Sabato 21 Settembre 2019
   
Text Size

"Sporcaccione" multato riesce a "farla franca"

controllo busta rifiuti

 

Rutigliano, per l’ennesima volta Comune Riciclone con un percentuale dell’80%, continua a fare i conti con quella ostinata minoranza della popolazione che non riesce ancora ad abituarsi alla raccolta di rifiuti porta a porta affidata alla Ditta Gassi.

Diversi mesi fa, tutti i giornali locali e non hanno riportato la notizia secondo la quale a Rutigliano “gli sporcaccioni” verranno perseguiti con morosità che possono raggiungere i 500 euro. Il compito di scovare i trasgressori è stato affidato alle forze di Polizia Municipale, ma come fare a scoprire a chi davvero appartengono i rifiuti di un trasgressore?

A questo proposito, veniamo a conoscenza dall’Albo Pretorio online di un caso in cui la giustizia non riesce a fare del tutto il proprio dovere.

In data 24 luglio 2015, è stata rinvenuta una quantità di rifiuti indifferenziati in busta di plastica abbandonata nei pressi di un raccoglitore di vetro in via del Tiglio (nei pressi di via Mola). In seguito ad un controllo, esaminando i rifiuti, i Vigili Urbani sono risaliti al proprietario del pattume, residente, a quanto pare, in via Sicilia (traversa di via Noicattaro). La multa è stata notificata il 31 luglio 2015, ma il diretto interessato ha prontamente fatto reclamo.

Con una puntuale ed inattaccabile argomentazione il sospettato "sporcaccione" è riuscito ad evitare la salata sanzione, dimostrando un fatto innegabile: non abitava in via Sicilia da ben 16 anni.

Considerando che la busta incriminata si trovava in un punto differente del paese, rispetto agli indizi ritrovati dai Vigili Urbani, e considerando che il bollettino incriminante poteva tranquillamente trattarsi di un datato ed inutile documento, il sospettato sarebbe potuto essere il vero colpevole dell’abbandono illecito di rifiuti - presso una possibile nuova abitazione - ma, per un sottile cavillo, la prova incriminante ha perso di validità. La sanzione è stata ritirata, come si legge, “al fine di evitare l’instaurarsi di inutile contenzioso”.

Commenti  

 
#2 vitino lo stagnaro 2016-01-23 17:11
Telecamere ovunque! In città in campagna e sulle provinciali, fate come il comune di Massafra.
 
 
#1 cittadino 2016-01-21 19:48
Telecamere....Servono telecamere....che funzionino però....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI