessuno dice che questi sono i fitofarmaci disponibili e questi usiamo,se le aziende chimiche ci fornissero fitofarmaci meno puzzolenti,senza residualità e magari da estratti naturali,useremmo quelli.Usiamo quello che ci è consentito usare e siamo in continua evoluzione con nuovi fitofarmaci autorizzati dal ministero della sanità, e ritengo debbano essere meno avvelenanti.
 
 
#8 Dop 2009-10-14 18:01
In riferimento al commento sui contenitori dei fitofarmaci volevo informare che lo smaltimento idoneo ed a norma di legge è effettuato proprio da una ditta di Rutigliano e che serve tante aziende di fuori paese. Le aziende alle quali mi riferisco sono quelle che rispettano disciplinari di certificazioni di vario tipo quali ad esempio Global Gap...la questione in Italia è sempre quella e tale rimarra' per sempre...il controllo...tante leggi e nessun controllo...se spunta fuori un altro problema proporranno un'altra legge ma eviteranno il controllo.
 
 
#7 giuseppe 2009-10-14 09:57
concordo con l'intervista fatta al dott.giuliano finalmente sè nè parla del gravoso problema che affligge rutigliano,bravo gianni nicastro hai centrato il problema che nessuno vuole parlare,neanche l'amministrazione e il sindaco.per risolvere il problema oltre asl,arpa ed altri organi di studio,bisogna installare centraline che fanno monitoraggio dell'aria che respiriamo ma seriamente.certe volte i dati vengono seppolti ho vengono presi sotto gambqa da certi responsabili per nn allarmare la gente.io personalmente stò perdendo una cugina di 34 anni con il cancro al cervello e da notizie da me date da gente in comune c'è nè sono almeno 3 con lo stesso problema,ecco perchè certe volte sono inquieto con certe persone perchè parlano ma nn sanno cosa dicono mi riferisco al forum sull'aria irrespirabille.tutti parlano ma nessuno fà qualcosa.si puè mettere sù un comitato in modo che si possa interresare del problema e altro con questo chiudo.meditate gente!!!!!saluti giuseppe
 
 
#6 Teta 2009-10-13 20:38
Mi chiamo Teta! E' tanto difficile per te ricordare o copiare questo nick name? Eppure l'ho scelto facile breve a posta... Se invece mi vuoi sfottere... che dire... OK stiamo anche a questo tuo gioco.
Riguardo il mio tanto atteso commento da parte tua riguardo l'intervista: l'hai ascoltata anche tu, che devo commentare si commenta da sola. Le domande poste dal Sig. Nicastro battevano sempre dove il dente duole e il Dott. Giuliano ha risposto a tutte in modo chiaro ed esaustivo e io non posso che essere d'accordo con le richieste avanzate dal Dottore per ottenere, in via definitiva, i dati dei medici di base inerenti l'incidenza dei nuovi casi di tunori che tutti noi cittadini (TUTTI) aspettiamo. Che volevi leggere?
 
 
#5 Gianni Nicastro 2009-10-13 20:10
"grà" scrive: «...ma una domanda, Sig. Nicastro perchè chiede informazioni prettamente di natura oncologica al dottor. Giuliano, che è neurologo?»

Il tema dell'intervista lo ha scelto lui. Il dr. Giuliano non è un oncologo certo, ma sulla quatione tumori a Rutigliano ha più volte esternato (nell'intervista al mensile, in incontri con amministratori e anche nei commenti -qua e là- su questo sito). Tra l'altro lui stesso dice di aver elaborato dati (anche di una certa preoccupazione) sull'incidenza di quasta malattia a Rutigliano, dati che contrastano con quelli forniti sia della ASL che dell'OER.
 
 
#4 Peter Pan 2009-10-13 19:30
Cmq nessuno, come si vede, si sbilancia sulla questione dell'uso dei fitofarmaci e sul fatto che essi provochino tumori!!!
C'e' forse paura di qualche ritorsione da parte( di non so chi :cry:, ) del mondo agricolo come è già avvenuto in precedenza con l'articolo del mensile! :sad:
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI