Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

NO ALLA LEGGE BAVAGLIO SULL'INFORMAZIONE

no_al_bavaglio

La Voce del Paese” si oscura, per non essere oscurata

C’è chi non crede che stia avvenendo davvero. Ma è così.

In Senato, a breve, sarà discusso un Disegno di Legge, ieri sera approvato in Commissione, dal titolo innocuo: “Norme in materia di intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali” ma devastante per la liberà di tutti noi italiani.

Per quelli che non delinquono, che non hanno nulla da nascondere; per quelli che vogliono essere informati su chi stanno per votare, per quelli che vogliono capire a chi stanno affidando i propri soldi, comprando azioni e obbligazioni, per quelli a cui piace sapere se l’azienda di cui è cliente osserva le norme e le leggi o è piuttosto una specie di “suk” arabo.

E’ una norma contestata da sinistra e da destra, dai moderati e da chi non è in Parlamento, da laici e cattolici, segno che la libertà non ha colore nè segno politico.

Il nostro network online, “La Voce del Paese”, vuole continuare a essere la voce di chi informa, dei cittadini che vogliono sapere e capire. Per scegliere meglio, per essere liberi.

Abbiamo oscurato tutti i sedici siti del network  per due ore, in due fasce orarie: ieri dalle 17.00 alle 19.00 e oggi dalle 11.00 alle 13.00.

Un segnale a voi lettori, che invitiamo ad approfondire i motivi della protesta con i link qui sotto e a dirci cosa ne pensate, commentando e inviandoci messaggi.

Un segnale per chi in queste ore è chiamato a decidere della libertà e dei diritti di tutti e di ciascuno, perché possa comprendere che la barbarie e l’inciviltà prosperano e si fanno spazio un passo alla volta.

Quello di oggi potrebbe essere il primo.

Il Disegno di Legge in discussione: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Ddlpres&leg=16&id=424336

Tanti i modi di far sentire la tua voce.

Puoi inviare un commento, qui sotto, per capire e far capire.

Puoi inviare una cartolina al Presidente della Repubblica, Giorgio Napoletano:

http://www.facebook.com/photo.php?pid=1128904&op=1&o=global&view=global&subj=252186143437&id=1486332933

Puoi firmare l’Appello di “No bavaglio”:

http://nobavaglio.adds.it/

Puoi inviare una tua foto significativa:

\n // --> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Commenti  

 
#8 albert 2010-06-05 10:24
ieri sera ho visto su rai tre il bellissimo programma:La grande storia- PROPAGANDA- che trattava, appunto, della propaganda operata Mussolini nel ventennio per affermarsi e ho trovato paurosamente simili i comportamenti adottati da "LUI" ieri e dal "NOSTRO"(non mio)oggi, con l'aggravante che il "NOSTRO" ha anche il controllo sulla comunicazione televisiva:ho davvero paura!!!per noi e per i nostri figli
 
 
#7 liberonelpaese 2010-06-02 20:32
Constato con grande rammarico e preoccupazione come i commenti a questa notizia siano pochissimi, rispetto a quelli postati per gli altri problemi. Forse il rimbambimento generale al quale ci ha ridotto l'informazione televisiva in questi ultimi anni ci impedisce di capire che ogni altro problema e questione deve necessariamente passare in secondo ordine di fronte alla difesa della libertà e della democrazia nel nostro Paese. Senza le quali non esiste futuro e per le quali dobbiamo essere sempre pronti a batterci.
 
 
#6 forza rutigliano 2010-05-28 17:42
dovrenno batterci tutti contro la dittatura. su albert coraggio
 
 
#5 albert 2010-05-28 16:46
di questo passo i nostri prossimi post saranno vuoti...non potremo scrivere più niente
 
 
#4 albert 2010-05-28 16:45
l'aria fascista io già la respiro,l'avverto intorno a me,anche sul posto di lavoro, dove uno non ha neppure il diritto di dissentire,in qualche maniera, pena "richiamo scritto"...ma dove stiamo andando?
 
 
#3 forza rutigliano 2010-05-28 12:44
per albert
non c'è bisogno di ascoltare le dirette parole di chi si definisce Mussolini.
già la libertà di espressione, di stampa e di informazione ti deve riportare ai tempi del fascismo quando gli scrittori, i poeti e robe varie dovevano essere per forza fascisti e parlare di fascismo. ora le prime due ret rai e tutta mediaset di cosa o di chi parlano?ha fatto bene leìa giornalista bionda di rai uno a dimettersi. a lei nn piaceva l'informazione di parte e sono fiera di lei.
nn devi aver paura perchè questa è un'Italia che tornerà al fascismo. si chiamerà in altro modo ma sempre quello sarà. chi ha paura finiirà per essere dominato.
 
 
#2 albert 2010-05-28 10:03
siamo all'epilogo finale...o capiamo a cosa mira questo governo e quindi lo mandiamo a casa o ci meritiamo quello che sta avvenendo:d'altronde avete sentito che il "NOSTRO" si è paragonato a Mussolini, dicendosi privo di poteri e affermando,riferendosi a lui, che era "ritenuto un dittatore" e non che lo fosse...poveri noi....ho un po' di paura
 
 
#1 menico 2010-05-26 23:25
gli italiani votando berlusconi ( e continuano ancora a farlo..) sanno benissimo quello che fanno! questo è il volere della maggioranza. la maggioranza degli italiani vuole rubare e quindi ben vengano tutte le leggi che li possono aiutare. insabbiamenti, condoni e mazzate ai poveracci e agli stranieri. niente di nuovo.... :cry:
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI