Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

CO.LA.RI NON RINUNCIA A CONTRADA MARTUCCI

discarica-lombardi-ecologia

Nell’ultima riunione dei Comuni dell’ATO Bari 5, sono state comunicate le volontà della Co.La.Ri (Consorzio Laziale Rifiuti), in fine giunte dopo le pressioni dell’assessore regionale Lorenzo Nicastro.
Doccia fredda per chi pensava che l’ATI di Cerroni avrebbe chiesto solo un indennizzo, la Co.La.Ri fa sapere di voler “dar seguito alla sentenza”. Una volontà sibillina che, almeno per ora, lascia molte perplessità. Infatti, volendo intendere in senso stretto questa dichiarazione, dovremmo aspettarci che il gruppo laziale faccia tabula rasa del sistema impiantistico esistente in Contrada Martucci e costruisca secondo il proprio progetto, che – da indiscrezioni – non sarebbe pienamente conforme alle specifiche tecniche previste.

Diversa l’ipotesi accreditata dai “sofismi dei giuristi”: la procedura più semplice consisterebbe nel bandire una nuova gara d’appalto per la sola gestione, dopo aver stabilito la titolarità della proprietà di ciò che è stato già costruito.

Nel frattempo, il tavolo tecnico dell’ATO prosegue il suo lavoro, concentrandosi sui tre punti già deliberati: la redazione del progetto per la raccolta spinta della frazione organica; il monitoraggio dei flussi dei rifiuti confluiti in discarica, con relativa istanza alla Lombardi di comunicare le volumetrie residue; la richiesta, rivolta a Regione e Provincia, di chiarire le proprie intenzioni, sulla scorta dei dati tecnici acquisiti dagli uffici competenti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI