Venerdì 24 Settembre 2021
   
Text Size

Daniela Baldassarra in scena a Rutigliano con “Nei Nostri Panni”

daniela baldassarra a Rutigliano (5)


L’associazione Arcobaleno invita l’autrice per regalare
l’estate ai soci de Il Prato Fiorito


Quando l’arte, la comicità, il divertimento ed il sociale si incontrano, danno vita ad uno spettacolo imperdibile e dal forte impegno. A questo proposito, l’associazione Arcobaleno ha avuto l’onore di invitare ed ospitare un’artista che si è distinta particolarmente negli ultimi anni, per uno spettacolo il cui ricavato è stato completamente devoluto in beneficienza all’associazione rutiglianese Il Prato Fiorito.

daniela baldassarra a Rutigliano (2)

Ci riferiamo a Daniela Baldassarra che, lo scorso 30 aprile, nella cornice del Museo Archeologico di Rutigliano, ha portato in scena “Nei nostri panni”, un monologo sugli stereotipi sociali svelati attraverso disavventure femminili. Laureata in Lingue e Letterature straniere, scrittrice ed attrice teatrale, Daniela è vincitrice di circa 45 riconoscimenti letterari dal 2004 ad oggi. A lei si deve la creazione della “Giornata Regionale Contro le Solitudini”, ogni 25 settembre a partire dal 2012, e la fondazione dell’associazione “Donne con la F maiuscola” nel 2013. Tra i suoi topic prediletti ritroviamo l’attenzione verso la figura femminile e la preservazione dei propri diritti.

Ritornando alla serata del 30 aprile, il palco del Museo Archeologico si è tinto di rosa davanti alla comicità spiazzante e colorita di Daniela Baldassarra. Il tono spregiudicato e piacevolmente grottesco del monologo ha scatenato le più sincere risate del pubblico. Varie le tematiche affrontate dall’attrice, tra le quali il tradimento, i trattamenti estetici, la discoteca, il corpo maschile e tante altre situazioni rese esilaranti dalla frizzante recitazione della Baldassarra.

Non mancano, però, le occasioni di riflessione. Gli oggetti scenici, inizialmente abbandonati dall’occhio dello spettatore, si trasformano durante il finale nel vero cuore dello spettacolo. L’attrice porta con sé un palloncino gonfiato ad elio a forma di cuore. Per più volte cercherà di catturarlo inutilmente, fin quando riuscirà a coglierlo e a lasciarlo libero: forte metafora del sentimento amoroso. Uno stendi panni, poi, altro oggetto scenico sapientemente utilizzato, nasconde sotto i tessuti una frase chiave che permette di interpretare il senso dell'intera pièce: “Vale più un minuto del tuo corpo che la somma delle mie ragioni”.

daniela baldassarra a Rutigliano (4)

Pinuccio Valenzano e Tina Sorino

Dopo gli scroscianti applausi, qualche doveroso ringraziamento è speso dal vicesindaco e presidente dell’associazione 'Arcobaleno' Pinuccio Valenzano. A seguire il toccante intervento della rappresentante di 'Prato Fiorito', Fonte Sorino, che ha spiegato in che modo verranno utilizzati i ricavati del sold out: “Si avvicina l’estate e vorremmo dare l’opportunità ai nostri associati di poterla vivere”. Necessitano strutture adeguate, attrezzate per l’accesso ai diversamente abili, mezzi di trasporto e la sempre presente forza dei volontari. Grazie a questa donazione, tutto ciò sarà possibile.

In conclusione di serata, viene offerto alla splendida Daniela Baldassarra il dono tipico di Rutigliano: il fischietto in terracotta. Come da tradizione, l’ospite deve soffiare nel manufatto ma, dopo una défaillance, ha scherzosamente affermato: “Come tutti gli accessori maschili… anche questo non funziona!”.

GIANLUCA GIUGNO

daniela baldassarra a Rutigliano (5)

daniela baldassarra a Rutigliano (1)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI