Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

ABBANDONO RIFIUTI A RUTIGLIANO: IL VIDEO

Cartolina_rifiuti


In occasione dell’iniziativa sui rifiuti abbandonati organizzata dalla Federconsumatori, da Rutiglianoweb e dal comune di Rutigliano il 12 aprile scorso, è stato proiettato un video reportage sul fenomeno che pubblichiamo qui sotto.

Tranne l’Annunziata, ripulita grosso modo prima delle pasquetta, nel resto dei siti ripresi i rifiuti sono ancora lì.
Alcune riprese i lettori di Rutiglianoweb le conoscono perchè già pubblicate in altri video, molte altre invece sono inedite.

A breve sarà pubblicata una sintesi della diretta dell’incontro a cui parteciparono cittadini, scuole, amministratori, associazioni e Forze dell’Ordine.

Buona visione


Commenti  

 
#35 Marco81 2010-04-29 00:43
Ci tengo a fare una precisione per quantto riguarda le fatture con su emenzionato "CONTRIBUTO CONAI ASSOLTO OVE DOVUTO"
Cosa vuol dire ciò? significa che il produttore o il commerciante d'imballaggi si è caricato l'onere di pagare il consorzio CONAI per la quantità dell'imballaggio prodotto o commercializzato, sollevando l'utlizzatore finale. Pertanto quando in fattura c'è scritto "CONTRIBUTO CONAI ASSOLTO OVE DOVUTO" vuol dire che nel prezzo d'acquisto di tale materiale è stato caricato anche il costo del CONAI, quindi lo state pagando!
In merito sempre al contributo CONAI, se non ricordo male, due anni fa una nuova normativa obbligava i produttori di fatturare in maniera distinta nella fattura il costo CONAI e di non usare più la voce "CONTIBUTO CONAI ASSOLTO OVE DOVUTO. Comunque mi procuro la documentazione di tale normativa e ve la giro.
 
 
#34 dolores 2010-04-28 19:56
carissimi, anche a me e capitato di guardare fatture di acquisto teli e come ho già anticipato: in alcune si trova la sola dicitura contributo Conai assolto preciso ad "abc" che non viene pagato dal cliente ma solo menzionato e in altre fatture invece viene indicato contributo polieco che è a carico del cliente e che ammonta come ha già detto nicastro a € 0,015+iva al kg.... ho parlato con alcune ditte che forniscono teli per chiedere spiegazioni (propongo a nicastro di contattarle) dico questo perchè mi sono state riferite due versioni differenti: la prima mi dice che è un contributo attenzione "obbligatorio" e pertanto obbligatoriamente viene indicato in fattura e fatto pagare al cliente sia per i teli in polietilene che per quelli retinati .... l'altro invece mi riferisce che dipende dall'articolo che acquisto e che solitamente viene fatto pagare se si acquista quello retinato glielo fatto ripetere ma mi è sembrato strano perchè la PolieCo smaltisce solo il polietilene ......pertanto alla luce invece di quanto abbiamo appreso ritengo necessario contattare i fornitori di teli visto che sono l'anello principale della catena per capire le modalità con cui applicano ai clienti a sto punto direi il famigerato "contributo polieCo"... nicastro a te l'arduo compito saluti.... ;-)
 
 
#33 antonio fortunato 2010-04-28 19:03
Una precisazione all'intervento di Gianni Nicastro.

Tra Conai e Polieco è in corso un contenzioso sulla natura degli "imballaggi".
La competenza del sistema CONAI è da ricondurre alla nozione di mero imballaggio.

POLIECO, il Consorzio dei beni in polietilene, ha più volte affermato che determinati beni in polietilene non sarebbero imballaggi, con l’intento di acquisire tali prodotti al regime di contribuzione POLIECO e sottrarli alla contribuzione del sistema CONAI.

Da quel che mi risulta - unica sentenza sull'argomento - Il Tribunale civile di Roma, sezione terza, con sentenza n. 10050/2006 del 3 maggio 2006, in accoglimento delle domande avanzate da CONAI, nei confronti di una tra le maggiore aziende operanti nella produzione di imballaggi in polietilene per l’industria e l’agricoltura, ha accertato e dichiarato l’obbligo al pagamento del contributo Conai sui seguenti prodotti:
- sacchi a valvola a bocca aperta;
- bobine soffittate e goffrate;
- films termoretraibili;
- films estensibili;
- stretch hoods;
- cappucci per pedane;
- buste per poltrone e divani.
E’ stata di conseguenza respinta la competenza e il pagamento del contributo POLIECO sugli stessi prodotti.

Polieco ha appellato la sentenza, e non mi risulta ancora la decisione sul merito della Corte di Appello di Roma.
 
 
#32 Marco81 2010-04-28 18:17
Bella cosa!
la differenza tra contributo CONAI e POlIECO dopo anni la sta dando Gianni Nicastro.
Il sig. Pinuccio Valenzano (2105 voti) che è un rappresentate degli agricoltori, non lo poteva dire a 2105 operatori agricoli??
e come lui gli altri rappresentati di categoria, pensano solo al numero delle tessere da fare??
 
 
#31 Gianni Nicastro 2010-04-28 17:54
Questione contributo Conai e contributo Polieco.

Su questa interverrò con un'altra intervista di approfondimento col direttore del Polieco che ho ufficialmente richiesto stamattina per email.

Vi anticipo alcune cose importanti. L'altro ieri mi sono risentito con la Salvestrini, anche questo colloqui è stato imteressante e pieno di ulteriori informazioni (da qui la richiesta di una intervista).

Il contributo Conai è una cosa (come giustamente precisato dal sig. Fotunato) quello al Polieco è un'altra.
Se "abc" ha pagato il Conai in una fattura di aquisto dei teli (perchè questo succede anche), gli hanno fatto pagare qualcosa che non doveva. Non solo. Gli hanno fatto un danno, perchè lo smaltimento o il recupero di quel telo se lo paga interamente lui.
Non solo avrebbe pagato un contributo molto più alto di quello del Polieco (che ammonta a 0,015 euro al kg + Iva), ma alla fine si sbologna anche la spesa dello amaltimento.
Attenti alla fattura, dunque, chi compra teli, tubi o altri beni (non imballaggi) in polietilene il contributo deve essere corrisposto al Polieco non al Conai.
 
 
#30 agricoltore donna 2010-04-28 15:39
Carissimo Sig. Fortunato,
grazie per aver precisato questa questione, in realtà contributo Conai e contributo Polieco sono diversi ognuno con la sua specificità. L'obiettivo di questo forum è di fornire informazioni che possano essere utili al settore. Il confronto è sempre costruttivo. Mi dispiace a volte le parole siano fraintese e si parla senza cognizione di causa. Prima di tutto l'informazione.
grazie ancora!
 
 
#29 antonio fortunato 2010-04-28 15:11
due precisazioni
(per mia curiosità... mi sono procurato alcune fatture di acquisto dei teli da parte di imprenditori agricoli).

Tutte riportano nel corpo della fattura la dizione "contributo Conai assolto ove dovuto", oppure " contributi ambientali ex.... assolti ove dovuti"; tale contributo è già compreso nel prezzo "finito" dei teloni.

Solo alcune fatture, nella descrizione del prodotto, indicano anche il "contributo Polieco" precisando quantità (evidentemente uguale alla quantità di telo), costo ed importo finale.

Il contributo che l’agricoltore paga in fase di acquisto dei teli alla Conai riguarda solo lo smaltimento degli imballaggi.
l'art. 234 del codice dell'ambiente prevede che la restituzione di imballaggi usati o di rifiuti di imballaggio (per tali intendendosi, per es.: shoppers, i sacchi a valvola, i sacchi a bocca aperta, il film tubolare e piano da imballaggio) non deve comportare oneri economici per il consumatore.
Il venditore, quindi, non può rifiutarsi di ricevere e ritirare gli imballi dei teli venduti.

Diverso è il caso del contributo Polieco; se si è pagato in fattura anche questo contributo specifico - e senza entrare nel problema del deposito temporaneo, delle autorizzazioni, dei registri di carico e scarico, delle responsabilità dell’imprenditore agricolo e degli adempimenti amministrativi - l'agricoltore può provvedere alla consegna dei vecchi teli, per lo smaltimento gratuito, presso i centri di raccolta convenzionati Polieco.

Mi pare che l'informazione data da Nicastro (anche con la messa in onda dell'intervista telefonica alla Direttrice Polieco)sia stata corretta ed sufficientemente chiara.
 
 
#28 abc 2010-04-24 21:33
Caro Gianni Nicastro per fare il giornalista devi essere informato su tutto, non devi scrivere cose che non sai, non sei bene informato, perché non provi ad acquistare i teloni ? Vedi cosa paghi.... paghi la tassa "contributo ambientale conai". La conosci caro giornalista??? Vai in azienda fai una fattura vedi cosa ti scrivono sopra la fattura. Diventa un imprenditore pure tu come noi….. Uno di noi
 
 
#27 ciani 2010-04-24 19:35
mi spiace leggere in questi commenti l'odio (o forse odio-amore) che c'e' nei confronti di chi fa un mestiere molto difficile come coltivare la terra . Voglio che non si dimentichi che tutto noi veniamo da li' , i nostri nonni e padri, chi e' rimasto lo fa per passione e ribadisco come ho gia fatto un un altro post il concetto a chi ha criticato tutta la mia categoria, che non si faccia di tutta l'erba un fascio e si distingui da persone corrette a persone ignoranti e solo e soltanto ignoranti perche se avessero avuto la fortuna di aver passato qualche anno in piu dietro i banchi di scuola sicuramente sarebbero diventati persone con un altra coscienza e sensibilita' e piu attenti ai problemi ecologici che ci attanaglian. In risposta all'anonimo posso dire che le sue illazioni non mi toccano perche' se sapesse quanti agricoltori sono sensibili come me al problma dello smaltimento rimarrebbe sbalordito e ...solo chi ci sta dentro e sente le voci dei colleghi puo' dirlo . Anzi diro' di piu ,qualcuno dati alla mano cominciasse ad informarsi su quante tonellate di teli e reti vengono smaltiti regolarmente su territorio e poi venisse a riferire e vi garantisco che le foto seppur poco edificanti che la redazione del sito hanno pubblicato sono sicuramente frutto di una minoranza di bastardi che non sanno quello che fanno
 
 
#26 Gianni Nicastro 2010-04-23 21:50
«...informati caro Nicastro»

Ad "abc" gli/le dico l'abc della questione.
1. La tassa di smaltimento i cittadini la pagano al comune per i rifiuti urbani, non agli esercizi commerciali da cui comprono i prodotti di plastica o polietilene (o di quasiasi altro materiale), tantomeno gli agricoltori pagano qualcosa alle ditte da cui comprono i teli. Il contributo che gli agricolturi pagano in fattura per l'acquisto dei teli (quando la chiedono)viene girato al Polieco.

2. Non esiste nessuna legge che obbliga chi ci vende la plastica a restituirgliela come materiale post consumo, tantomeno gli agricoltori possono portare i teli esausti a chi glieli ha venduti. La tassa di cui parli non è "per il ritiro dei teloni", è per lo smaltimento o il recupero gratuito degli stessi.

3. Ti consiglio, se non vuoi continuare a scrivere o pensare sciocchezze in merito, di informarti su questo sito ascoltanto l'intervista fatta al direttore del Polieco (o di farlo altrove), così saprai che cos'è il Polieco e come -e a quali condizioni- si smaltiscono i teloni.
 
 
#25 abc 2010-04-23 20:52
io non capisco perchè si paga la tassa per il ritiro dei teloni e poi ti dicono che non possiamo fare nulla... Gianni devi parlare con le aziende che producono teloni perchè vendono e non ritirano teloni retine pur pagando la tassa di smaltimento?? informati caro Nicastro
 
 
#24 gino 2 2010-04-23 19:41
ke paese di inciviliiiiiiiii!!! abbiamo posti tipo madonna del palazzo bellissimi e li trattano così... VERGOGNA RUTIGLIANESIIII!! nn meritate nulla...pensate all uva ke sl qll sapete fare!
 
 
#23 jangiri 2010-04-23 18:35
...se un ramo nasce e cresce storto (qualsiasi ramo esso sia) poi viene difficile raddrizzarlo...è più facile e semplice caricarsi in macchina il vecchio elettrodomestico, farsi qualche kilometro e scaricarlo in posto tranquillo, piuttosto che uscire di casa e metterlo vicino al cassonetto...e come per magia il giorno dopo non lo trovi più!!!! educazione, rispetto, senso civico...parole che molto spesso si dimenticano, o nel peggiore dei casi non si hanno nemmeno nel proprio vocabolario...
 
 
#22 jangiri 2010-04-23 18:26
...brutto brutto brutto...immobilità...silenzio...fancazzismo...ci piace così...ed allora andiamo avanti...
 
 
#21 Mo Viene Natale 2010-04-23 15:07
Educare!! Educare al Rispetto delle Cose e Delle Persone! Sono Fiducioso nella Nuova Generazione....Provate a Chiedere ad 10 Bambini di Rutigliano dove preferiscono buttare una carta...Il risultato sara' che 10 su 10 risponderanno " nel cestino ". I toni polemici che utilizzate non sono educativi (non faccio la morale a nessuno )! I dati di Fatto sono : Paese Sporco - Mancanza di Educazione e Rispetto - Voglia di Non Cambiare (neanche da parte degli amministratori che sono solo preoccupati dell'allarmismo che si possa generare intorno a questa cosa) . Lo sconcio che si denota nei video non e' solo provocato degli Agricoltori contro i quali continuate ad inveire, tralascaindo che sono ancora il Fulcro dell' Economia locale , con o senza vendite giudiziarie e crisi varie . Lavatrici, Materiali di Riusulta edile, Amianto ecc...non lo scaricano gli agricoltori!! Penso che finche' si rimane dietro degli schermi a controbbattere poco si risolve! Siamo Tutti Consapevoi!! Adesso, Subito, Ora... Bisogna andare in piazza...nelle case...nelle associazioni di categoria...nei cantieri con delle iniziative mirate...Non Bastano Manifesti e Volantini; Al cittadino và spiegato ( ripeto ) Và spiegato come comportarsi! Odio chiunque dica che il Rutiglianese non e' all' altezza di Iniziare una Raccolta Differenziata...chi ha pronunciato questa frase o la pronuncera' ancora rimane nel nel bozzolo dell'ingnoranza!
 
 
#20 Gianni Nicastro 2010-04-23 14:50
Per "forza rutigliano"

Il sindaco era presente quel giorno in sala consiliare e ha visto il video.
A breve pubblicheremo la diretta web di quella iniziativa e potrai sentire dalla sua viva voce quello che ha detto.
 
 
#19 ..... 2010-04-23 11:49
scusa teta dimenticavo, xchè dovremmo essere noi a cambiare paese? per permettere a voi di deturpare il paesaggio senza che nessuno vi critichi? .... cambiate voi paese, nazione anzi provate ad andarvi a fare i tendoni su MARTE se volete continuare così! oppure cominciate a cambiare e cercare di diventare più civili e rispettosi! e ti ripeto (come già ti ho detto in altri post) che io non odio gli agricoltori (forse a te sì, xchè mi metti in bocca parole che non dico!) ma quelli di voi che attuano determinati comportamenti!
 
 
#18 forza rutigliano 2010-04-23 11:44
per gianni nicastro
perchè questo video non lo porti al sindaco e gli dici alla paesana: wagliò guard na picch?
 
 
#17 Peter Pan 2010-04-23 11:38
è inutile che vi scaldate tanto!
Quando avete torto (parlo del categoria in se per se) avete torto!

X Teta,
qui non è che odiamo l'agricoltura, è l'agricoltura nostrana che si fa odiare!
Sono (parlo in genarale) i compartamenti di talune persone scellerate che fanno scempio da dove passano loro! Non parliamo solo di materie plastiche sono stati trovati anche contenitori di pesticida e chimici buttati rigorosamente sui cigli dei muretti a secco!
Non so fin quando arriva la normalità del gesto! :cry:


X Ciani,
aspettavo qualcuno che dicesse:Citazione:
"qui non si rispetta una intera classe di lavoratori come gli agricoltori che si fanno un mazzo per portare alla fine di una annata il guadagno"
.
Come la tua categoria, anche negli altri settori IL MAZZO SE LO FANNO TANTO PER PORTARE UNO STIPENDIO A CASA!
Ci vuole rispetto anche per l'impiegati per chi siede dietro una scrivania!

Concludendo, lo scempio visto(tra calcinacci frigoriferi e sanitari) è anche opera di edili e di gente comune!
Insomma di NOI tutti! Diamoci una regolata!
 
 
#16 ..... 2010-04-23 11:03
ciani ti brucia eeee? .... stai attento il primo ignorante sei tu che parli in questo modo! io mi riferivo solo a "quelli che attuano quei comportamenti!" da quello che ci fai capire (visto che ti brucia così tanto) e che tu sei uno di quei "ghizz" irrispettosi e che mettono in atto le cose che abbimo descritto nei precedenti post! e poi parlare di "quelli" significa sparare a zero su tutta la categoria? allora vuoi dire che siete tutti così (parole tue!)? IMPARATE A LEGGERE, CAPIRE E RISPONDERE CORRETTAMENTE E PACATAMENTE AI POST!.... mi sa che il problema dello smaltimento della plastica NON L'AVETE CAPITO VOI! il fatto che "la maggior parte sono persone estremamente civili" (dalle immagini e dai vostri post TETA E CIANI non si direbbe .... ma se lo dici tu ci credo!)non giustifica ciò che vediamo nel filmato!
p.s. gli altri lavori devono essere rispettati come il vostro .... non è che nella vita il "mazzo" ve lo fate solo voi nel mondo!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI