Lunedì 25 Settembre 2017
   
Text Size

29° Concorso Nazionale del Fischietto, vince Filippo Lasorella

Fischietto vincitore 2017

 

Si svolgerà Venerdì 20 Gennaio alle ore 18.30, nel Museo Civico del Fischietto in Terracotta «Domenico Divella», a Palazzo San Domenico (via Leopoldo Tarantini, 28), la Cerimonia di Premiazione del 29° Concorso Nazionale del Fischietto in Terracotta «Città di Rutigliano».

È il rutiglianese Filippo Lasorella il vincitore dell’edizione 2017: la sua opera (nella foto), «U Gardiedd» (il galletto), ha preceduto nell’ordine «Il gallo del Sud» di Giovanni Ippolito di Gioia del Colle e «Sua eccellenza il gallo tenore» del rutiglianese Pippo Moresca (il tema del concorso quest’anno è: «Sua maestà il Gallo»).

Il verdetto è stato decretato dalla giuria di esperti del concorso, presieduta dal segretario generale del Comune di Rutigliano Giambattista Rubino, di cui hanno fatto parte l’assistente esecutiva della fondazione museo d’Arte contemporanea «Pino Pascali» di Polignano a Mare Susanna Torres, il docente di Anatomia artistica presso l’Accademia di Belle arti di Bari Giuseppe Patruno, il professore associato di Letteratura italiana presso il dipartimento di lettere, arti e culture comparate dell’Università di Bari Pietro Sisto e il giornalista della redazione di Bari de «La Gazzetta del Mezzogiorno» Ninni Perchiazzi.

In gara sono state ammesse 74 opere realizzate da 50 artisti delle seguente regioni: Puglia (31, di cui ben 20 della sola Rutigliano), Piemonte (4), Basilicata (1), Calabria (2), Molise (1), Veneto (6), Liguria (2), Lombardia (1), Marche (1), Abruzzo (1).

Questi invece i destinatari dei Premi Speciali: «Satira», Pippo Sorino; «Giovane», Vito Lasorella; «Fischietto Popolare», Pippo Sorino (la sua opera «The King» ha raccolto 84 preferenze).

Nel corso della serata saranno premiati anche gli alunni delle scuole primarie di Rutigliano che hanno partecipato alla sezione del concorso ad essi riservata.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI