Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

CONFERENZA SUL TEMA: STALKING. IO ... LA VITTIMA.

Copiapariopportunita

È lo stalking o anche sindrome del molestatore assillante il reato del nuovo millennio.

Il termine inglese stalking, suggerito dalla letteratura scientifica specializzata anglofona in tema di molestie assillanti, intende un insieme di comportamenti molesti e continui, costituiti da ininterrotti appostamenti nei pressi del domicilio o degli ambienti comunemente frequentati dalla vittima, ulteriormente reiterati da intrusioni nella sua vita privata alla ricerca di un contatto personale per mezzo di pedinamenti, telefonate oscene od indesiderate.

Intende, inoltre, l'invio di lettere, biglietti, e oggetti non richiesti (più difficile è l'attribuzione del reato di stalking a messaggi non desiderati di tipo affettuoso - specie da parte di ex-partner o amici - che può variare a seconda dei casi personali). Oppure producendo scritte sui muri o atti vandalici con il danneggiamento di beni, in modo persistente e ossessivo, in un crescendo culminante in minacce, scritte e verbali, degenerando talvolta in aggressioni fisiche con il ferimento od, addirittura, l'uccisione della vittima. Tutto ciò, o parte di esso se compiuto in modo persistente e tenace in modo da indurre anche solo paura e malessere psicologico o fisico nella vittima, sono atti persecutori, e chi li attua è un persecutore: un soggetto che commette un atto criminale, in alcuni Paesi punito come tale dalla legge. Esso si differenzia dalla semplice molestia per l'intensità, la frequenza e la durata della variegata congerie comportamentale.

Ma cosa è esattamente lo stalking? Si tratta di un insieme di comportamenti tenuti da un individuo, detto appunto “stalker”, “cacciatore all'agguato” che affligge un'altra persona in modo molesto e continuo, con ininterrotti appostamenti, intrusioni nella vita privata della vittima, pedinamenti, regali non graditi, telefonate oscene o indesiderate alla ricerca di un contatto personale.

Questa varietà di atti e atteggiamenti apparentemente innocui, porta ad un crescendo di minacce, scritte o verbali che provocano nella vittima uno stato di ansia, timore per la propria incolumità costringendola a cambiare le proprie abitudini e scelte di vita, degenerando a volte in aggressione fisica o addirittura omicidio.

Alla luce dei casi sempre in aumento di  vittime e per la prevenzione contro la violenza sessuale e gli omicidi passionali, è stato necessario in Italia legiferare, disciplinare e approfondire l'analisi del complesso fenomeno dello stalking.

Di questo argomento se ne parlerà approfonditamente durante la conferenza intitolata “Stalking. Io ... la vittima” organizzata in sala consiliare venerdì 5 marzo dal Comune di Rutigliano in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità.

Nel corso della conferenza verranno  trattati tutti gli aspetti della delicata materia, sia quelli legali, penali e civili che quelli psicologici.

Interverranno infatti la Dott.ssa Elena Gentile (Assessore Regionale alla Solidarietà Sociale), il Dott. Geremia Capriuoli (psicologo psicoterapeuta), l’Avv. Gisela  Cianciola, esperta stalking e Avv. Alessandro Calè per lo sportello antistalking.


Copia_di_Copiapariopportunita

Commenti  

 
#2 dolores 2010-03-06 13:57
da cittadina Rutiglianese volevo complimentarmi con la Commissione Pari Opportunità per la conferenza che si è tenuta ieri sul tema dello "Stalking" ....l'affluente partecipazione che si è avuta dimostra quanto il paese è attento alle problematiche che affliggono la nostra società e quanto importante è l'informazione e il sapere.... bravi tutti i relatori e un plauso lo merita anche il Sindaco per la sua PRESENZA e per l'intervento che ha fatto....e bene che nel nostro paese si riprenda il diritto del Sapere e il dovere e il piacere di Informare.... continuate cosi!!!!!!!!!!!
 
 
#1 vst 2010-03-05 13:37
l'assessorato ai servizi civili dovrebbe apprezzare il lavoro volontario della commissione alle pari opportunità invece di fare ostruzionismo.
non deve sentirsi minacciata ed entrare in competizione...
non aggiungo altro...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI