Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

CRISI DELL'UVA: UNA PROPOSTA CONCRETA

uva-da-tavola-tradecorp-nutrizione
A cura del Comune e della Federconsumatori

“Crisi dell'uva da tavola: una proposta concreta a difesa
degli agricoltori e consumatori”


Incontro tra istituzioni, associazioni e operatori del settore
Venerdì 30 Ottobre alle 18,30 nella Sala Consiliare


In occasione del 1° anniversario dell'apertura a Rutigliano dello sportello della Federconsumatori, in collaborazione con l'assessorato comunale all'Agricoltura è in programma Venerdì 30 Ottobre alle ore 18,30, nella Sala Consiliare, un dibattito sul tema: “Crisi dell'uva da tavola: una proposta concreta a difesa degli agricoltori e consumatori”.

All'incontro, moderato dal giornalista Gianni Capotorto, interverranno il sindaco di Rutigliano Roberto Romagno, il vice presidente della Provincia di Bari Nuccio Altieri, l'assessore all'Agricoltura della Provincia Francesco Caputo, il vice sindaco di Rutigliano Pasquale Redavid, il presidente del Consiglio comunale di Rutigliano Matteo Colamussi, il responsabile provinciale della Federconsumatori Giovanni Di Iorio e quello dello sportello rutiglianese Tino Sorino, operatori del settore e rappresentanti di categoria.




Info: tel 0804763758 (Ufficio comunale Agricoltura)

Commenti  

 
#9 imp. 2009-11-08 03:55
per questa crisi, parliamoci chiaro, nessuno puo' fare nulla, ci vuole il ministro dell'agricoltura che devo essere invitato e sentire lui cosa dice per la crisi in agricoltura cosa può fare per migliorare per far sentire più forte l'imprenditore agricolo. Ma tutti questi che parlano non servono a niente."poi vedrete signori miei" sono solo parole per far vedere che sanno parlare punto
 
 
#8 Teta 2009-11-04 21:52
Magari... Tante volte basta solo una semplice riunione per scambio di idee ed esperienze; ma per fare le cose giuste sarebbe meglio far intervenire qualche esperto da "ascoltare". Mi piacerebbe che si organizzassero una serie di incontri per esempio in prossimità della potatura secco, delle scelte varietali per gli impianti nuovi a gennaio e così via... anche con esempi in campo.... insomma un inizio di educazione alle Buone Pratiche Agricole (GAP).
 
 
#7 apuliatrade 2009-11-04 20:44
Per cultura personale, pagando e ricercandoli,ho frequentato corsi di internazionalizazione di impresa,tecniche di marketing e commercializzazione,tecniche di innesto e potatura ed altri.Spero che qualcuno preposto si impegni ad organizzarne qualcuno a Rutigliano, e non il solito rinnovo del "Patentino dei Veleni".
 
 
#6 Teta 2009-11-04 09:05
Apuliatrade,
mi piace l'idea. Come per i corsi per la sicurezza ecc. ci dovrebbero essere dei corsi per imparare a fare impresa agroalimentare. Sono sicura che molti giovani si avvicinerebbero a questa professione considerata da "azzurri" se solo si desse la giusta importanza e informazione.
Per esempio in alcuni paesi del nord barese si sono organizzati corsi per la potatura degli alberi di ulivo per i giovani... perchè tale professione ormai è solo nelle mani degli anziani nonostante sia una figura molto richiesta e ben pagata.
 
 
#5 apuliatrade 2009-11-04 00:09
Non si finisce mai! di imparare.Sarebbe molto interessante organizzare, dei corsi di "internazionalizzazione" di impresa al fine di avere una visione piu' ampia della situazione,e di conseguenza studiarla nello specifico.
 
 
#4 Teta 2009-10-31 19:12
Giuseppe Antonelli ma cosa credevi che ieri in consiglio si sarebbe trovata la soluzione alla crisi? Le persone capaci non sono i politici... loro sono solo "mediatori" tra il popolo che li ha votati e chi muove le fila del governo. Ogniuno di noi cittadini poi valuterà i meriti in base ai risulatnti che si otterranno.
Secondo me sono i tecnici: agronomi, studiosi di marketing, commercialisti che i comuni interessati dovrebbero ingaggiare per seguire tutta la filiera delle produzioni; trovare i punti di criticità e cercare di dare soluzioni.
Ormai quest'anno è finito così e si salvi chi può.
 
 
#3 antonelli giuseppe 2009-10-31 13:56
In Consiglio sanno solo parlare, più li sento parlare più mi rendo conto che solo Nicola Giampaolo ha la capicità di centrare l'obbiettivo. Qualcuno pensa che Giampaolo è contro gli agricoltori, invece no. Cinque anni fa fu l'unico a diffendere il primato dell'uva da tavola contro i poteri più forte ed il consenso del Sindaco DiGioia e del suo Vice Sindaco. Non dimentico mai quando facevano finta di parlare al telefonino con il Ministro dell'agricoltura. Romagno è solo un bravo ragazzo, speriamo che abbia anche le capacità di farci avere la calamità. Ci vorebbero assieme a Romagno uomini capaci e duri come Nicola Giampaolo. Gente che senza paura faccia valere i nostri diritti
viva Rutigliano, viva la nostra uva
 
 
#2 lumen 2009-10-30 03:01
Ma fatela finita con queste vetrine... cercate piuttosto di coinvolgere tecnici competenti che possano portare, con le best practices di altri territori, soluzioni efficaci e scevre dall'inutile bla bla...a buon intenditor...
 
 
#1 apuliatrade 2009-10-30 01:49
Purtroppo possiamo solo parlarne,cercando di darci delle soluzioni,ma ad oggi,quasi novembre siamo alla fine i giochi son fatti.Si riuscira' a trovare un punto di incontro e rilancio comune per tutti ???????
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI