Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

CITTADINI E ISTITUZIONI A CONFRONTO

convegno_abbandono_rifiuti


Dalla denuncia al confronto, dal confronto alle proposte. Chi voleva una prova della bontà della partecipazione come metodo per affrontare i problemi che preoccupano un comune, una amministrazione pubblica, lunedì scorso l’ha avuta.

Sull’odioso, deplorevole, fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, che riduce il nostro territorio a una discarica, in sala consiliare si sono confrontati amministratori locali e provinciali, cittadini e associazioni, scuole e autorità preposte al controllo.

L’incontro è stato organizzato dalla Federcosumatori Puglia Rutigliano (diretta in loco dall’avv. Tino Sorino) in collaborazione col Comune di Rutigliano, il Corpo di Polizia Municipale e Rutiglianoweb.

La serata si è aperta con un reportage video di dodici minuti che ha fatto vedere la grande quantità di rifiuti speciali -in modo particolare plastica, amianto e inerti- riversati sul territorio, nella campagna e non solo.

Da diversi anni questo comportamento criminale prende di mira luoghi, aree importanti di grande valore storico, culturale, architettonico, archeologico e ambientale.
Discarica abusiva di inerti nell’antica Azetium, teloni agricoli esausti e amianto all’Annunziata, associati a ogni tipo di rifiuto in Lama San Giorgio; gomma, plastica e rifiuti bruciati a San Lorenzo, teloni e amianto buttati a San Martino, montagne -sempre di teloni- buttati ai bordi lungo tutta la strada millenaria che porta all’antico Ponte romano (ora scomparso) in contrada Castiello, a Madonna del Palazzo. Insomma, uno scempio, uno strazio infinito.

Il sindaco Roberto Romagno ha aperto gli interventi. Ha preso atto del fenomeno e della sua entità, ne ha riconosciuto la gravità pur mettendo in guardia tutti dall’evitare di creare inopportuni allarmismi.

Noi siamo d’accordo col sindaco, gli allarmismi non servono. La denuncia, l’informazione, la sensibilizzazione dell’opinione pubblica circa la comprensione del fenomeno, l’indignazione che questo fenomeno deve suscitare nei cittadini questo sì, serve, è utile e si deve fare.

Serve soprattutto intervenire, in qualche modo. Serve che l’amministrazione comunale prenda sul serio il fenomeno, si responsabilizzi mettendo in campo la bonifica del territorio prima che arrivi l’estate e, con essa, puntuale, il fuoco: sarebbe una ecatombe ambientale con tutta quella plastica intrisa di fitofarmaci e pesticidi.

Sul banco, davanti al sindaco, c’era un cesto che si è riempito di proposte. Le hanno fatte i bambini della scuola primaria “Settanni” e “A. Moro”, i quali hanno posto l’accento sulla necessità della raccolta differenziata dei rifiuti (si è parlato anche di porta a porta). Dipendesse da loro tutto il riciclabile sarebbe riciclato. Hanno anche proiettato un breve filmato, semplice ed efficace, su come si fa la raccolta differenziata.

I ragazzi della scuola media “Manzoni” hanno fatto vedere un loro reportage fotografico sul dopo pasquetta all’Annunziata che può essere tranquillamente intitolato “i maleducati del picnic”, quelli che allegramente lasciano i loro rifiuti dopo la bivaccata.

Le proposte sono state tante e tanti anche i proponenti: le scuole prima citate, il Liceo Scientifico, l’Istituto tecnico Commerciale, Il Gruppo Agesci Rutigliano 1, l’ANSPI, l’Archeoclub, L’ARCI, la Pro Loco, i lettori di “rutiglianoweb” e la stessa redazione di Rutiglianoweb, l’associazione Arcobaleno.

In sintesi, si è suggerito la riapertura dell’Isola Ecologica comunale chiusa da anni, l’allestimento di un centro di raccolta e trasferenza presso il quale gli agricoltori possano depositare gratuitamente i loro teloni esausti (dovrebbe poi essere il comune a chiamare le ditte di recupero o di smaltimento).
Si è proposto la stipula di una convenzione tra comune e ditta appaltatrice dell’igiene urbana per la ricezione e lo smaltimento dei rifiuti speciali abbandonati sul suolo.
Anche Rutiglianoweb ha fatto le sue proposte che, per una più estesa trattazione, pubblicherà a parte.

Il sindaco, per tutta la serata, lo abbiamo visto prendere appunti. La speranza nostra e, crediamo, di tutti i partecipanti all’incontro è quella che proposte e appunti presi dal sindaco si traformino quanto prima in fatti concreti.

 

Visita http://picasaweb.google.it/redazionerutiglianoweb/ 2010/12APRILE{/gallery}

Commenti  

 
#2 forzarutigliano 2010-04-15 21:08
io invece spero che non restino solo appunti quelli sul blocchetto del sindaco e che anche quel blocchetto di appunti non sia stato buttato in mezzo a tutta la sporcizia, il sudicio e la trascuratezza in cui rutigliano vive.
 
 
#1 Norris Jr 2010-04-15 20:28
speriamo non siano state solo tante belle parole...ormai servono i fatti...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI