Il tributo di 'Curioso chi Legge' ad Erri De Luca

Curioso chi legge

 

Il Gruppo Lettura CURIOSO CHI LEGGE, lo scorso 9 maggio, ha affrontato un doppio appuntamento con la letteratura. Al centro della riflessione i testi: “La doppia vita dei numeri” e “Il peso della farfalla” di Erri De Luca.

L’incontro sin dall’inizio si è rivelato un tributo all’autore, scrittore di indiscusso talento, capace di affidare alla sua narrazione, sincera ed elegante, i sentimenti più profondi. Ai partecipanti, Erri De Luca è apparso uomo di grande cultura, libero da schemi e convenzioni, esperto conoscitore dell’animo umano, abile tessitore di trame, impavido descrittore di personaggi.

I lettori hanno riscontrato una forte componente autobiografica negli scritti di De Luca e in particolare ne “La doppia vita dei numeri”, piece teatrale che rende omaggio a Napoli, al teatro, alla tradizione partenopea.

Qualcuno ha definito “sapiente” lo sviluppo della trama de “La doppia vita dei numeri”. La penna di De Luca, malinconica e ironica, ha raccontato le differenze tra fratello e sorella, marito e moglie, uomo e donna, o più semplicemente i modi diversi che ciascuno ha di intendere la vita, di resistere ai dolori, di appartenere a una terra. Tra i rimproveri e gli incoraggiamenti che i protagonisti si scambiano la notte di capodanno, i lettori hanno visto snodarsi l’amore dell’autore per il dialogo, per lo scambio di battute, per l’”ammuìna”.

Il merito di De Luca, a parere di alcuni, in riferimento a “Il peso della farfalla” risiede nella capacità poetica con cui tratteggia i caratteri dei personaggi e li consegna al lettore. Il re dei camosci da una parte e il cacciatore di frodo dall’altra; per entrambi solitudine, stanchezza e vecchiaia sono ormai compagne di viaggio.

Molti hanno trovato suggestiva l’idea del susseguirsi delle stagioni come fasi della vita. Altri hanno rintracciato pulsante, in ogni pagina, la passione dell’autore per la montagna. Per tutti, una grande prova di scrittura le descrizioni svolte in parallelo del camoscio e del bracconiere. Secondo il giudizio della platea, l’autore ha delineato con cura i differenti modi di utilizzare i “sensi” e di intendere il “tempo” da parte dell’animale e dell’uomo; due mondi messi a confronto con una lucidità che è vanto solo di pochi.

Le lettrici, in particolare, hanno assaporato la delicatezza e il rispetto con cui De Luca si riferisce all’universo femminile sia ne “La doppia vita dei numeri” a proposito della partecipazione delle donne alla guerra, sia ne “Il peso della farfalla” in riferimento al rapporto tra il cacciatore e la giornalista.

 

Prossimo incontro: lunedì 6 giugno ore 20.30
presso la sala conferenze della Biblioteca Comunale di Rutigliano.

Si discuterà de “Il buio oltre la siepe” di Harper Lee, ed. Feltrinelli.

 

Si ricorda che la partecipazione è libera, gratuita, spontanea; si può intervenire o semplicemente ascoltare e non è necessario aver letto i testi in questione.

Le librerie/cartolibrerie/edicole Barcadoro, Loiotile, Odusia, Pensieri e parole offrono sconti/omaggi sull’acquisto dei testi letti dal gruppo. A conclusione degli incontri degustazione enogastronomica offerta da Leccornie sotto gli ulivi e Terra & vino.

Attività a cura di Puntoeacapo in collaborazione con Assessorato Cultura e Turismo e Ufficio Cultura Comune di Rutigliano.

Info: pagina Facebook puntoeacapo
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
http://www.biblioclick.it/SebinaOpac/.do?sysb=gdl#0