Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

I RAGAZZI DELL'ITC OSPITI A BALLARO' E AL CINEMA GALLERIA

ballaro

“Incontriamoci al cinema”, un progetto territoriale di riabilitazione ed educazione alla diversità per   prevenire e combattere discriminazioni e pregiudizi sulle malattie mentali.

Promossa dal Dipartimento di Salute Mentale della Asl  Bari, l’iniziativa alla sua quarta edizione, vede anche quest’anno coinvolta la classe IV/C dell’ I.T.C. ”E.Montale”  dI Rutigliano insieme ad altri Istituti di Bari e provincia.

Venerdì  16 aprile 2010, presso il Cinema “ Galleria” di Bari, nell’ambito della rassegna cinematografica, è stato proiettato l’ultimo dei cinque film previsto dal progetto “Leoni per agnelli” di Robert Redford .

I temi principali dei 4 films  già proposti sono stati approfonditi in incontri successivi ad ogni proiezione, insieme ad operatori e pazienti del C.S.M.  11 (Mola ,Rutigliano e Noicattaro).

“Le finalità del progetto”, sostiene la referente prof.ssa  Anna Graziano, “sono quelle dell’integrazione dei pazienti e del superamento dello  “stigma” delle diversità da parte degli alunni, veicolate dallo strumento cinematografico. Finalità pienamente realizzate, anno per anno”.

A fine maggio l’evento conclusivo con la partecipazione di tutti gli alunni delle scuole, pazienti e operatori dei vari  C-.S.M.:  “dulcis in fundo” la proiezione di uno spot documentario realizzato dai protagonisti del progetto.

La dirigente prof.ssa Caterina Silvestre esprime piena soddisfazione per la proficua partecipazione ad una esperienza che “ porta gli alunni ad affrontare, fuori dalla scuola, una tematica così importante”.

Ma tanti altri ancora sono i progetti ai quali i ragazzi dell'Itc di Rutigliano hanno partecipato:

I “giornalisti in erba” dell’I.T.C hanno infatti preso parte alla trasmissione televisiva “Ballarò”. Una delegazione di venti studenti, accompagnati dalla professoressa Anna Graziano e dal giornalista Vito Mirizzi, hanno partecipato alla diretta  Rai del talk show informativo alla prima messa in onda dopo la sospensione in occasione delle consultazioni elettorali regionali.

“ Una esperienza che quest’anno si rinnova dopo quella positiva di “Porta a porta” del 2009”, sottolinea Vito Mirizzi, docente esperto esterno, che da tre anni guida all’I.T.C. un laboratorio di giornalismo diretto ai giovani alunni del triennio.

“I corsisti apprendono le tecniche della comunicazione, progettano e realizzano graficamente il giornale di Istituto “Eolo”, che raccoglie tutte le loro produzioni, dagli approfondimenti alle attività scolastiche , dall’attualità alle problematiche giovanili.

Il loro percorso è quindi arricchito da esperienze e stage formativi “sul campo”. Una attività formativa molto proficua se si considera che “Eolo, e la notizia è proprio di questi giorni, è risultato tra i vincitori della settima edizione del concorso nazionale “Fare il giornale nelle scuole”.

La cerimonia di  premiazione è prevista per martedì 20 aprile a Benevento.

Commenti  

 
#20 Uno che ama lo sport 2010-04-25 22:27
Per Eno
Non credo al "menefreghismo" credo solo alla loro buona fede e disperazione, dove giocare le partite se non ci sono campi regolamentari, e perche' allenarsi quindi se non si possono svolgere campionati , e perche' partecipare ai campionati se nessuno puo' assistere alle partite, e' come allenarsi per niente, e' il cane che si morde la coda.
Coraggio dunque i "pastrocchi" succedono solo nel calcio dove ci sono altri interessi e altri spettatori, la pallavolo e la pallacanestro sono sport "nobili" dove i tifosi hanno solo voglia di divertirsi e non fare a botte o altro.
Non ho notizie di partire terminate in risse, dunque e' solo una presa di posizione o una esagerata paura, spero che le parti possano chiarirsi e insieme invervenire presso la Provincia per la sistemazione della faccenda, come si dice "l'unione fa la forza"
viva lo sport e chi lo pratica
 
 
#19 eno 2010-04-25 20:10
se ignorate i fatti non commentate!!!!!! la palestra dell'itc era stata data in concessione per l'utilizzo da parte delle associacioni sportive di Rutigliano dal dirigente dello stesso Itc a patto che la stessa struttura non venisse utilizzata per gare agonistiche perche'non a norma per ospitare il pubblico .Le "Signore" associacioni non hanno,per menefreghismo,rispettato le regole convenute con il dirigente che giustamente e per tutelare se stesso e gli altri ha dovuto ritirare la concessione......io dico che se fosse successso un pastrocchio nel svolgimento di una gara chissa' oggi cosa avremmo commentato!!!!!!
 
 
#18 Uno che ama lo sport 2010-04-25 12:20
Per Dolores
No non e' cosi', e' vero che quando si progettano le palestre per le scuole, esse sono preve di zone per il pubblico, pero' e' anche vero che quando in un paese non ci sono strutture, ci si adopera a questo, vedi ITC di Turi dove sono state create gradinate con piu' di 200 posti a sedere o ITC di Triggiano e anche quello di Mola, ci vuole solo buona volonta' e tanta, tanta comprensione per chi vuole interessarsi a sports dilettantistici dove lo spettacolo e l'agonismo prevalgono su tutto.
Da un sondaggio da me fatto( mi sto appassionando a questo argomento per il futuro di mio figlio)ho appurato che anche in quei paese dove esiste un Palazzetto, ogni pur piccola o grande palestra comunale o provinciale e' utilizzata per allenamenti e anche le partite da tante e tante societa' anche con la presenza di spettatori, altrimenti senza non avrebbe senso giocare e non avrebbe senso anche utilizzarle solo per allenarsi, dove giocare se manca la struttura?
Un appello vorrei ancora rivolgerlo a tutti i dirigenti di queste societa', datevi un "mossa" , svegliatevi e protestate energicente, se non chiedete ad alta voce, nulla vi saea' mai concesso, fatelo per tutti noi genitori e per il bene della comunita', senza il vostro aiuto i nostri figli avranno ben altri pericoli da cui guardarsi altro che da palestre "non a norma"
saluti
 
 
#17 dolores 2010-04-24 17:15
..... carissimo "uno che ama lo sport" non volevo esagerare e non volevo creare allarmismo.... la frase da te utilizzata "non a norma" appunto pùò significare tutto e tanto ..... grave se manca il bagno per gli handicappati ..... comprensibile se non vi è una zona per gli spettatori perchè trattasi di una palestra "scolastica" utilizzata per una materia e una disciplina scolastica dove credo che l'attività agonistica o gare con pubblico annesso non siano previste....non trovi? non è cosi? saluti
 
 
#16 uno che ama lo sport 2010-04-24 16:08
non esageriamo, le strutture di cui parliamo sono "non a norma" perchè manca la zona per gli spettatori,manca il bagno per gli handicappati, piccole cose che non hanno niente a che fare con la sicurezza fisica, questo almeno mi dicono gli addetti ai lavori, come al solito in Italia quando si parla di "sicurezza" mettiamo dentro "tutto".
I frequentatori della Palestra e/o dell'Auditoriom nulla hanno da temere per la loro salute, è solo"burocrazia"!!!!!!
 
 
#15 dolores 2010-04-23 10:24
per uno che ama lo sport.... quello che tu scrivi è un fatto gravissimo perchè trattasi di un edificio pubblico dove è impensabile che strutture frequentate da ragazzi e non solo siano pericolose e non a norma....purtroppo sappiamo bene che la stragrande maggioranza degli edifici scolastici con annesse strutture versa in condizioni pietose e cosa più grave non sono a norma di sicurezza, ma questo non giustifica l'irresponsabilità di chi ha la competenza di controllare per poi intervenire... bisogna sempre far finta di niente e accettare lo stato delle cose e sperare che una serena giornata scolastica o sportiva che sia,finisca in "tragedia"? queste sono priorità assolute che dovrebbe farsi carico chi ci amministra....Ci si lamenta spesso del fatto che i nostri giovani non hanno voglia di far niente... ma il nostro paese offre loro adeguati e coinvolgenti servizi e luoghi? forse non sanno che praticare e diffondere tra i giovani lo sport la cultura e importante perche crea momenti di aggregazione di formazione di servizio sociale e anche di interesse e prestigio per il proprio paese.... ma perchè continuano a non capirlo? anche l'attuale giunta comunale tutta di destra e di sinstra, durante la campagna elettorale "aveva" e dico "aveva" messo nel programma la realizzazione di un centro sportivo e la creazione di "luoghi di cultura" dove sono? sono proprio curiosa di sapere come penso lo sia tutta la cittadinanza quando questo avverrà o ci toccherà come dice "uno che ama lo sport" continuare a giocare e allenarci per le insicure vie cittadine? buona giornata e lavoro a tutti:-*
 
 
#14 Uno che ama lo sport 2010-04-23 01:08
Per "Dolores"
In effetti non ero a conoscenza di alcuni elementi indispensabili per giudicare serenamente gli eventi di questi ultimi giorni.
1^ : le strutture dell'Istituto di cui parliamo purtroppo non sono a norma
2^ : nessuno si e' mai interessato a questo e nessuno lo ha mai detto in giro e tutti gli attori in causa lo hanno nascosto alla comunita' rutiglianese mettendoci la loro "faccia"
3" : che colpa hanno ora i nostri poveri figli che non potranno ( a quanto mi dicono i dirigenti sportivi) piu' utilizzare la palestra e si limitetanno ad utilizzare di nascosto il campetto di calcetto adiacente durante le ore pomeridiane dove non c'e' nessun controllo da parte di nessuno ( scuola e/o societa' scortive) alla faccia della sicurezza?
4^: se mio figlio che ha voglia di fare sport si fa male su detto campo di calcetto all' interno della scuola con chi potro' "incazzarmi"
5^: purtroppo la sicurezza al 100% non esiste, bisogna rischiare qualcosa, il nostro paese e' in crisi cronica e non ha soldi da spendere per lo sport, le conseguenze le stiamo pagando da tempo: droga, delinquenza , ne siamo pieni.Bisogna aiutare questi poveri figli a star lontani dai pericoli della strada anche con qualche rischio di chi e' capace di assumerseli, anche perche' e' pagato per fare il "Dirigente", tutti i Dirigenti in ogni settore lavorativo sono esposti a rischi, sono rischi quasi "fisiologici" basta controllarli con la dovuta attenzione e serenita'.
Ora data l'ora vado a dormire perche' domani e' un giorno lavorativo e nel pomeriggio per mio figlio niente allenamento, mi tocca giocare con lui per la strada giusto per non perdere "l'allenamento" e spero di non farmi male data la mia ormai non tenera eta'.
saluti
 
 
#13 dolores 2010-04-22 21:05
carissimo "uno che ama lo sport", se vi è un regolamento o protocollo d'intesa con la Provincia per l'utilizzo extrascolastico di queste palestre ti chiedo: i dirigenti scolastici non sono tenuti a rispettarlo? quali poteri hanno per ostacolarne l'uso delle strutture? presumo che la finalità di questo protocollo sia proprio quello di compensare e sopperire alla carenza di impianti sportivi non presenti nel paese ... quindi se esiste il protocollo d'intesa con la provincia penso che vi siano anche delle regole che deve rispettare sia la Dirigenza Scolastica che la Società Sportiva che ne usufruisce.... non è così? dai commenti rilasciati da parte tua (comprensibili e condivisibili) c'è tanta amarezza e rabbia sopratutto verso chi dirige questo istituto....come mai? mi sbaglio? ;-) saluti
 
 
#12 uno che ama lo sport 2010-04-22 20:08
per "veramente sportivo!!!:
Se un impianto non è agibile per le società sportive perchè non "in sicurezza", dovrebbe essere "non agibile" anche per gli alunni, questo a quanto mi dicono purtroppo non succede nell'istituto di cui parliamo per cui ritengo che la "sicurezza" è solo una falsa motivazione,la vera causa è la poca "ospitalità" della Dirigenza scolastica verso la popolazione di Rutigliano che da anni soffre di carenze strutturali non per colpa dei cittadini ma di chi fino a ieri l'ha governata.
 
 
#11 Peter Pan 2010-04-22 18:32
Ricordiamo che Romagno ha promesso il palazzetto dello sport!
Non si sà quando però....aspettiamo! 8)

Però una cosa vorrei far notare: il rutiglianese "d.o.c." ha la mania di uscire fuori dal proprio paese pur di non farsi notare dal suo compaesano del gesto o azione che dovrebbe compiere.
Quindi come può un paese svilupparsi, creare nuove strutture quando nessuno poi le utilizzerà o meglio ci sarà poca affluenza e cadranno in fallimento dopo poco tempo?

Questo è il ragionamento che spesso e volentieri, chi ci amministra, mette al centro di ogni questione interessante Rutigliano!

O ci diamo una mossa noi, a cambiare mentalità o non andremo mai da nessuna parte!
 
 
#10 Teta 2010-04-22 18:20
Suggerisco:
Perchè non richiedere un commento a margine di questo articolo a chi amministra l'ITC per capire le motivazioni che spingono l'istituto a rifiutare alcuni eventi? Potresti scrivere a chi di dovere nell'istituto a mittenza "webnavigatori" di questo bellissimo strumento di informazione e chiedere le motivazioni che spingono la dirigenza a "rifiutare" di ospitare alcuni eventi culturali e sportivi.
 
 
#9 Uno che ama lo sport 2010-04-22 17:46
Ok va bene,mi riferiscono che si sta gia' creando un movimento per collaborare con
la nastra amministrazione, ora chiediamo anche l'aiuto dei webnavigatori per avere piu' credibilita' e visibilita'
grazie per l'attenzione nel nostro campo e non solo nel campo agricolo dove tu sei molto preparata.
 
 
#8 veramente sportivo!!! 2010-04-22 17:35
Quello che dici teta e perfettamente vero!
Faglielo capire a gli amministratori!!!!!!
é anche vero che ognuno di noi tira l'acqua al propio mulino.
 
 
#7 Teta 2010-04-22 17:23
Sia chiaro "uno che ama lo sport" io sono dalla tua parte!
L'amministrazione non si deve "cullare" delle strutture delle scuole...
Si deve assolutamente attivare per costruirne di nuove e idonee.
 
 
#6 veramente sportivo!!! 2010-04-22 17:12
A volte c'è la necessità di togliere quei pochi spazi che ci sono , per migliorare le strutture a disposizione della comunità ,per un discorso di sicurezza e responsabilità da parte di tutti, società sportive e non.
Mettere in sicurezza un impianto sportivo , significa essere responsabili non soltanto verso i ragazzi che svolgono attività sportiva , ma anche a quei appassionati che seguono la loro compagine.
Prendetevi anche voi un pò di responsabilità.
 
 
#5 lo sport è educazione 2010-04-22 16:55
un'istituto deve essere per prima cosa SIMBOLO di educazione, formazione, istruzione su tutti i livelli e per più ragazzi, non solo quelli iscritti all itc.
non facciamo altre figure e non ci togliete i pochi spazi che questa terra ci offre.
 
 
#4 uno che ama lo sport 2010-04-22 16:19
ok Teta, hai perfettamente ragione,però vista la carenza di strutture, esiste un protocollo d'intesa con la Provincia che dà la possibilità ad associazioni sportive e non, di utilizzare quelle strutture nei momenti liberi da impegni scolastici. D'altronde ci sono decine e decine di associazioni sportive che le utilizzanoe anche con la presenza di pubblico, se vuoi ti faccio un elenco e te lo mando per e.mail.
Bisogna togliere dalla strada quanto più ragazzi possibili, questo deve fare la comunità scolastica e non.......
Sei d'accordo?
Se vuoi possiamo discuterne anche in separata sede.
 
 
#3 dolores 2010-04-22 10:00
.....condivido con teta..... dovrebbe essere l'amministrazione in quanto rappresentante dei cittadini a dover fare da portavoce di questa esigenza che vi è a Rutigliano e trovare una rapida soluzione ad un problema che sembra non risolversi ormai da tanto.....perchè ci si deve accontentare di strutture improvvisate e provvissorie? l'abbiamo ripetuto in altri post: "dove c'è cultura c'è anche tra l'altro benessere economico" perchè non lo capiscono? basta guardare conversano quanti concerti musicali sta facendo perchè dotata di un palazzetto polifunzionale... invece Rutigliano a quanti spettacoli e manifestazioni sportive ha dovuto rinunciare perchè carente di strutture? perchè bisogna cercare sempre spazi alternativi? è circolata una notizia durante la campagna elettorale regionale e che a Rutigliano "dovrebbero" costruire una scuola e udite udite un palazzetto dello sport..... saranno le solite promesse da marinaio fatte in campagna elettorale? o ci sarà un concreta realizzazione? noi siamo fiduciosi e speranzosi.... attendiamo come sempre..... buona giornata
 
 
#2 Teta 2010-04-22 08:09
Può una scuola sopperire alle carenze strutturali di un'intera comunità?
Che si adoperi l'amministrazione!
 
 
#1 Uno che ama lo sport 2010-04-22 02:13
Ottimi risultati per il nostro istituto scolastico, peccato che da un paio d'anni per colpa di qualcuno e' diventato poco fruibile dalla comunita' rutiglianese. Mi riferiscono che ci sono sempre enormi difficolta' per gli amministratori comunali e per le societa' sportive ad utilizzare alcune strutture di proprieta' della Provincia e quindi costruite con denaro pubblico, strutture che ora sembrano essere fruibili solo dagli alunni e professori, struttura chiusa alla comunita'.
In passato questa bella struttura era il fiore all'occhiello di Rutigliano, aperta a tutta la comunita'. L'auditorium era sempre pieno di manifestazioni, chiunque lo poteva utilizzare per manifestazioni teatrali e musicali, ora e' sempre chiuso a tutti, la palestra era sempre piena di manifestazioni, ora notizia recentissima sta per essere chiusa agli esterni. Ridicolo, siamo stanchi di essere considerati un "popolo di mafiosi e banditi" (sic!!) siamo stanchi di sentire dirci " questa e' casa mia" , siamo stanchi di essere presi in giro.
Popolo di Rutigliano tirate fuori gli artigli e ribelliamoci ai sopprusi, non abbassate sempre la testa .
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI