Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

Comunicato del Comitato Cittadino: Nessuno scarico in Lama

 


COMUNICATO STAMPA

Comitato intercomunale “Salviamo Lama San Giorgio” Il comitato esprime grande apprezzamento e soddisfazione per quanto stabilito nell’ultima conferenza di servizi sul depuratore di Casamassima e i relativi progetti di scarico dei reflui, che si è tenuta il 25 maggio scorso presso l’ufficio ecologia della regione Puglia. In questa sede l’AQP ha chiesto, “in qualità di soggetto proponente dell'intervento (...), che sia stralciato dal progetto originariamente presentato ai fini della valutazione ambientale (...) gli elaborati e gli studi riguardanti lo scarico in lama San Giorgio e le relative opere di connessione, lasciando quindi ad oggetto del procedimento e della valutazione le sole opere relative alle trincee drenanti”. Saranno, dunque, realizzate solo le trincee drenanti a ridosso dello stesso depuratore nuovo di Casamassima senza portare il collettore di scarico nella lama a Rutigliano, così come ha ripetutamente chiesto il comitato “Salviamo Lama San Giorgio” in più occasioni sin dal 2012. Il comitato auspica che lo stralcio del progetto di scarico nella lama del depuratore di Casamassima sia definitivo. E, dal momento che la stessa AQP, nella relazione integrativa trasmessa ai componenti della conferenza di servizi il 20 aprile 2016, dichiara che il sistema di trincee drenanti “garantirà un coefficiente di sicurezza pari a 3,7 in grado, quindi, di assicurare un regalare smaltimento anche in situazioni eccezionali quali quelle dovute a piogge abbondanti”, lo stesso comitato chiede: - alla “Sezione Ecologia-Servizio Via Vinca” della regione Puglia che l’esclusione dello scarico in lama San Giorgio a Rutigliano del depuratore di Casamassima sia codificata nella determina conclusiva dell’iter di assoggettabilità Via; - al presidente della regione Puglia Michele Emiliano la modifica al PTA (Piano di Tutela delle Acque) consistente nello stralcio (esclusione) di lama San Giorgio come recapito finale del depuratore di Casamassima sostituito con le trincee drenanti così come progettate dall’AQP, recapito definitivo alternativo allo scarico in lama. In sostanza il comitato chiede alla regione quello che ha già chiesto il consiglio comunale di Rutigliano nell’ordine del giorno approvato con delibera n. 3 del 22-01-2016. Ad ulteriore sostegno di questa modifica al PTA, il comitato annuncia che nei prossimi giorni depositerà alla regione Puglia i primi moduli della relativa raccolta di firme. Si ribadisce la necessità di realizzare subito le trincee drenanti in modo che l’AQP dismetta quanto prima lo scarico nel sottosuolo del vecchio depuratore di Casamassima da tempo in infrazione comunitaria.



Il portavoce Gianni Nicastro

Il coordinatore Giuseppe Sorino

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI