Domenica 19 Novembre 2017
   
Text Size

Rutigliano: il centro Messeni-Localzo celebra i sessanta anni di attività

Rutigliano- centro messeni

L’istituto è stato costituito nel 1955. Prevista la realizzazione di una piscina e di una casa per i disabili orfani.

 

Il centro Messeni-Localzo celebra i sessanta anni di attività. Il centro è diretto da Rossana Lallone ed è impengato per la cura dei non vedenti e degli ipovedenti.

I numeri del centro Messeni-Localzo. Il centro realizza circa 4 mila screening di prevenzione all’anno nelle scuole; laboratori di musicoterapia, laboratori di ceramica, stampa di libri in brail, refettorio e cucina. Lallone direttrice del centro Messeni-Localzo ha messo in evidenza l’orientamento del centro nato come scuola speciale per ciechi e all’avanguardia nella realizzazione dell’integrazione dei disabili. Susanna Mastropierro precedente direttrice  scomparsa lo scorso anno ha dato un impulso fondamentale del centro Messeni. L’unione italiana dei ciechi e ipovedenti insieme con la città metropolitana e le relazioni istituzionali hanno consentito al centro di svolgere la missione statutaria. Il centro Messeni ha assunto rilevanza regionale per dsabilità e riabilitazione.

La dotazione strutturale e il capitale umano del centro Messeni-Localzo. Il centro è dotato anche di macchine all’avanguardia per la diagnosi. Vengono realizzate diagnosi e terapie. E’ presente anche un centro diurno per ragazzi adulti. Nel centro operano diversi professionisti: psicologi, medici, educatori, assistenti sociali.

I progetti futuri. La direttrice Lallone punta all’indipendenza economica, finanziaria, organizzativa e gestionale del centro. Per il futuro è in programma la realizzazione dei una piscina e di una “Casa dopo di noi” dedicata ai disabili rimasti orfani. 

  Rutigliano- Programma Messeni Rutigliano- programma MEsseni 2

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI