LE CHIESE DI RUTIGLIANO

s_chiara

Chiesa di santa chiara

Edificata agli inizi dell’Ottocento in parallelo alla antica Chiesa dedicata a sant’Andrea, dalla quale sono ancora visibili le facciata rivolta a levante , le mura perimetrali (i due chioschi conventuali) e la torre campanaria, munita ancora di campana originaria della fondazione dell’annesso convento (fu fatta dal barese Petrus nel 1522) la nuoca chiesa ospita oltre alla tela del lama, un austero coro ligneo con organo seicentesco posto sul transetto. Il convento fu fondato nel 1519, il 15 settembre con bolla del pontefice leone x in seguito alla donazione da parte della congrega di sant’Andrea dell’omonima chiesa e delle fabbriche annesse su consiglio di padre Sebastiano de Jacomino, la cui sorella Nicoletta fu poi nominata prima abbadessa del nascente convento benedettino dell’ annunciazione di maria di gesù. Nel 1910 alle suore benedettine subentrarono le suore Crocifisse adoratrici.

INCONTRO DEI DUE ORDINI

Manierista è l‘ artista che dipinge in santa Chiara il quadro rappresentate l incontro dei due Ordini. A metà figura è la Madonna col Bambino tra due angeli reggi-corona. In primo piano San Francesco e San Domenico si abbracciano fraternamente, fautori entrambi dei rispettivi ordini: il francescano e il domenicano. Accanto le fondatrici dei due ordini femminili  monastici S. Chiara, con la croce e l’ostensorio e S. Caterina col giglio e il libro nella mano. L’opera fu commissionata da una nobile famiglia così come da insegna araldico ivi disegnato a destra. Giovan Battista ,Lama: 1673 napoli quella di Rutigliano è la prima tela che giunge in Puglia del Lama la cui produzione maggiore è napoletana

Immacolati e santi1708. Firmata al centro da lui e datata. In alto è raffigurato il Padre Eterno disteso sulle nuvole. Al centro l’Immacolata a mani giunte e capo rivolto verso l’alto. Inginocchiati e oranti sono: a destra S. Nicola di Bari con la destra posata sul petto e la sinistra reggente il pastorale. A sinistra Sant’Andrea con il libro tra le mani. La rappresentazione di quest’ultimo Santo non è a casa, considerata che la precedente chiesa era a lui dedicata.