Martedì 25 Giugno 2019
   
Text Size

Muore gatto randagio

gatto randagio

 

Nonostante i numerosi tentativi per salvare la sua vita, non c'è l'ha fatta il gatto randagio che, lo scorso 29 gennaio, era stato recuperato dai volontari dell'ANPANA Puglia.

Tutto inizia con le segnalazioni di numerosi cittadini: all’interno del distributore carburante Q8, sito tra via Moro e via Mola, si è rifugiato un gatto randagio ferito. Immediatamente viene allertato il personale della locale sezione ANPANA Puglia. I volontari, dopo aver recuperato il gatto, lo trasportano inizialmente presso l'ambulatorio veterinario “Arca di Noè”. Qui, un'accurata prima visita accerta che le condizioni del felino sono disperate; ragion per cui si decide di trasferirlo presso il centro veterinario "S. Antonio Abate".

Lo staff medico del centro di Capurso si prodiga in meticolosi esami diagnostici per poi somministrare un' idonea terapie medica: tutto sperando in un recupero miracoloso. Ed invece, il giorno dopo, il gatto è deceduto a causa delle numerose fratture multiple riportate.

Una storia triste - forse per alcuni banale - che, a nostro avviso, sottolinea l'importanza della collaborazione tra cittadini ed istituzioni: un reciproco ascolto che - se rafforzato - può consentire di intervenire in caso di necessità. Non solo, chiaramente, quando si tratta di salvare un animale in pericolo.

Commenti  

 
#1 Ciccio 2016-04-05 21:39
Ma,contenti voi....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI